Articoli marcati con tag ‘andrea sanna’

La Torres supera il Pula con un rigore di Sanna

Archiviata la parentesi negativa di Castelsardo, la Torres ha ripreso la sua marcia, superando, al Vanni Sanna, il Pula con il risultato di 1 a 0, grazie a un rigore realizzato da Sanna e concesso per un fallo commesso su Alessandro Piras. Per i rossoblu si tratta della sedicesima vittoria casalinga sulle sedici gare finora disputate. Un successo, all’ultimo turno – in programma per il 22 Aprile – con il San Teodoro permetterebbe a Deliperi e compagni di fare percorso netto tra le mura amiche: un risultato che sarebbe la ciliegina finale di una stagione straordinaria.

Nella partita di questo pomeriggio, giocata davanti a pochi intimi (bisogna dire che l’orario, le 16, e la giornata lavorativa non hanno favorito l’afflusso dei tifosi), le due compagini si sono affrontate, per lunghi tratti, a ritmi blandi.

Nell’undici titolare, hanno trovato nuovamente posto Bisogno, Manzini, De Carlo e Tedde, mentre il tecnico, Mauro Giorico, ha concesso un turno di riposo a Deliperi – sostituito da Manca, che ha ben figurato -, e Accardo, e ha dato spazio, tra gli altri, ai giovani Compagno, per la seconda volta consecutiva nella formazione titolare, e Federico Piras.

Dopo un avvio convincente dei padroni di casa, la gara, con il passare dei minuti, è scesa di tono. Ben poche le azioni degne di nota nel corso del primo tempo, eccezion fatta per una punizione di Manzini e un’iniziativa di Tedde, mentre gli ospiti si sono resi pericolosi solo in un’occasione, favoriti da un errore della retroguardia sassarese.

Ancora più avara di emozioni la seconda frazione, nella quale Giorico ha inserito Sotgiu, Pippia e Sanna. Solo intorno alla metà del tempo, i rossoblu hanno provato a spingere alla ricerca del gol e al 39′ hanno sbloccato il risultato. A quel punto, gli ospiti, alla quarta sconfitta consecutiva, non hanno avuto nè il tempo nè la forza di reagire.

Condividi/Salva

La Torres passeggia col Tavolara

E’ difficile trovare, nel vocabolario della lingua italiana, aggettivi che possano descrivere nel migliore dei modi la straordinaria stagione della Torres che ha letteralmente lasciato le briciole alle avversarie, imponendo in tutti i campi il proprio gioco e trasformando il campionato in corso in una cavalcata trionfale.

Anche questo pomeriggio, nella sfida contro il Tavolara, i rossoblu hanno offerto l’ennesima prova di forza, rifilando quattro gol ai malcapitati galluresi.

I ragazzi di mister Giorico hanno risolto la pratica con tre gol in poco più di venti minuti.

Come da consolidata consuetudine di questo campionato, la formazione sassarese ha sbloccato il risultato dopo pochi scampoli di partita. Al 2′, infatti, è stato Andrea Sanna, servito in profondità, a depositare in rete dopo aver scartato l’estremo difensore dei verdi olbiesi.

Al 6′, lo stesso Sanna, dopo un’ottima azione personale, ha servito Falchi che ha spedito fuori da ottima posizione. Al 20′ è stato proprio Falchi a realizzare la rete del raddoppio, al termine di un’azione insistita sulla fascia destra di Pippia e Accardo.

Al 23′, Sanna, partito in velocità, ha messo a segno il terzo gol. La partita è praticamente finita lì. Nella ripresa c’è stato spazio per la quarta segnatura della Torres con Idda che ha colpito con un tiro da fuori area, per il resto del tempo i sassaresi hanno controllato la situzaione, risparmiando energie preziose in vista della gara di ritorno dei quarti di finale della Coppa Italia contro il Termoli, in programma per mercoledì 14 marzo.

Bisogna sottolineare che, per l’ennesima volta, è stato impedito ai tifosi sassaresi di poter godere dal vivo dell’ennesimo trionfo dei propri beniamini.

Condividi/Salva

La Torres supera il Muravera

Ormai, dopo i risultati maturati questo pomeriggio, manca solo il conforto della matematica per poter festeggiare il ritorno, dopo un “calvario” lungo troppi anni, della Torres in un campionato nazionale.

La compagine sassarese, infatti, ha liquidato, senza particolari patemi, il Muravera, superato con il risultato di 2 a 0, mentre l’Olbia ha chiuso sull’1 a 1 la sfida casalinga contro la Nuorese. Come conseguenza di ciò, i rossoblu hanno portato nuovamente a dodici i punti di vantaggio sui più diretti inseguitori.

I sassaresi hanno saputo sopperire alle importanti assenze di De Carlo e Tedde, mantenendo in mano le redini dell’incontro dal primo all’ultimo minuto e concedendo ben poco agli avversari, che erano in un buon momento di forma.

Dopo una prima fase di studio, al 17′, il bomber Fabrizio Falchi ha sbloccato il risultato, sfruttando una respinta corta dell’estremo difensore ospite.

Per il resto della prima frazione di gioco, la partita non ha regalato particolari emozioni allo scarso pubblico presente sugli spalti (per l’ennesima volta siamo costretti a rimarcare il fatto che la maggioranza dei sassaresi continua inspiegabilmente a disertare lo stadio).

Nelle fasi iniziali della ripresa, il Muravera ha provato ad alzare il baricentro del proprio gioco, senza creare particolari problemi al sempre attento Deliperi.

La Torres, dal canto suo, ha spinto alla ricerca del gol sicurezza, che è arrivato al 37′, grazie ad Andrea Sanna, che, sfruttando una perfetta assistenza di Falchi, ha centrato la porta con un preciso colpo di testa. Lo stesso attaccante, nei minuti precedenti, aveva fallito due nitide occasioni da gol.

 I ragazzi di mister Giorico – che, nella ripresa, ha dato spazio ai giovani Mulas, Pippia e Compagno - hanno chiuso in avanti, come a voler legittimare l’ennesimo successo di una stagione trionfale.

Condividi/Salva

Continua il volo della Torres: vittoria per 2 a 0 contro il Sanluri

E ora sono dodici i punti di vantaggio della Torres sull’Olbia. I rossoblu, questo pomeriggio, hanno, infatti, conquistato la ventunesima vittoria stagionale, superando con il risultato di 2 a 0 un buon Sanluri, dopo una partita nella quale le due squadre hanno offerto uno spettacolo gradevole al poco pubblico presente sugli spalti.

I ragazzi di mister Giorico – che ha riproposto gli stessi undici schierati a Valledoria, cioè Deliperi in porta; Accardo, Madeddu (riconfermato dopo la brillante prova di una settimana fa), Idda e De Carlo in difesa; Manzini e Bisogno a centrocampo; Tedde, Pippia, Falchi e Sanna in avanti - hanno mantenuto, già nelle prime fasi di gioco, una certa supremazia territoriale, con gli ospiti ben schierati in campo che hanno provato a colpire con delle veloci ripartenze.

Detto ciò, nei primi trenta minuti, i due portieri non hanno corso sostanziali pericoli, fatta eccezione per un’incursione del Sanluri al 23′ e per un’azione insidiosa della Torres al 26′, con Tedde che non è riuscito ad approfittare di una indecisione della difesa campidanese. Poi, al 33′, Andrea Sanna ha realizzato il gol che ha permesso alla formazione rossoblu di sbloccare il risultato.

Nella ripresa, con il Sanluri ancora più propositivo in fase offensiva, la Torres ha fallito diverse occasioni per raddoppiare: al 4′, i difensori ospiti hanno salvato sulla linea di porta; al 6′ Falchi si è fatto respingere un tiro a botta sicura dal portiere Cinus, che si è ripetuto al 18′ su Sanna e al 41′ su Bisogno; mentre, al 30′, Tedde ha spedito a lato a portiere battuto.

Nel recupero è stato Joseph Manzini a mettere al sicuro il risultato con una punizione calciata magistralmente, chiudendo i conti di una gara che, siamo costretti a ripeterci, avrebbe meritato una diversa cornice di pubblico.

Condividi/Salva

Torres più forte di tutto e di tutti, vince 0 a 2 a Olbia e vola a + 10

Prestazione superlativa della Torres, che ha sbancato il campo dell’Olbia con un eloquente 0 a 2, portando così a 10 i punti di vantaggio sulla stessa formazione gallurese e chiudendo, praticamente, ogni discorso riguardante la promozione diretta.

La formazione rossoblu, questo pomeriggio, ha dimostrato di essere più forte di tutto e di tutti; più forte delle decisioni della commissione disciplinare che ha deciso di riaprire lo stadio ai tifosi olbiesi (pochi per la verità, circa 500 per quella che era la partita piu importante della stagione), mentre ai sassaresi è stato impedito, per l’ennesima volta di seguire la propria squadra in trasferta; più forte anche di chi non ha permesso alle persone di svolgere il proprio lavoro (alla redazione di www.forzatorres.org non è stato concesso di trasmettere la radiocronaca web, togliendo così ai sostenitori rossoblu anche l’unica possibilità di seguire la sfida).

Detto ciò, la partita si è giocata in un clima di intimidazione, dal primo all’ultimo minuto, nei confronti dei giocatori della Torres.

Mister Giorico ha schierato la formazione tipo: Deliperi in porta; Accardo, Idda, De Carlo e Mura in difesa; Bisogno e Manzini a centrocampo; Tedde, Pippia, Falchi e Sanna in avanti.

Avvio di gara nervoso, al punto che il giocatore dell’Olbia, Di Gennaro, è stato ammonito dopo soli due minuti.

Al 7′ è stato annullato, per fuorigioco, un gol ad Accardo che aveva insaccato dopo che Tedde aveva colpito la traversa.

Dopo questo episodio, i padroni di casa hanno provato a fare la partita, mentre i rossoblu hanno lasciato l’iniziativa agli avversari. La storia dell’incontro è cambiata al 35′, quando Sanna, servito da Bisogno, ha sbloccato il risultato con un preciso colpo di testa. Al 40′, la Torres ha chiuso definitivamente i conti della partita e, molto probabilmente, dell’intero campionato: sempre Sanna protagonista, l’attaccante rossoblu è stato abile a smarcarsi e a concludere in rete, complice un velo di Pippia. Nelle fasi finali del primo tempo, i sassaresi hanno sfiorato il gol in altre due occasioni, prima con Manzini e poi con Falchi.

In avvio di ripresa, Torres ancora pericolosa con i soliti Manzini e Sanna. I padroni di casa, a quel punto, hanno provato a reagire, ma la solida retroguardia rossoblu ha controllato agevolmente la situazione. Al 42′, Siazzu ha colpito la traversa, ma i tifosi locali, delusi, avevano già iniziato ad abbandonare lo stadio.

Il finale di gara è stato incandescente. Dopo il triplice fischio, i giocatori di casa che non hanno accettato la sconfitta, hanno cercato di metterla in rissa, al punto che le due squadre sono uscite dal campo scortate dalla polizia.

Condividi/Salva

La Torres rifila quattro reti al Castiadas e porta a sette i punti di vantaggio sull’Olbia

Nel girone di andata, il Castiadas era stata l’unica squadra capace di sconfiggere la Torres. Oggi, i campidanesi nulla hanno potuto contro lo strapotere di Deliperi (il portiere ha festeggiato le cento presenze in maglia rossoblu) e compagni, che si sono imposti con un netto 4 a 0.

Grazie a questo successo, i sassaresi, a pochi giorni dallo scontro diretto, hanno portato a sette i punti di vantaggio sull’Olbia, bloccata sullo 0 a 0 dal Carbonia.

Già dalle prime fasi, i ragazzi di mister Giorico, che ha dovuto rinunciare all’apporto di. Mura e Falchi, hanno premuto sull’acceleratore. Al 1′, Sanna si è reso pericoloso con un colpo di testa. Lo stesso attaccante rossoblu, al 12′, è stato abile ad anticipare il portiere ospite, ma la palla è uscita fuori di un niente. Sempre Sanna protagonista al 23′: un suo tiro, scagliato dal lato destro dell’area di rigore, ha trovato l’estremo difensore del Castiadas pronto alla respinta di piede.

Al 26′ Manzini – il migliore in campo - ha sbloccato il risultato, con una punizione calciata da posizione angolata: una vera e propria invenzione balistica per il forte centrocampista, non nuovo a giocate di questo tipo. 

Nei minuti successivi della prima frazione  la Torres si è più volte resa pericolosa. L’occasione più nitida è capitata sui piedi di Pazzola, che ha costretto il portiere Puddu alla deviazione in angolo.

Nei primi minuti del secondo tempo, il Castiadas, ben messo in campo, ha provato ad alzare il baricentro del proprio gioco, senza creare pericoli alla squadra di casa, che, invece, ha continuato a costruire azioni da gol, ad esempio con Manzini, sempre insidioso sui calci da fermo.

Nel finale, con le luci dei riflettori accese, la squadra di casa ha dilagato, prima con due rigori messi a segno da Andrea Sanna e, infine, con un gol di Alessandro Piras, che era subentrato all’applauditissimo Manzini.

Dopo il fischio finale, è arrivata la notizia del mezzo palso falso dell’Olbia, che ha reso ancora più lieta la giornata della tifoseria rossoblu.

Condividi/Salva

La Torres vince 1 a 0 contro il Riunite Villacidro

Massimo risultato con il minimo sforzo per la Torres, che ha superato il fanalino di coda Riunite Villacidro, con il punteggio di 1 a o, conquistando così la nona vittoria nelle prime dieci partite e conservando tre punti di vantaggio sull’Olbia e quattro sul Fertilia.

Il match winner è stato Andrea Sanna, il quale ha realizzato la rete, che ha deciso l’incontro, nei minuti finali del primo tempo, quando ha sfruttato un assist di Tedde e ha superato il portiere ospite Pomarè, con un preciso tocco da dentro l’area di rigore.

Troppo netto il divario tecnico tra le due formazioni, infatti prima e dopo il gol, la partita – prima della quale è stato osservato un minuto di raccoglimento per ricordare Marco Simoncelli, tragicamente scomparso nel corso del GP della Malesia - è stata un monologo dei ragazzi di mister Giorico (che ha dovuto rinunciare all’ apporto di alcuni elementi fondamentali, come ad esempio Bisogno e De Carlo)  che hanno sprecato troppo in fase offensiva, tra legni colpiti - due traverse di Sanna ed un  palo di Pippia  – e parate dell’estremo difensore villacidrese, il migliore dei suoi.

Il fatto di non aver chiuso la partita è stato il difetto più rilevante della prestazione odierna della Torres che, nel finale, ha rischiato di subire il gol del pareggio, che avrebbe avuto il gusto amaro della beffa.

Condividi/Salva

La Torres vince in rimonta contro il Carbonia e stacca l’Olbia

Con due reti, realizzate nelle fasi finali della partita, rispettivamente da Gigi Lavecchia e Andrea Sanna, la Torres ha sconfitto il Carbonia – che era andato in vantaggio, nel primo tempo, con un tiro scagliato da Bullegas, che si è infilato all’incrocio dei pali  – e, grazie alla concomitante sconfitta dell’Olbia contro il Fertilia, occupa, in solitario, il primo posto della graduatoria.

Vittoria conquistata più con il carattere che con il gioco, quella ottenuta oggi dai rossoblu contro la formazione mineraria, che si è difesa con ordine, chiudendo bene gli spazi e vincendo, per lunghi tratti dell’incontro, la sfida a centrocampo.

Mister Giorico ha schierato quella che era la formazione attesa alla vigilia: Accardo, Idda, De Carlo e Mura davanti a Deliperi; linea mediana formata da Manzini e Puggioni, che ha preso il posto dello squalificato Piras; Bisogno, Tedde e Pippia a sostegno dell’unica punta Sanna.

Il leitmotiv della sfida è stato chiaro fin dalle prime battute, con la Torres che ha provato da subito a fare la partita, ma i rossoblu sono apparsi poco incisivi , con scarso collegamento tra i reparti, soprattutto tra difesa e centrocampo, e con  gli attaccanti che hanno fatto poco movimento senza palla.

Nonostante ciò, a metà della prima frazione di gioco, la compagine sassarese ha avuto due nitide occasioni da gol con Pippia che prima, al 27′, ha sfiorato la segnatura con un colpo di testa, poi, al 30′, trovatosi da solo davanti al portiere ospite, invece di tirare in porta, ha preferito servire un compagno, il quale è stato anticipato da un difensore della squadra mineraria.

Al 40′ è arrivato il gol, di cui abbiamo scritto sopra, che ha dato il momentaneo vantaggio al Carbonia, e che ha demoralizzato i ragazzi di Giorico che, nella ripresa, à stato costretto a rivoluzionare la formazione. Falchi, Lavecchia, e Pazzola sono stati inseriti rispettivamente al posto di Puggioni, apparso disordinato ed inconcludente, Manzini, meno brillante del solito, e Pippia.

Una Torres a trazione anteriore che ha attaccato con poco costrutto – pur andando vicino alla segnatura in un paio di occasioni –  fino ai minuti finali, quando i rossoblu hanno violato, per due volte, la porta ospite, regalando una grande soddisfazione ai propri sostenitori.

Condividi/Salva

Sanna e Manzini alla Torres

La dirigenza rossoblu ha piazzato altri due colpi di mercato. Sono stati ingaggiati., infatti, altri due giocatori ex Fertilia. Si tratta del forte attaccante  Andrea Sanna e del mediano Joseph Manzini.

Questi ultimi acquisti si aggiungono a quelli già formalizzati nei giorni scorsi di Piras, Tedde e Diouf.

Condividi/Salva
Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it