A Tanca Regia continua lo spettacolo del Sardegna Jumping Tour: domani la giornata conclusiva

Dopo il successo di giovedì nella C140, Roberto Arioldi ha concesso il bis nel piccolo Gran Premio, questa volta in sella a Battle Cry, con un tempo record nel barrage di 35″53, ben un secondo in meno rispetto al secondo classificato, Roberto Turchetto, con Lancelot. Terzo posto sardo grazie a Enrico Carcangiu che, con Ivan di Valmarina, ha chiuso con percorso netto. Ottimo quinto posto per il giovane olbiese Piero Pala, vera sorpresa della giornata, che ha portato la sua Galaxia in premiazione con un errore in barrage.premiazione-stefano-falzini

Nella C140 a fasi consecutive è stato Stefano Falzini ad imporsi montando Rembrando, davanti ad Arioldi con Dundee v/h Marienshof e all’oristanese Gianleonardo Murruzzu con Green Land Ma. Successo per un’amazzone nella C130 con la lombarda Simona Donolato che, in sella al cavallo sardo Itro, ha preceduto  il sassarese Franco Aroni,con Quieta Bella,  e  Davide Pusceddu con Gloria. Podio targato tutto Quattro Mori nella categoria riservata ai cavalli di sei anni: primo Luigi Angius con Roditas, secondo Marco Pau con Contrein e terzo Enrico Carcangiu con Radiance.

Sabato l’ultima giornata della kermesse di salto ostacoli che ha animato per due fine settimana Tanca Regia con 250 cavalli e oltre un migliaio tra cavalieri e spettatori. La gara-clou, il Gran Premio da 20 mila euro, è previsto per le 15.30 alla presenza del presidente della Fise nazionale, Vittorio Orlandi, della Fise regionale, Stefano Meloni, dell’assessore all’agricoltura della regione, Elisabetta Falchi, e dei vertici dell’Agris che, insieme al comitato sardo Fise, hanno allestito il Sardegna Jumping Tour 2016. (foto, Pasquale Corbinzolu)

Condividi/Salva

Lascia un Commento

Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it