Le parole della società sull’esclusione della Torres femminile

La notizia dell’esclusione della Torres femminile dall’elenco delle formazioni partecipanti al prossimo campionato di serie A ha provocato reazioni di delusione e sgomento in tutti coloro i quali hanno apprezzato e seguito le gesta di un gruppo di ragazze, che hanno tenuto alto il nome di Sassari in in Italia e in Europa. Ora, purtroppo, tutto questo rimarrà nel libro dei ricordi. E, siamo sicuri, inizierà la solita caccia ai colpevoli, il solito corollario di commenti, il solito rimpallo di responsabilità. C’è solo una certezza: la Torres femminile è morta nell’indifferenza generale, così come nell’indifferenza generale, le ragazze collezionavano trofei. Ora si spendono tante parole, ma ormai è troppo tardi. Torres femminile

Il primo intervento ufficiale è stato quello della società, che ha affermato di aver ricevuto l’ufficialità del rigetto dell’iscrizione a causa del mancato pagamento dei debiti pregressi.

Di seguito riportiamo la nota della società:

“Questa Società, nonostante i ripetuti appelli affinché venisse sanata la paradossale situazione di vedersi accollati i debiti della precedente gestione e di vedere versati i crediti (contributi regionali) a quella precedente, su un conto intestato alla vecchia Torres a tutt’oggi ancora aperto, ha dovuto far fronte alle ingiunzioni di pagamento di 8 calciatrici in organico fino all’ultimo anno della gestione dell’ex presidente Marras per la cifra di 90.000 euro.

Per alcune di loro le ingiunzioni di pagamento sono arrivate a questa Società, ed è stato possibile impugnare i provvedimenti, mentre per altre tre cause la Società non ha mai ricevuto le notifiche.

In forza di questi debiti accumulati la Lega Nazionale Dilettanti, dipartimento di calcio femminile, ha chiesto nei giorni scorsi a questa Società il pagamento dei debiti pregressi per una cifra complessiva di 45.000 euro.

Non potendo far fronte al pagamento immediato della cifra è stata proposta alla LND dipartimento femminile, in prima istanza, la possibilità di farsi carico delle posizioni debitorie delle atlete tramite una lettera d’intenti in cui si riportava l’avvio dell’azione legale nei confronti dei rappresentanti della vecchia società. E’ stato presentato un ricorso alla Covisod con una garanzia fidejussoria a copertura del debito, (garanzia che sarebbe stata concessa tramite la Torres maschile). E’ stata fatta un’ulteriore richiesta di rateizzazione del debito ma nessuna altra comunicazione è arrivata a questa Società fino ad oggi, quando abbiamo appreso, con grande dolore, dell’esclusione della squadra dal campionato.

Questa Società ha ritenuto doveroso comunicare quanto accaduto e i motivi che hanno condotto alla conclusione sportiva di questo percorso (per questa stagione) dovuto ad una situazione economica della Società particolarmente grave, e non dichiarata al momento del passaggio di consegne, oltre al mancato beneficio dei contributi pubblici, incamerati dalla vecchia gestione, che sta alla base della causa  intentata nei confronti della vecchia società.

L’esclusione dal campionato mortifica la Torres, la città, i suoi tifosi e il lavoro avviato in seno alla società, con l’acquisizione della femminile nella maschile, ma anche del settore giovanile al femminile. Anche per questo andranno al più presto superate le controversie legali che ancora legano questa Società a quella precedente, con grave pregiudizio non solo per il suo presente ma anche per il suo futuro“.

Condividi/Salva

Lascia un Commento

Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it