Articoli marcati con tag ‘caserta’

Caserta ha più fame e vince, la Dinamo non esce dal tunnel della crisi

Alla fine ha avuto la meglio Caserta con la sua fame, con la sua voglia di sputare sangue per ottenere una salvezza che, visto l’andamento della prima parte della stagione, avrebbe del miracoloso. La Dinamo, invece, si lecca le ferite per la quinta sconfitta consecutiva, che certifica la crisi di un gruppo che, fatta eccezione per le Final Four di Coppa Italia e per altri rari episodi, non è mai stato tale dall’inizio della stagione.

Ma Desio non è mai stata così lontana, lo stato di crisi è sotto gli occhi di tutti tra eccessivi individualismi, gestioni sbagliate, problemi atavici nell’attaccare la zona e, soprattutto, una difesa troppo allegra nella seconda parte di gara, quando i casertani sono riusciti a risalire dal – 13, trascinati dalla lucida regia di Moore, uno dei migliori playmaker puri del campionato italiano, dall’espolisività di Ivanov, dalla precisione al tiro di Antonutti, dalla classe e dall’esperienza di Domercant.

I casertani, obbligati  a vincere per tenere vivo il sogno salvezza, hanno approcciato la gara nel migliore dei modi, e hanno piazzato un break iniziale di 13 a 7, ma i biancoblù, con Dyson e Brooks ispirati, hanno risposto con un controparziale di 0 a 10 per 1l 13 a 17. I liberi di Domercant hanno rianimato Caserta, ma la Dinamo ha allungato le distanze con la tripla di Brooks (14 a 20) per poi chiudere il periodo sul + 5 (19 a 24).

Allungo di Sassari in avvio del secondo quarto (21 a 28 con una tripla del figliol prodigo, Sosa), ma i padroni di casa sono rimasti sul pezzo e sono risaliti fino al – 3 (30 a 33), costringendo coach Sacchetti a chiamare time out per destare i suoi uomini dal torpore.

Le risposte giuste sono arrivate da Sanders che, abulico per buona parte della gara, ha rilanciato la sua formazione con un’ottima giocata offensiva e con un recupero difensivo per il 30 a 37. Poi, la stessa ala ha messo la firma sul +10 (36 a 46), vantaggio difeso fino al termine della frazione, chiusa sul 38 a 48.

Durante l’intervallo, il coach campano ha provato a dare la scossa ai suoi uomini, risaliti al – 6, grazie a quattro punti consecutivi di Scott. A quel punto è risalito alle stelle l’entusiasmo del PalaMaggiò, ma a gelare l’ambiente ci hanno pensato Sanders, Lawal e Dyson, che hanno fatto volare la Dinamo sul + 13 (42 a 55).

Da quel momento in poi, i sassaresi sono andati via via spegnendosi, mentre i casertani, rianimati da Antonutti e Domercant, hanno trovato forze ed energie per riaprire i giochi.

Le due squadre si sono così presentate al via dell’ultimo periodo con un distacco di soli tre punti (64 a 67). Ma nel momento topico della contesa, come scritto precedentemente, i casertani hanno dimostrato di avere più cattiveria, più voglia di vincere. Esemplificativa, a tal proposito, la palla recuperata da Domercant sul 78 a 82. Quella è stata la molla per l’ultimo e decisivo scatto di Caserta, che ha chiuso i conti con la tripla dello stesso Domercant e i canestri di Moore e Vitali. Poi la concomitante vittoria di Trento ha reso ancora più amara la serata dei biancoblù, scivolati ora al quinto posto.

Condividi/Salva

Il punto sulla nona giornata della serie A di basket

Nona vittoria su nove partite finora disputate per la capolista Varese che, nell’ultimo turno, ha vinto per 91 a 78 contro Reggio Emilia.

Alle spalle dei lombardi, con quattro punti di distacco, si trova la coppia formata da Siena, che ha vinto 54 a 67 lo scontro diretto con Cantù, e dalla Dinamo Sassari, che si è imposta a fatica (80 a 78) sulla Vanoli Cremona.

Le stesse difficoltà le ha avute Milano che, grazie a un ottimo quarto tempo, è riuscita, comunque, a imporsi sul campo di Montegranaro con il punteggio di 76 a 82. Sconfitta casalinga anche per l’altra squadra marchigiana, Pesaro, superata per 63 a 77 da Caserta.

Vittorie casalinghe, infine, per Bologna (85 a 79 su Roma), Avellino (81 a 71 su Brindisi) e Biella (68 a 59 su Venezia).

Classifica

Varese 18

Siena, Dinamo 14

Cantù 12

Reggio Emilia, Bologna, Roma, Milano 10

Brindisi, Caserta 8

Biella, Avellino, Venezia 6

Cremona, Pesaro, Montegranaro 4.

Condividi/Salva

La Dinamo vince a Caserta e chiude al quarto posto

La Dinamo chiude la stagione regolare al quarto posto e affronterà, nei quarti di finale dei play off, la Canadian Solar Bologna, vista anche l’inattesa sconfitta di Pesaro sul campo della già retrocessa Casale: questo il verdetto finale alla luce dei risultati maturati nell’ultima giornata della stagione regolare del massimo campionato di basket.

I biancoblu giocheranno così l’eventuale bella in casa e non sarà un vantaggio da poco per Vanuzzo e compagni che. in tutto l’anno, hanno perso due sole partite tra le mura amiche –  una contro Milano, l’altra contro Siena – e che hanno vinto tutte le partite al PalaSerradimigni nel girone di ritorno.

Ben poco da dire sulla gara odierna, che si è trasformata in un monologo dei ragazzi di coach Sacchetti, che hanno messo, da subito,  le cose in chiaro, realizzando 22 punti nei primi sei minuti di gioco, con ottime percentuali al tiro, e chiudendo il primo quarto sopra di nove punti, sul 21 a 30.

Solo nella seconda frazione di gioco, i padroni di casa hanno provato a infastidire i biancoblu che, comunque, hanno conservato le nove lunghezze di vantaggio, andando all’intervallo lungo sul 39 a 48.

Nei successivi due quarti, la Dinamo è stata padrona assoluta della situazione, chiudendo la gara con un eloquente 69 a 95.  Dopo il suono finale della sirena, è arrivata la notizia più lieta: quella della vittoria di Bologna contro Cantù che ha dato la certezza della quarta posizione.

Tabellino:

Caserta: Maresca 13, Kudlacek 4, Righetti 5, Marzaioli, Collins 8, Smith 18, Stipanovic 8, Bell 8, Moretti, Cefarelli, Loncarevic, Doornekamp 5. All. Sacripanti.

Dinamo Sassari: Metreveli 14, Binetti, Hosley 14, Devecchi 4, Diener T. 14, Sacchetti 1, Plisnic 18, Diener D. 19, Vanuzzo 3, Pinton 4, Easley 4. All. Sacchetti.

Classifica al termine della stagione regolare: Siena 48, Milano 44, Cantù 42, Dinamo Sassari 40, Bologna 40, Pesaro 38, Venezia 34, Varese 34, Avellino 30, Cremona 28, Treviso 26, Biella 26, Roma 26, Teramo 24, Montegranaro 24, Caserta 24, Casale 16.

Condividi/Salva

La Dinamo gioca a Caserta con l’obiettivo di conquistare il quarto posto

Sarà Caserta l’ultima tappa della straordinaria stagione regolare della Dinamo. I ragazzi di coach Sacchetti scenderanno in campo con l’obiettivo di tornare alla vittoria lontano dalle mura amiche del Palaserradimigni e aspetteranno poi buone notizie dal campo della retrocessa Casale, dove sarà di scena la Scavolini Pesaro e da quello di Bologna, dove i felsinei riceveranno la visita di Cantù.

Sia emiliani che marchigiani sono in lotta insieme ai biancoblu per conquistare il quarto posto che garantirebbe un vantaggio considerevole nei quarti di finale dei play off, con la disputa della eventuale bella in casa.

Le tre squadre sono ora a pari punti e un arrivo a tre premierebbe la Dinamo, in vantaggio sulle concorrenti nella classifica avulsa, quindi, in caso di vittoria di tutte e tre le formazioni, la compagine sassarese si classificherebbe all quarto posto, mentre scivolerebbe al quinto posto, nel caso di arrivo a pari merito con Pesaro.

Per quel che riguarda la partita di domani, Vanuzzo e compagni affronteranno una formazione che, da tempo, non ha più nulla da chiedere a questo campionato, ma che non vorrà fare la vittima sacrificale sia per salutare il pubblico amico con una vittoria sia per vendicare la sconfitta dell’andata, quando i casertani giocarono una delle partite più brutte dell’anno, perdendo per 74 a 56.

Condividi/Salva

La Dinamo vince agevolmente contro Caserta e accede alle final eight di Coppa Italia

La Dinamo ha chiuso il girone di andata, superando Caserta con il risultato di 74 a 56, ottenendo un altro risultato storico: la qualificazione alle Final Eight della Coppa Italia, che si svolgeranno a Torino dal 16 al 19 febbraio.

Una vittoria fin troppo facile per i ragazzi di coach Sacchetti, dopo una partita che non è stata, di certo, un bello spot per la pallacanestro italiana.

L’avversario odierno dei biancoblu è stato fin troppo remissivo. Il solo a salvarsi dal disastro generale, tra le fila dei casertani, è stato l’ottimo Smith, che ha chiuso con 28 punti con ottime percentuali, mentre i compagni di squadra sono stati autori di una prestazione totalmente deficitaria, in particolare Collins, autore di un solo punto.

Per quanto riguarda la Dinamo, restano da salvare di questa giornata, oltre ai due punti, il buon contributo offerto dalla panchina, la ritrovata intensità difensiva (ottimo in questo fondamentale Quinton Hosley) e le buone prove di Pinton e Plisnic, mentre non sono apparsi  al top della condizione i due Diener, che sembrano aver bisogno di un pò di riposo, inoltre i biancoblu, anche in una gara dominata, hanno perso nettamente la sfida ai rimbalzi.

Poco da raccontare di una partita il cui risultato è rimasto in discussione per meno di un quarto. La formazione sassarese si è portata subito in vantaggio sull’8 a 4, poi i casertani hanno momentaneamente ribaltato il punteggio, andando sull’8 a 9. La gara degli ospiti è è praticamente finita in quel momento. La Dinamo ha stretto le maglie in difesa e ha piazzato il primo break,  chiudendo la frazione sul 26 a 16.

Il secondo quarto dei campani, che hanno totalizzato solo quattro punti, è stato pressochè disastroso e Vanuzzo e compagni, pur non facendo niente di trascendentale, hanno allungato in maniera definitiva, andando all’intervallo lungo avanti 41 a 20.

Nel terzo e nel quarto periodo si è giocato per pura accademia, con i biancoblu che hanno rallentato il ritmo e con gli ospiti che non hanno trovato la forza di rientrare in partita. I sassaresi, infatti, si sono mantenuti costantemente sui 20 punti di vantaggio.

Tabellino:

Dinamo Sassari: Metreveli 6, Binetti, Hosley 10, Devecchi 5, Diener T. 6, Sacchetti 3, Plisnic 12, Diener D. 9, Vanuzzo 9, Pinton 7, Easley 7. All. Sacchetti.

Caserta: Rianna, Maresca 4, Righetti, Marzaioli, Collins 1, Smith 28, Stipanovic 6, Bell, Di Monaco, Cefarelli, Doornekamp 11, Fletcher 4. (foto, Luca Foddai)

Condividi/Salva

Il punto sulla quarta giornata della serie A di basket

E’ Caserta l’unica squadra ancora imbattua, dopo che si sono giocate le prime quattro giornate del massimo campionato di basket. I campani – che hanno già osservato il turno di rposo – hanno conquistato la terza vittoria consecutiva, sconfiggendo Casale (ancora ferma a 0 punti) con il punteggio di 67 a 52.

Ha subito la prima sconfitta stagionale, invece, Cantù, superata, in casa, da Pesaro, che ha ritrovato James White.

Vittorie in trasferta, invece, per le altre due compagini maggiormente accreditate alla vigilia: Siena e Milano. I toscani hanno vinto, faticando, in casa di Biella; mentre Milano si è imposta agevolmente sulla Dinamo, scesa in campo senza l’uomo più rappresentativo, Travis Diener.

Già detto di Casale, anche Teramo resta a secco di punti. La formazione abruzzzese è stata sconfitta in casa da Avellino, che si conferma squadra di valore, nonostante le difficoltà economiche che hanno tormentato la società irpina.

Muove la classifica Venezia, che, vincendo 72 a 62 contro Montegranaro, ritorna al successo in serie A dopo 17 anni.

Vittorie di misura per Varese (74 a 76 a Roma) e Bologna (80 a 78 su Cremona, alla quale non sono bastati i 31 punti della stella Wafer Von). Ha riposato Treviso.

Condividi/Salva
Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it