La Torres vince la finale regionale contro il Fertilia

La finale odierna,  tra Torres e Fertilia, ha avuto tutti gli ingredienti tipici di questo genere di partite, in primis il pubblico. Sono stati in 5000 a gremire gli spalti del Vanni Sanna, dimostrando che Sassari merita ben altre categorie e spingendo la formazione rossoblu verso una vittoria sofferta. I ragazzi di mister Bacci si sono, infatti, imposti con il risultato di 2 a 1 su una squadra ben attrezzata, che ha puntato su quelle che sono le sue caratteristiche principali, la fisicità e l’abilità nelle ripartenze.

Già dai primi minuti, i ventidue giocatori in campo hanno dimostrato di sentire l’importanza della posta in palio. Il nervosismo l’ha fatto da padrone per tutto il primo tempo. Il primo episodio, in tal senso, è capitato già all’8′, quando l’arbutro ha espulso Cadau della Torres e Masala del Fertilia, rei di punzecchiarsi in area di rigore, durante una prolungata mischia  sugli sviluppi di un calcio di punizione.

La decisione del direttore di gara – che  ha sciorinato cartellini per tutto l’arco della partita – ha creato grossi problemi, dal punto di vista tattico, ai sassaresi che sono diventati lenti e macchinosi, reggendosi, in fase offensiva, sulle iniziative dei soli Marras e Cristian Sias.

Nella fase centrale della prima frazione, i sassaresi si sono lamentati per alcuni episodi dubbi in area di rigore, mentre i giuliani si sono resi pericolosi in contropiede, ad esempio al 27′, quando Sanna con un colpo di testa è andato vicino alla segnatura.

Al 32′, gli ospiti sono rimasti in nove per l’espulsione di Puddu per fallo di reazione su Maninchedda. A quel punto, la situazione ha rischiato di degenerare, ma gli animi si sono subito calmati.

Nei primi minuti della ripresa è arrivato il gol di Boncore. In vantaggio di una rete e con un uomo in più, la Torres ha commesso, al pari di una settimana fa, l’errore di lasciare il pallino del gioco agli avversari  che, dopo aver sfiorato più volte la segnatura (decisivo in un paio di circostanze è risultato Deliperi, in particolar modo al 30′, quando è stato autore di un vero e proprio miracolo, deviando una palla che sembrava destinata ad entrare in porta), agguantavano il pareggio al 38′ con un rigore di Carboni, concesso per una trattenuta in area di Curcio che, nell’occasione, è stato anche espulso. Un errore gravissimo quello commesso dal difensore centrale che poteva costare caro. Ha  provveduto a rimettere le cose a posto, per la compagine rossoblu,  il buon Gigi Marras, che con un imperioso colpo di testa ha realizzato la rete decisiva.

Con questo successo, la Torres ha compiuto soltanto un piccolo passo verso il traguardo prefissato ad inizio stagione, la promozione in serie D, comunque non è ancora arrivato il tempo di festeggiare. Il tecnico e i suoi uomini, anzi, dovranno sfruttare il tempo che manca alle finali nazionali per cercare di limare quei difetti che sono emersi in più di un’occasione sia nella partita odierna che in quella di una settimana fa contro il Valledoria.

Tabellino

Torres: Deliperi, Piga, Maninchedda, Boncore ( dal 32′st Puggioni), Curcio, De Carlo, Cadau, Sias R., Marras (dal 42′st Matteo), Aliotta, Sias C. (dal 14?st Zanoletti). A dissposizione: Addis, Mura, Fenu, Mulas. All. Bacci.

Fertilia: Montella, Gnani, Masala, Sini, Cocco, Piras, Mereu (dal12′st Carboni), Manzini, Puddu, Tedde, Sanna. A disposizione. Bardino, Marras, Busi, Simula, Becca, Sanna. All. Giorico.

Arbitro:signor Renna della sezione di Carbonia, coadiuvato dagli assistenti De Giorgi e Tocco della sezione di Cagliari.

Condividi/Salva

Lascia un Commento

Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it