Articoli marcati con tag ‘grecia’

Torneo dell’Acropoli: l’Italia perde con la Grecia e chiude al terzo posto

La Nazionale azzurra di basket chiude la sua esperienza al Torneo dell’Acropoli con una sconfitta per 79 a 65 contro i padroni di casa della Grecia. Come nelle precedenti gare, gli azzurri, classificatisi al terzo posto, hanno pagato le pessime percentuali nel tiro da tre punti.

Condividi/Salva

Finisce l’avventura del Setterosa ai mondiali di pallanuoto

Arrivata l’ora delle sfide da “guai ai vinti” ai campionati mondiali di pallanuoto. Oggi è toccata alle sedici squadre del torneo femminile cimentarsi negli ottavi di finale della competizione.

La sfida più attesa era quella che vedeva opposte la sqaudra campione del mondo in carica, la Grecia, e quella detentrice il titolo continentale, l’Italia.

Le due compagini non hanno tradito le attese e hanno dato vita a una partita emozionante che si è risolta solo ai rigori a favore della squadra ellenica.

Rispetto alla partita giocata con l’Ungheria, le azzurre hanno giocato con maggiore determinazione fin dalle prime battute di gioco. Dopo che il primo tempo si era chiuso sul 2 a 2, la seconda frazione si è aperta con il rigore del 3 a 2 di Roberta Bianconi.

In quel frangente, Tania Di Mario e compagne hanno avuto un passaggio a vuoto, permettendo alle greche di portarsi sul 3 a 5. La Garibotti ha accorciato le distanze in chiusura di tempo (4 – 5).

Terminato il terzo periodo con la Grecia in vantaggio di due reti, sul 5 a 7, è stata la Radicchi a dare la carica alla sua formazione che ha ribaltato la situazione, portandosi in vantaggio, sul 9 a 8, con un gol della Cotti.

Le azzurre non sono riuscite a conservare il vantaggio e, a pochi secondi dal termine, hanno subito la segnatura della Manolioudaki.

I sei minuti supplementari non hanno cambiato la sostanza delle cose, Esito della sfida rimandato ai tiri dai cinque metri: le elleniche hanno tirato con maggiore precisione e hanno ottenuto conseguentemente  il pass per gli ottavi di finale.

Condividi/Salva

Pallanuoto femminile: l’Italia affronterà la Grecia negli ottavi di finale

Il Setterosa ha chiuso il girone eliminatorio con una convincente vittoria per 13 a 5 contro il Brasile: un risultato che permette alle azzurre di piazzarsi in seconda posizione, alle spalle dell’Ungheria, vittoriosa, nell’ultimo turno, per 18 a 7 con il Kazakistan. Negli ottavi di finale, l’Italia dovrà affrontare la Grecia, classificatasi al terzo posto nel gruppo C

Condividi/Salva

Calcio femminile, pareggio senza reti della Nazionale in Grecia

Non riesce l’en plein alla Nazionale di calcio femminile nel girone di qualificazione agli Europei 2013. Dopo nove vittorie consecutive, le azzurre, nella sfida giocata ad Atene contro la Grecia, non sono andate oltre lo 0 a 0.

Il commissario tecnico Antonio Cabrini, con la qualificazione ormai acquisita, ha operato alcuni cambiamenti rispetto alla gara giocata contro la Polonia, inserendo, dal primo minuto, alcune giovani, come Ledri, Salvai e Bonansea.

Le azzurre hanno, per lunghi tratti della gara, mantenuto il pallino del gioco in mano, semza mai riuscire a concretizzare.. L’Italia chiude così il suo girone con un bottino di tutto rispetto: 9 vittorie e 1 pareggio.

Condividi/Salva

Europei di calcio: la Germania vince con la Grecia e rafforza la sua candidatura per la vittoria finale

Questa volta Davide non è riuscito nell’impresa di sconfiggere Golia: il quarto di finale sulla carta più squilibrato, quello tra Germania e Grecia, si è infatti chiuso con la vittoria per 4 a 2 della nazionale tedesca, che ora attende la vincente della sfida tra Italia e Inghilterra.

Per l’occasione, il commissario tecnico della Germania ha rivoluzionato il reparto avanzato della propria squadra, inserendo, dal primo minuto, Klose, Reus e Schurrle, al posto di Gomez, Muller e Podolski, con l’intenzione di aggirare il bunker greco, facendo leva sulla velocità di Reus e Schurrle che agivano dietro la punta della Lazio.

Il copione della partita è ben definto fin dalle prime battute con i tedeschi costantemente in fase avanzata e con i greci che, dal canto loro, si difendevano con ben 9 giocatori dietro la linea della palla.

La Germania, nel corso della prima frazione di gioco, ha dominato, sbagliando l’inverosimile, riuscendo a sbloccare il risultato solo al 39′ con un tiro dalla distanza di Lahm che ha sorpreso il portiere ellenico Sifakis, indeciso anche in altre occasioni.

All’inizio della ripresa, il ct greco Fernando Santos ha provato a rivitalizzare la sua squadra, inserendo Gekas e Fotakis.

Al 54′, inaspettato, è arrivato il gol del pareggio della Grecia, con Samaras che, servito da Salpingidis, ha finalizzato una perfetta azione di contropiede, agevolata da un grossolano errore di Boateng.

E’ stato l’unico lampo dei greci, poi la Germania ha ripreso a macinare gioco, tornando in vantaggio al 60′, con un gran colpo al volo di Khedira.

Tornati in vantaggio, i tedeschi hanno dilagato, realizzando altri due gol, prima con Klose – che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ha anticipato Sivakis che ha completamente il tempo dell’uscita – poi con Reus che ha ribadito in porta dopo che Sifakis non aveva trattenuto, per l’ennesima volta, il pallone.

Quasi allo scadere, Salpingidis ha trasformato un rigore concesso per un fallo di mano in area di rigore di Boateng.

Condividi/Salva

Europei di calcio: Repubblica Ceca e Grecia accedono ai quarti di finale

Prima grande sorpresa agli europei di calcio, in fase di svolgimento in Polonia e Ucraina: la Russia, inserita da molti degli addetti ai lavori, nel lotto delle favorite, esce inaspettatamente al primo turno, dopo aver perso con il risultato di 1 a 0 la sfida con la Grecia che accede così ai quarti di finale, insieme alla Repubblica Ceca che, a sua volta, ha sconfitto i padroni di casa della Polonia con l’identico punteggio.

Russia – Grecia: Un gol allo scadere della prima frazione di gioco dell’esperto Karagounis, favorito da un clamoroso errore del difensore russo Ignashevich, ha regalato così alla Grecia un’insperata qualificazione.

A onor del vero bisogna dire che i russi, nel primo tempo, hanno tenuto in mano le redini del gioco, peccando di precisione in fase di finalizzazione.

Nella ripresa, la Russia ha tenuto in mano il pallino del gioco, mentre gli ellenici hanno potuto impostare la tattica a loro più congeniale, fatta di difesa e ripartenze, con Samaras che è stato una vera e propria spina nel fianco della difesa russa.

Le occasioni più ghiotte del secondo tempo le ha avute proprio la Grecia: la più netta intorno al 70′, quando Tsavellas ha centrato su punizione l’incrocio dei pali. 

Polonia – Repubblica Ceca: Nonostante il sostegno di un popolo intero, la Polonia non è riuscita nell’impresa di superare la Repubblica Ceca.

I polacchi, che hanno palesato notevoli limiti tecnici, soprattutto in fase difensiva,  hanno provato a spingere, senza riuscire a creare nitide azioni da gol.

Dopo un primo tempo avaro di emozioni, nel secondo tempo le notizie che arrivavano dall’altro campo hanno dato nuova linfa alla Repubblica Ceca che, al 72′, ha realizzato il gol qualificazione con Jiracek che ha finalizzato al meglio un’azione di contropiede

Condividi/Salva

Europei di calcio: risorge la Repubblica Ceca, pareggio tra Polonia e Russia

Grecia – Repubblica Ceca: La Repubblica Ceca si risolleva, dopo la pesante sconfitta all’esordio contro la Russia, e supera con il risultato di 2 a 1 una Grecia troppo remissiva per lunghi tratti della gara.

L’avvio dei cechi è stato devastante: due gol nei primi sei minuti. A sbloccare il risultato, al 2′, è stato Jiracek, ottimamente servito in profondità.

Dopo tre minuti, la Repubblica Ceca ha realizzato il gol del raddoppio con Pilar che ha finalizzato un’ottima azione corale.

Nel prosieguo del primo tempo è apparsa netta la supremazia dei cechi, mentre la Grecia ha palesato notevoli difficoltà a imbastire azioni degne di nota, fatta eccezione per un gol annullato al 40′, per un fuorigioco apparso alquanto dubbio.

Le cose sono, in parte,  cambiate nella ripresa, quando la Repubblica Ceca ha perso brillantezza, cedendo campo ai greci che, al 52′, con Gekas hanno accorciato le distanze, complice un marchiano errore di Cech, uno dei migliori portieri al mondo.

Nei minuti successivi, l’allenatore della Grecia ha optato per un atteggiamento iper offensivista, schierando quattro attaccanti, senza riuscire a creare grossi pericoli alla retroguardia della Repubblica Ceca.

Polonia – Russia: Finisce in parità, 1 a 1, la tanto attesa sfida tra i padroni di casa della Polonia e una delle favorite del campionato europeo, la Russia.

Il risultato rispecchia, a grandi linee, l’andamento della sfida, con i polacchi che hanno contrastato i russi, superiori sia dal punto di vista tecnico che tattico, puntando sulle armi della grinta e della determinazione.

La gara è stata vivace fin dai primi minuti di gioco, con la formazione di casa che, per le sue iniziative offensive, ha puntato sulle giocate della stella Lewandovski.

Nelle fasi successive del primo tempo, la Russia ha preso in mano le redini del gioco, agendo prevalentemente in velocità e sbloccando il risultato con Dzagoev, il capocannoniere dell’europeo fino a questo momento, che ha colpito con un colpo di testa in anticipo sugli sviluppi di un calcio di punizione di Arshavin.

Nelle fasi iniziali della ripresa, le due squadre hanno continuato a giocare a buon ritmo e hanno, da subito, cercato la rete. Al 52′, dopo che la Russia aveva fallito una clamorosa occasione, i polacchi hanno realizzato il gol del pareggio con un bolide imprendibile di Blazcykowsky.

Il ritmo è calato nel finale, con la Polonia che si è fatta preferire, mentre i russi non sono più riusciti a proporsi in maniera pericolosa.

La situazione del girone A: La Russia, dopo le prime due giornate, conserva il primo posto con 4 punti, davanti alla Repubblica Ceca (3 punti). Le due squadre, in vista dell’ultima giornata – in programma le sfide: Russia – Grecia e Polonia – Repubblica Ceca – avranno a disposizione due risultati su tre, mentre la Polonia e la Grecia sono obbligate a vincere per passare il turno.

Condividi/Salva

Europei di calcio: pareggio tra Polonia e Grecia, Russia a valanga contro la Repubblica Ceca

Polonia – Grecia: La sfida tra la Polonia – paese organizzatore insieme all’Ucraina – e la Grecia ha aperto il programma dei campionati europei 2012. La partita è terminata sull’1 a 1, un risultato che rispecchia l’andamento della gara, con i polacchi che si sono fatti preferire nella prima frazione di gioco, lasciando, invece, l’iniziativa ai greci nella ripresa.

La Polonia, trascinata dal tifo dei suoi sostenitori, è partita con il piede sull’acceleratore, legittimando la superiorità con un gol, al 17′, della stella Lewandovski, il quale, lasciato colpevolmente solo nell’area di rigore, ha centrato la porta con un colpo di testa.

Al termine della prima frazione di gioco, l’espulsione di Sokratis, per doppia ammonizione, sembrava far pendere la bilancia a favore della Polonia.

Il tecnico dei greci, invece, azzeccava la mossa giusta in avvio di ripresa, inserendo Salpingidis che ripagava la fiducia del mister, realizzando, al 53′, il gol del pareggio, dopo un’indecisione dell’estremo difensore polacco.

La Grecia ha avuto una ghiotta occasione per passare in vantaggio, quando, al 63′, Szczesny ha atterrato Salpingidis lanciato a rete. Il direttore di gara ha concesso il penalty alla compagine ellenica e ha espulso il portiere della Polonia.

Sul dischetto si è portato l’esperto Karagounis, che si è vesto respingere il tiro dal neo entrato Tyton.

La Polonia ha palesato notevoli difficoltà in fase difensiva, soprattutto con i due centrali, mentre la Grecia ha fatto valere il maggior tasso di esperienza, soprattutto quando è calato il ritmo della partita.

Russia – Repubblica Ceca: Il secondo incontro di giornata ha visto affrontarsi una delle squadre più attese di questa competizione, la Russia, opposta alla Repubblica Ceca, da molti considerata la cenerentola del raggruppamento.

Nei primi dieci minuti, la squadra ceca ha tenUto bene il campo, poi la Russia è riuscita a imporre il suo gioco fatto di fraseggi palla a terra e passaggi in profondità.

Al 25′, la Russia conduceva già 2 a 0, grazie alle reti di Dzagoev e Shirokov, abili a finalizzare due ottime azioni corali.

Nel prosieguo del tempo, i russi hanno conrollato agevolmente la situazione, peccando di precisione in fase conclusiva.

Al 52′, il ceco Pilar ha accorciato le distanze, poi, nel finale, la Russia ha dilagato, legittimando la propria superiorità.

I russi hanno così realizzato altre due reti: la prima con lo stesso Dzagoev, la seconda con Pavlyuchenko.

Con questo successo, la formazione russa conferma le buone impressioni destate nell’amichevole contro l’Italia e mette una grossa ipoteca sulla qualificazione. Difficile appare il cammino per la Repubblica Ceca, apparsa deficitaria sia nella fase difensiva che in quella offensiva.

Condividi/Salva
Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it