Continua lo spettacolo della finale scudetto: Milano vince a Siena e ora sarà decisiva gara 7

Per la gioia dei tanti appassionati, non finisce lo spettacolo della finale scudetto tra l’Olimpia Milano e la Mens Sana Siena che, nella serata odierna, hanno dato vita all’ennesima sfida al cardiopalmo, terminata con la vittoria per 72 a 74 dei ragazzi allenati da coach Banchi.Jerrels

Decisivo, ai fini della vittoria dei meneghini, è stato il canestro messo a segno da Jerrels, mentre, pochi secondi prima, il ferro aveva respinto il tiro dalla lunga distanza di Janning.

E ora, per determinare il nome della squadra che si cucirà sulla canotta il tricolore della stagione 2013 – 2014, sarà necessaria gara 7, in programma per venerdì 27 giugno al Mediolanum Forum, dove andrà in scena l’ultimo atto di una serie entusiasmante.

Reduci dall’inopinata sconfitta casalinga di due giorni fa, i milanesi hanno avuto una straordinaria reazione, dal punto di vista tecnico e mentale, e, fin dall’avvio di gara, hanno risposto colpo su colpo alle iniziative dei toscani Grazie alle giocate dei suoi uomini di maggior talento, Gentile e Langford, Milano ha chiuso il primo quarto in vantaggio di una lunghezza (20 a 21).

All’inizio del secondo periodo, Gentile, in versione NBA, ha portato la sua formazione sul + 4 (20 a 24). Poi è salito in cattedra Viggiano e Siena ha toccato i cinque punti di vantaggio (32 a 27).  A differenza delle precedenti uscite, Hackett e Moss hanno dato un contributo sostanziale e hanno permesso a Milano di rispondere con un controbreak di 0 a 7 (32 a 34).

Siena ha mosso il punteggio con l’ottimo Carter, poi due giocate di esperienza di Wallace hanno dato nuova linfa alla compagine meneghina, che ha chiuso il periodo sul 36 a 40.

All’inizio del terzo quarto, i milanesi hanno provato ad accelerare, con Gentile e Langford sugli scudi, e hanno accumulato un margine di vantaggio di 8 punti (38 a 46). Siena è rimasta a galla con una tripla di Ress e a due penetrazioni di Janning (49 a 55), ma ha poi subito l’iniziativa degli ospiti, che hanno allungato, portandosi sul + 11 (52 a 63) con un canestro di Lawal.
La tripla di Carter ha rianimato i toscani, i quali, nel oorso dell’ultimo periodo, hanno ribaltato la situazione e hanno messo la testa avanti (66 a 65 con una bomba di Haynes), Poi, come scritto precedentemente, il finale, vietato ai deboli di cuore, ha premiato Milano.
Condividi/Salva

Lascia un Commento

Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it