Sconfitta per la Dinamo con l’Olimpia Milano

Pur offrendo una prova di grande carattere, davanti a un PalaSerradimigni stracolmo, la Dinamo non è riuscita a superare la corazzata Olimpia Milano, che si è imposta con il punteggio di 69 a 75, trascinata dagli ottimi Langford e Melli, i quali hanno chiuso, rispettivamente, con 24 e 16 punti all’attivo.

Ai biancoblù, che hanno sofferto la fisicità degli avversari, sono costati cari alcuni errori in difesa nelle fasi topiche della gara. Bisogna aggiungere, poi, che alcuni uomini, Travis Diener in primis, sembrano ben lontani dai loro standard ottimali, e che il reparto lunghi continua a essere poco competitivo ad alti livelli: il discorso non riguarda il solo Linton Johnson, uno degli uomini più criticati di questa prima parte di stagione. E ora i tifosi si augurano che il ritorno di Drew Gordon possa cambiare lo stato delle cose.

Nelle fasi iniziali di gara, gli ospiti hanno fatto la voce grossa e si sono portati subito sul 2 a 8. Thomas ha rimesso in carreggiata la Dinamo che ha risposto con un controbreak di 9 a 0, portandosi sull’11 a 8. Nella parte finale del primo quarto, le due squadre sono andate a scatti: i biancoblù hanno chiuso il periodo in vantaggio di 2 punti (20 a 18) grazie a una tripla di Drake Diener.

L’ottimo Langford, vera spina nel fianco della difesa sassarese, ha impattato all’inizio del secondo periodo (20 a 20). Per buona parte della frazione, le due squadre hanno difeso con determinzaione e  sono rimaste a stretto contatto; solo nella parte finale. Milano ha provato un allungo (34 a 39), prontamente rintuzzato da Drake Diener, che, con una tripla, ha fissato il punteggio sul 37 a 39 alla fine del secondo quarto.

Al rientro in campo, la Dinamo ha rimesso la testa avanti con un gioco da tre punti di Caleb Green (40 a 39).  Grazie alle ottime giocate di Langford, l’Olimpia, pur tirando con pessime percentuali dalla lunga distanza, ha allungato fino al + 5 (53 a 58).

A cavallo tra la fine del terzo quarto e l’inizio dell’ultimo, i sassaresi hanno avuto una fiammata, insaccando tre bombe consecutive, portandosi sul 62 a 58. In quel frangente, però, si sono manifestati i difetti strutturali della compagine biancoblù, che ha sofferto lo strapotere fisico dei meneghini che, per l’ennesima volta, sono usciti vittoriosi dall’impianto di Piazzale Segni.

Tabellino

Dinamo Sassari: Green M. 2, Fernandez, Green C. 18, Devecchi 5, Diener T. Johnson 8, Diener D. 18, Vanuzzo, Tessitori, Thomas 8. All. Sacchetti.

Olimpia Milano: Gentile 2, Gigli, Cerella, Melli 16, Hackett 11, Kangur, Langford 24, Samuels, Wallace 6, Lawal 6, Moss 10, Jerrels. All. Bianchi.

Condividi/Salva

Lascia un Commento

Iscrizione al blog
Banner

www.asinaraviva.it

www.demontissrl.it