Articoli marcati con tag ‘verdeazzurro’

Riparte la serie A2 di pallamano maschile: impegno casalingo per la Raimond, derby tra Verdeazzurro e Selargius

Riparte, dopo la sosta, il campionato di serie A2 di pallamano maschile, che domani, sabato 11 novembre, vivrà il suo terzo atto stagionale. Nel girone A, quello in cui 22851798_2044324452468315_2114621777077212849_nsono inserite le compagini isolane, a far la voce grossa sono state le due squadre sassaresi, la Verdeazzurro e la Raimond Handball Sassari, che guidano la classifica a punteggio pieno con quattro punti all’attivo.

I ragazzi di Patrizia Canu sono attesi dal derby, in programma per le ore 18, con i cugini del Selargius, ancora fermi al palo dopo i primi due turni.  Alla luce dei risultati maturati nelle prime uscite stagionali, i favori del pronostico pendono nettamente dalla parte di Florin Pavel e compagni. La Raimond Handball Sassari riceverà la visita del Leno – reduce dalla netta vittoria contro il Selargius -, formazione contro la quale  potranno contare sul loro bagaglio di esperienza e sul sostegno del pubblico amico. Si giocherà al PalaSantoru, l’appuntamento è fissato sempre per le ore 18.

Il girone A della serie A2 di pallamano maschile parla sassarese: vincono Verdeazzurro e Raimond

Il girone A della serie A2 di pallamano maschile continua a parlare sassarese: dopo la vittoria all’esordio la Verdeazzurro e la Raimond Handball Sassari hanno concesso il bis e guidano appaiate la classifica.22851798_2044324452468315_2114621777077212849_n

I ragazzi di Patrizia Canu hanno affrontato, al PalaSantoru, il Crenna, avversario contro il quale hanno messo subito in mostra le loro doti di velocità, mentre l’estro offensivo di Pavel e Seddone ha rappresentato il valore aggiunto, che ha consentito ai sassaresi di doppiare gli avversari nel corso della prima frazione di gioco, sul 14 a 7. In avvio di ripresa, mentre il clima della gara si è fatto incandescente, gli ospiti si sono rifatti sotto (19 a 17). In quel frangente, il portiere sassarese Spanu, autore di un’ottima prestazione, ha respinto un tiro dai sette metri, frenando la rimonta degli avversari e dando nuovo slancio ai suoi compagni. I quali, con un parziale di 5 a 0, hanno messo definitivamente le mani sulla partita, vinta con il punteggio di 30 a 27.

Prima trasferta stagionale vincente per la Raimond Handball Sassari, vittoriosa per 18 a 22 in casa del Ferrarin. Il successo dei sassaresi, pur privi di alcuni elementi fondamentali, non è stato mai in discussione. In avvio di gara, Lorenzo Vosca e compagni hanno piazzato un break iniziale di 2 a 7, per poi controllare il ritmo della gara e gestire con tranquillità il vantaggio. Da segnalare le ottime prestazioni di Gege Casasa, di Vincenzo Pirino, che ha chiuso con sei reti all’attivo, e di Domen Ban.

Nulla da fare, invece, per il Selargius, sconfitto per 40 a 20 in casa del Leno, mentre il Cassano Magnago ha superato per 33 a 21 il Ventimiglia.

 

Inizia con una vittoria il campionato di Verdeazzurro e Raimond Handball Sassari

Non potevano sperare in un esordio migliore le due formazioni sassaresi che militano nel campionato di serie A2 di pallamano maschile, la Raimond Handball Sassari e la Verdeazzurro, che sabato scorso hanno iniziato il loro cammino con altrettante vittorie.22687955_2041218512778909_5917009547120528605_n

In un Pala Santoru gremito, la Raimond Handball Sassari ha avuto ragione con il punteggio di 29 a 22 del Cassano Magnago. Il successo dei sassaresi è parso in discussione solo nelle primissime fasi di gioco, quando gli ospiti hanno messo a segno un break di 2 a 4. Trovate le giuste contro misure in difesa, con Gege Casada che ha abbassato la saracinesca, i padroni di casa hanno preso in mano il controllo del gioco, chiudendo la prima parte di gara sul 14 a 7, per poi gestire agevolmente il vantaggio nella seconda frazione di gioco.

La Verdeazzurro, grazie a una prova di grande carattere, si è imposta in trasferta per 26 a 27 sul campo del Ventimiglia. I ragazzi di Patrizia Canu hanno avuto un ottimo approccio alla gara, toccando il vantaggio massimo di sette lunghezze, sul 12 a 19, in avvio di secondo tempo. A quel punto i liguri hanno avuto una reazione d’orgoglio, erodendo gran parte del divario, ma i sassaresi sono stati bravi a difendere il minimo ma prezioso vantaggio fino al termine della contesa.  Nulla da fare, invece, per il Selargius, sconfitto in casa per 15 a 27 dal Ferrarin. Il Crenna, infine, ha sconfitto per 35 a 23 il Leno.

La Verdeazzurro affila le armi in vista dell’inizio del campionato

Per il terzo anno consecutivo la Verdeazzurro si presenterà ai nastri di partenza della serie A2 di pallamano maschile, il cui inizio è previsto per il prossimo 21 ottobre, giorno in cui i ragazzi allenati da Patrizia Canu saranno impegnati in quel di Ventimiglia.21618061_1967185880162826_8341350793275383213_n

“Stiamo affilando le armi per un anno che si prospetta molto importante – ha dichiarato Patrizia Canu -. Per la prima volta, dopo anni, ci saranno tre squadre nella serie A2 maschile e tre nell’A2 femminile. Ciò significa ricominciare a divertirsi

Partiamo – ha continuato Patrizia Canu – con l’obiettivo di classificarci tra le prime quattro, perché a causa della riforma dei campionati sono previste ben quattro retrocessioni su otto partecipanti, quindi non possiamo permetterci passi falsi, considerata la presenza di molti naturalizzati e di molti reduci dalla serie A1.  Il clima è ottimo. Stiamo lavorando duramente e siamo consapevoli dell’importanza della posta in palio. Ci accenda sapere che, dopo anni, ci sarà un derby con due squadre molto diverse, ma sicuramente attrezzate e in grado di offrire un bello spettacolo e un sano divertimento a chi verrà a vederci.

La squadra è quasi al completo – ha detto ancora l’allenatrice sassarese -. Puntiamo sempre sulla linea verde. Abbiamo portato in A2 alcuni giovani molto interessanti, su cui puntiamo molto per i prossimi anni. Florin Pavel, l’unico senior insieme a Dario Seddone, ha sposato con entusiasmo il nostro progetto e ci darà una mano in campo e fuori con i ragazzini.  Giocatore forte e umile, Florin è riuscito a ritagliarsi uno spazio prezioso all’interno di un gruppo giovane, ma cresciuto molto nelle ultime due stagioni.

“Stiamo diventando contagiosi per tutto il movimento – ha chiuso Patrizia Canu -. e sriamo attirando anche  l’attenzione di un paio di sponsor importanti, che potrebbero consentirci a breve alcune importanti novità. Di sicuro l’ambiente è ringalluzzito. Al PalaSantoru ci sarà il pubblico più bello e numeroso d’Italia.

Storica salvezza per la Verdeazzurro

Nel corso della stagione non sono mancati i momenti difficili, ma al contempo non è mai mancata la voglia di vincere, la voglia di conservare il posto nei Campionati Nazionali. E questo pomeriggio la Verdeazzurro, formazione guidata in panchina da Patrizia Canu ha completato il proprio capolavoro sportivo, sconfiggendo con l’inequivocabile punteggio di 26 a 40 il Città Giardino e assicurandosi averdeazzurro-300x180nche per l’anno prossimo un posto nella serie A2 della pallamano maschile. Fondamentale, ai fini della salvezza dei sassaresi, è stato un finale di stagione ad altissimi livelli, iniziato con la netta vittoria per 32 a 24 sul Povegliano. Poi, dopo il capitombolo con il Parma, i sassaresi hanno superato, una dopo l’altra, le due dirette concorrenti nella corsa per la salvezza, Ginnastica Spezia e Città Giardino, e ora possono festeggiare un risultato storico, che cancella l’amarezza per l’amaro esito della passata stagione e dà ulteriore slancio per il futuro.

Sessanta minuti di passione per la Verdeazzurro: i sassaresi vogliono la salvezza

Sessanta minuti di passione, gli ultimi della stagione, per la Verdeazzurro che domani, alle ore 16:30, sarà impegnata a Torino contro il Città Giardino, ultimo ostacolo 16602715_1864710507077031_8145113250358515212_nnella corsa per la salvezza. Obiettivo che i sassaresi vogliono centrare con tutte le loro forze, come hanno dimostrato sabato scorso,, quando hanno sconfitto per 30 a 23 la Ginnastica Spezia, alla quale hanno lasciato l’ultimo posto della classifica del girone A della seconda serie dell’handball nazionale. Decisivo, in quell’occasione, è stato il contributo del rumeno Florin Pavel, del capitano Francesco Cherosu e del portiere Marco Spanu. Ma soprattutto la voglia di vincere, la voglia di non scendere nell’”inferno” dei campionati regionali.

Un unico obiettivo per la Verdeazzurro: la vittoria. Sfida salvezza contro la Ginnastica Spezia

Non sono più ammessi errori o distrazioni, la Verdeazzurro dovrà scendere in campo, avendo in mente un solo obiettivo: la vittoria, unico risultato che consentirebbe ai16602715_1864710507077031_8145113250358515212_n ragazzi di Patrizia Canu di poter ancora sperare nella permanenza nella seconda serie dell’handball nazionale. I sassaresi, che occupano l’ultima posizione della classifica del girone A con nove punti all’attivo, si troveranno di fronte la Ginnastica Spezia, formazione che li precede in classifica di soli due punti in vantaggio. La vittoria consentirebbe quindi a Cherosu e compagni di lasciare agli spezzini la scomoda ultima posizione della classifica, in vista dell’ultima giornata, quando la Verdeazzurro dovrò affrontare un’altra diretta concorrente nella lotta per la salvexza, il Città Giardino. Ma prima, come scritto precedentemente, bisognerà superare l’ostacolo Ginnastica Spezia e per farlo sarà necessario il sostegno del pubblico, che domani, alle 17, dovrà far diventare il Palasantoru una vera e propria polveriera.

La Verdeazzurro ospita il Povegliano: per i sassaresi sarà la prima di quattro finali!

Non si può dire che il girone di ritorno sia stato prodigo di soddisfazioni per la Verdeazzurro, che nelle quattro sfide ha collezionato solo sconfitte: 18 a 39 contro la capolista Molteno, 38 a 30 contro il Leno, 19 a 30 contro il Crenna e 31 a 22 contro il Cassano.verdeazzurro

. Quattro capitomboli che hanno fatto scivolare all’ultimo posto della graduatoria i ragazzi di Patrizia Canu, mettendone oltremodo in evidenza i difetti che, dopo due anni di esperienza nella serie cadetta della pallamano nazionale, paiono strutturali. E ci riferiamo sia a difficoltà tecniche, in particolare la scarsa o nulla pericolosità nell’attaccare le difese schierate, sia a difficoltà nella gestione delle situazioni di gioco: troppo spesso i sassaresi si sono fatti sopraffare dal nervosismo.

Ora, per salvare la categoria e per non subire per subire il secondo anno consecutivo l’onta della retrocessione, occorre un cambio di passo, fin dalla sfida di domani pomeriggio (ore 15 PalaSantoru) contro il Povegliano, formazione già sconfitta nel girone di andata.  Per i sassaresi sarà la prima di quattro finali da giocare con il coltello tra i denti.

La Verdeazzurro in cerca di conferme contro il Parma

Sabato scorso, la Verdeazzurro ha festeggiato, in quel di Povegliano, la conquista della prima vittoria nella seconda esperienza nella serie A2 di pallamano maschile: il 24 a 25, maturato al termine dei 60 minuti di gioco, ha raccontato di una prova coraggiosa e di grande carattere dei ragazzi allenati da Patrizia Canu. I quali vanno ora in cerca di conferme: e il calendario offre loro un’occasione d’oro, visto che dovranno affrontare (domani al PalaSantoru) ore 17) il Parma, formazione con la quale condividono la penultima piazza della graduatoria. Gli emiliani hanno finora sconfitto solo la cenerentola Ginnastica Spezia, ma i sassaresi dovranno affrontarli con la giusta concentrazione: a spingerli dovrà essere anche il desiderio verdeazzurro di fare un altro regalo ai propri sostenitori prima delle festività natalizie: il primo successo casalingo!

Un’altra sconfitta per la Verdeazzurro: il Cassano passa al PalaSantoru

Appuntamento con la vittoria ancora una volta rimandato per la Verdeazzurro! Nella mattinata di ieri, davanti al pubblico amico del PalaSantoru, i ragazzi di Patrizia Canu hanno rimediato la quarta sconfitta consecutiva ad opera del Cassano, che si è imposta con il punteggio di 21 a 24, al termine di una sfida spigolosa e combattuta.verdeazzurro

Nel primi trenta minuti di gioco, chiusi in vantaggio di una lunghezza (13 a 12), i sassaresi hanno fatto vedere le cose migliori, soprattutto in fase di difesa e di ripartenza , ma nella ripresa non sono riusciti a tenere il passo degli avversari, che si sono portati sul + 4 (16 a 20) per poi difendere il vantaggio fino alla fine del tempo, favoriti nel loro compito, pur non facendo nulla di trascendentale, da quelli che, alla luce dei risultati ottenuti nelle ultime due stagioni, sembrano essere difetti strutturali del gruppo sassarese: scarsa lucidità nei momenti chiave delle contese, imprecisione al tiro e difficoltà nell’attaccare la difesa schierata.