Articoli marcati con tag ‘torres femminile’

La Torres femminile ospita la Scalese

Dopo aver vinto, in trasferta, contro Grifo Perugia e Napoli, la Torres femminile si ripresenta davanti al pubblico amico per affrontare la Torres femminile 2Scalese, fanalino di coda della massima serie del calcio femminile.

La gara, che avrà inizio alle ore 15, si disputerà sul sintetico di Usini, che, fino alla fine della stagione, sarà la casa della compagine sassarese a causa dell’indisponibilità del Vanni Sanna, interessato da lavori di ristrutturazione.

La sfida contro la compagine toscana, ultima e virtualmente retrocessa, non dovrebbe presentare particolari diffioltà per Elisabetta Tona e compagne, intenzionate ad allungare la striscia vincente per continuare la rincorsa al Brescia.

In considerazione dei delicati impegni che attendono la sua squadra, il tecnico Manuela Tesse potrebbe decidere di dare un turno di riposo ad alcune atlete, come  Gisladottir, Bartoli e Tucceri Cimini, alle prese con problemi fisici.

 

La Torres vince il recupero col Napoli

Grazie alle doppiette di Patrizia Panico e Silvia Fuselli, la Torres femminile ha sconfitto per 0 a 4 il Napoli, nell’incontro valido come recupero della settima giornata di ritorno, e può così continuare la rincorsa al Brescia, capolista della massima serie del calcio in rosa.Torres femminile

Le sassaresi, pur prive dell’islandese Gisladottir, hanno approcciato la gara con la giusta concentrazione e, al 16′, hanno sbloccato il risultato con la Panico, che ha sfruttato, al meglio, un cross di Giorgia Motta. Al 29′, le rossoblu hanno raddoppiato con una conclusione dalla media distanza di Silvia Fuselli.

La musica non è cambiata nella ripresa, nel corso della quale le ragazze allenate da Manuela Tesse hanno controllato agevolmente il pallino del gioco, realizzando altre due reti: al 56′, la bomber Panico ha centrato il bersaglio con un tocco di anticipo sul primo palo; al 61′, la Fuselli ha chiuso i conti con un preciso colpo di testa.

Tabellino

Napoli – Torres femminile 0 – 4

Napoli: El Dahaibova, Spigno (dal 69′ Di Muro), Schioppo, Cuciniello, Di Marino, Filippozzi, Esposito, Aresu (dal 75′ Cafiero), Diobaso, Basile (dal 68′ Tagliaferri), Pirone. All. Paesano. A disp. Radu, Tagliaferri, Strisciante.

Torres femminile: Thalmann, Motta, Erman, Stracchi, Tona, Fuselli, Domenichetti (dal 59′ Marchese), Maendly, Panico, Piacezzi, Galli. All. Tesse. A disp. Criscione, Bartoli, Iannella, Tucceri Cimini.

Arbitro: Esposito della sezione di Napoli.

Reti: 16′ e  56′ Panico, 29′ e 61′ Fuselli

Si gioca il recupero tra Napoli e Torres femminile

Si giocherà domani pomeriggio, con inizio alle ore 15, la partita tra Napoli e Torres femminile, valida come recupero della settima giornata diTorres femminile 2 ritorno della serie A di calcio femminile.

La gara, originariamente in programma per lo scorso 1° marzo, non si disputò per l’impraticabilità del terreno di gioco.

Le sassaresi sono reduci dalla roboante vittoria contro il Perugia e, a distanza di pochi giorni, sono pronte a scendere in campo con l’obiettivo unico di far loro l’intera posta in palio.

Il Napoli, fortemente ridemensionato rispetto alla scorsa stagione, occupa la terzultima posizione della graduatoria con 17 punti all’attivo e non rappresenta, pertanto, uno spauracchio per Elisabetta Tona, le quali, comunque, sono pronte ad affrontare l’impegno con la consueta concentrazione.

Il tecnico Manuela Tesse, prima di scegliere l’undici da mandare in campo, dovrà valutare le condizioni di forma di alcune giocatrici, come Gisladottir e Bartoli, entrambe alle prese con problemi di natura fisica.

Torres femminile travolgente sul campo del Grifo Perugia

La  Torres femminile riprende il suo cammino nella massima serie del calcio in rosa con una goleada. Nel pomeriggio di ieri, infatti, le sassaresi hanno letteralmente travolto il Grifo Perugia sotto una valanga reti (2 a 11).Torres femminile

Le cose si sono messe subito bene per le rossoblù che, al 3′, hanno sbloccato il risultato con la Iannella, abile a stoppare di petto e a insaccare in spaccata. Nei minuti successivi, le sassaresi hanno continuato a spingere e, dopo aver fallito alcune occasioni, hanno raddoppiato, al 29′, con la Panico, che ha centrato il bersaglio con un tiro al volo su assist della Domenichetti. Al 41′, la stessa Domenichetti ha triplicato, sfruttando, nel migliore dei modi, un passaggio vincente della Iannella.

Il leit motiv della gara non è cambiato nella ripresa, all’inizio della quale la Fuselli ha realizzato la rete del 4 a 0, finalizzando un’azione pomossa dalla Tona e proseguita dalla Iannella.

Al 52′, la Panico è andata a segno, per la seconda volta, riprendendo una respinta corta dell’estremo difensore umbro su conclusione della Maendly.

Due minuti più tardi, le umbre hanno momentaneamente spezzato il predominio delle ospiti e hanno centrato il bersaglio con la Ricci che, favorita da un’indecisione della neo entrata Erman, ha trafitto la Criscione con una precisa staffilata.

Da quel momento in poi è ripreso il monologo delle ragazze allenate da Manuela Tesse, che hanno dilagato, realizzando altre sei reti, con Panico, Maendly e Fuselli sugli scudi. La Pugnali ha, invece, messo a segno, al 68′, la seconda rete per il Grifo Perugia.

Tabellino

Grifo Perugia – Torres femminile 2 – 11

Grifo Perugia: Monsignori, Bianchi, Cianci, Ferretti, Saravalle, Bordellini (dal 46′ Monefini), Metalizi, Ricci, Pugnali, Fiorucci, Marinelli (dal 67′ Brozzetti). All. Fiorucci. A disp. Cucchiarini, Alessi, Pellegrino, Bella.

Torres femminile: Criscione, Motta, Tucceri Cimini (dal 51′ Erman), Stracchi, Tona, Fuselli, Domenichetti (dal 64′ Galli), Maendly, Panico, Piacezzi, Iannella (dal 79′ Marchese). All. Tesse. A dip. Thalmann, Bartoli, Gisladottir.

Arbitro: D’Amato della sezione di Siena

Reti: 3′, 60′ Iannella, 29′, 52′, 63′, 71′ Panico, 41′ Domenichetti, 46′, 78′ Fuselli, 54′ Ricci (G), 59′, 75′ Maendly, 68′ Pugnali (G).

Definite le date dei recuperi delle partite della Torres femminile

Il Dipartimento Calcio Femminile ha fissato le date dei recuperi delle gare del campionato di serie A di calcio femminile che interessano la Torres femminile, impegnata, insieme a Brescia e Tavagnacco, nella lotta per la conquista del tricolore.Torres femminile

Martedì 15 aprile verrà recuperata la sfida Napoli – Torres femminile, valida per la settima giornata di ritorno e rinviata lo scorso 1° marzo per impraticabilità del campo.

Mercoledì 23 aprile, alle ore 15, si recupererà la partita Tavagnacco – Torres femminile, valida per la nona giornata di ritorno, mentre la settimana successiva, mercoledì 30 aprile, sempre alle 15, andrà in scena il recupero della decima giornata di ritorno tra Torres e AGSM Verona.

A causa dell’impegno della Nazionale maggiore in Macedonia, l’ultima giornata della massima serie  è stata spostata da sabato 10 a domenica 11 maggio. Le società, che non saranno interessate nè alla corsa al titolo nè alla lotta per i play out, potranno richiedere, previo accordo tra i club, di giocare sabato 10 maggio.

La partita dei quarti di finale della Coppa Italia tra Torres femminile e Inter, originariamente in programma per mercoledì 30 aprile alle ore 15, è stata rinviata a sabato 24 maggio con inizio alle ore 16. Di conseguenza, le semifinali, in programmia per il 24 maggio, sono state posticipate al 31 maggio al medesimo orario. La finale, che si disputerà a Rimini, è in programma per il prossimo 6 giugno.

Si gioca il ritorno tra Turbine Postdam e Torres femminile

Questa mattina è iniziato il viaggio della Torres femminile verso la Germania, dove, domenica alle ore 13 (diretta su Eurosport), andrà in Torres femminile 2scena la gara di ritorno dei quarti di finale della Uefa Women’s Champions League tra la compagine sassarese e il Turbine Postdam.

Le teutoniche, vittoriose per 0 a 8 nella gara di andata giocata al Vanni Sanna, hanno ipotecato l’accesso alle semifinali. Ciò nonostante, le ragazze allenate da Manuela Tesse sono pronte ad affrontare l’impegno con la consueta determinazione per dimostrare di essere all’altezza di una delle migliori realtà del calcio femminile europeo.

La partita di ritorno si disputerà presso il campo Karl Liebknecht di Postdam, campo di gioco in cui le rossoblù giocarono, una decina di anni fa, una partita di Champions League, perdendo per 7 a 5. Quella Torres era guidata in panchina da Gigi Gasu, mentre ad allenare il Turbine Postdam era sempre Bernd Schroer, l’Alan Ferguson del calcio in rosa teutonico.

Rispetto alla gara di andata, l’allenatrice sassarese potrà contare sull’apporto di Silvia Fuselli, che ha scontato il turno di squalifica e che, con molta probabilità, potrebbe prendere il posto di Sabrina Marchese.

Pamela Conti approda nel campionato svedese

Dopo aver lasciato, non senza strascichi polemici, la Torres femminile, società che sta vivendo uno dei momenti più difficili della sua gloriosa storia, la centrocampista di origini siciliane, Pamela Conti, ha raggiunto l’accordo con l’Eskilstuna United, matricola del massimo campionato svedese.

Appuntamento da non perdere al Vanni Sanna: la Torres femminile gioca contro il Turbine Postdam per l’andata dei quarti di finale della Women’s Champions League

Domani pomeriggio, con inizio alle ore 15, si giocherà, al Vanni Sanna, la gara di andata dei quarti di finale della Uefa Women’s Champions League tra Torres femminile e Turbine Postdam.Rispettateci

La doppia sfida continentale arriva in uno dei momenti più critici, dal punto di vista gestionale ed economico, della gloriosa storia del sodalizio sassarese.

Le difficoltà sono emerse, in maniera evidente, nei giorni scorsi, quando le giocatrici hanno voluto lanciare, in modo assolutamente civile, dei segnali per rendere nota, all’opinione pubblica, la difficile situazione che stanno vivendo: sabato scorso, alla vigilia della partita con il Riviera di Romagna, le rossoblù hanno esposto uno striscione con la scritta “RISPETTATECI”, poi hanno deciso di non partecipare alla conferenza stampa di presentazione dell’importante evento sportivo, che si è  tenuta, nella mattinata di martedì scorso, presso l’Aula Magna dell’Itas “Salvator Ruju” di via Porcellana.

Nonostante tutto, Elisabetta Tona e compagne affronteranno l’importante impegno con la professionalità, l’impegno e l’abnegazione che le hanno sempre contraddistinte in questi ultimi anni, nel corso dei quali hanno fatto incetta di successi e hanno tenuto alto il nome di Sassari in Italia e in Europa.

La sfida con il Turbine Potdam, formazione capace di eliminare una corazzata come il Lione, si preannuncia difficile per le ragazze allenate da Manuela Tesse, la quale ha deciso di schierare la sua squadra con il 3 – 5 – 2, ma più delle alchimie tattiche conteranno altri fattori, come la presenza del pubblico, che avrà l’occasione di dimostrare la propria vicinanza ad atlete che hanno contribuito a scrivere pagine indimenticabili della storia dello sport sassarese e regionale.

Torres femminile, l’allenatrice Manuela Tesse fa il punto della situazione

Sta per entare nel vivo la stagione della Torres femminile, formazione impegnata, come accade ormai da diversi anni, sia sul fronte nazionale che su quello continentale. In Italia, le rossoblù sono pronte a difendere il tricolore, conquistato nella precedente annata sportiva, dall’attacco del Brescia e del Tavagnacco; mentre in Europa si apprestano a giocare la doppia sfida dei quarti di finale della Uefa Women’s Champions League con le forti tedesche del Turbine Postdam.torres4

A una settimana di distanza dalla gara di andata, in programma per il prossimo 23 marzo al Vanni Sanna, abbiamo incontrato l’allenatrice della compagine sassarese, Manuela Tesse, la quale ha fatto il punto della situazione e ha voluto porre l’accento sull’ottimo rendimento delle sue atlete, capaci di fare ottime cose, nonostante tutte le difficoltà, soprattutto di tipo finanziario, che stanno affrontando nel corso di questa stagione.

Manuela, ci potresti tracciare un bilancio della prima parte della stagione?

Il bilancio è assolutamente positivo. Abbiamo ottenuto ottimi risultati, soprattutto se si considera il fatto che abbiamo dovuto rinunciare, per lungo tempo, a due giocatrici di valore assoluto, come Elisabetta Tona e Daniela Stracchi, due protagoniste delle ultime trionfali stagioni della Torres femminile. Tutto il gruppo ha dato ottime risposte: alcune ragazze, come Giorgia Motta, Giulia Domenichetti e Patrizia Panico, si sono adattate a cambi di ruolo; poi abbiamo proseguito nell’opera di valorizzazione delle atlete giovani, come Eleonora Piacezzi, Aurora Galli ed Erika Campesi. Ora, grazie all’impegno e all’abnegazione di queste giocatrici, ci troviamo a competere per il tricolore con due vere e proprie corazzate, quali sono il Brescia e il Tavagnacco, e, allo stesso tempo, continuiamo a rappresentare, nel migliore dei modi, la città di Sassari nella Champions League, massima competizione continentale per club“.

La doppia sfida dei quarti di finale della Champions con il Turbine Postdam è ormai alle porte: come vi  state avvicinando a quest’importante appuntamento?

Quando abbiamo saputo il nome dell’avversaria da affrontare nei quarti di finale, abbiamo pensato subito, visto il valore del Turbine Postdam, a una sfida impossibile, ma ora siamo pronte a giocarci le nostre carte e daremo il massimo per continuare il sogno europeo. Bisogna ammettere che non sarà facile e che dovremo dare il meglio di noi stesse per riuscire nell’impresa di eliminare una squadre dalle straordinarie potenzialità: le tedesche giocano con il 3 – 4 -3, sono molto forti fisicamente, hanno un bel gioco di squadra. Sono proprio belle da vedere. Ci sono, quindi, tutti i presupposti affinché il pubblico possa assistere a uno spettacolo di alto livello“.

Parliamo ora delle due giocatrici straniere che sono state aggregate al gruppo nel corso della stagione, Gisladottir ed Erman. la prima delle quali è pronta a dare il suo prezioso contributo nella sfida europea.

Sì, purtroppo non potrò utilizzare Kristina Erman in Champions, mentre sono certa che la Gisladottir ci darà un contributo importante.  All’inizio hanno dovuto fare i conti con i consueti problemi di ambientamento, legati soprattutto alla lingua, ma hanno dimostrato, fin da subito, di avere delle ottime qualità. Credo che, soprattutto la Gisladottir, abbia messo in mostra solo una minima parte delle sue potenzialità“.

Parliamo dell’argomento scottante degli ultimi giorni, l’addio di Pamela Conti.

A livello personale, non avevo nulla contro Pamela Conti, atleta eccezionale con la quale ho anche avuto la fortuna di giocare insieme: il suo addio non è in alcun modo dovuto, come è stato detto da più parti, a divergenze di natura tecnica con la sottoscritta, ma a problemi di natura economica con la società.  Per quanto mi riguarda non avrei mai rinunciato al suo apporto, soprattutto ora che andremo ad affrontare una serie di partite fondamentali“.

Le difficoltà ecomiche sono emerse in maniera evidente sabato scorso, quando le ragazze, prima della vittoriosa gara con il Riviera di Romagna, hanno esposto uno striscione con la scritta “Rispettateci”.

Sì, quella è stata una scelta delle ragazze, le quali hanno voluto lanciare un segnale forte per sensibilizzare l’opinione pubblica sul difficile momento che stanno attraversando. Finora hanno sempre onorato gli impegni e ora attendono risposte certe dalla società. Siamo tutte consapevoli della crisi economica che sta attanagliando il nostro territorio e la Sardegna in generale, ma queste atlete meritano il rispetto di tutti  per quello che hanno fatto e che stanno facendo“.

Ci potresti dire come vedi, allo stato attuale delle cose, il futuro di questa società?

Per quel che riguarda l’aspetto prettamente tecnico, bisognerà continuare a lavorare con le giovani sulla falsariga di quanto fatto nelle ultime due stagioni. Bisognerà poi evitare  gli errori che si sono commessi nel passato dal punto di vista gestionale. Per tale motivo sarà necessaria una riorganizzazione dell’assetto societario: una squadra come la Torres femminile, che occupa il quinto posto del ranking mondiale, ha bisogno di dirigenti che lavorano per essa sette giorni alla settimana per 24 ore al giorno. Con questo non voglio togliere nulla agli attuali dirigenti, che sono encomiabili“.

foto, Claudia Sancius

 

 

 

La Torres femminile vince con il Riviera di Romagna, prima del fischio d’inizio le rossoblù hanno esposto uno striscione con la scritta “RISPETTATECI”

Vittoria in rimonta della Torres femminile contro il Riviera di Romagna: nel pomeriggio odierno, in quel di Usini, le ragazze allenate da Manuela Tesse si sono, infatti, imposte con il punteggio di 4 a 1 e continuano così la loro corsa ai vertici della massima serie del calcio in rosa italiano.Rispettateci

Il Riviera di Romagna ha sbloccato il risultato dopo solo due minuti di gioco con la Franco, che ha insaccato con un potente destro da fuori area su assist della Caccamo.

Pronta è arrivata la reazione delle sassaresi che, dopo aver fallito due occasioni con la Panico e la Tona, hanno riequilibrato le sorti dell’incontro, al 22′, con la Marchese, abile a insaccare la palla in fondo al sacco con una precisa girata.

Nella parte finale del primo tempo, le rossoblù sono passate in vantaggio, grazie a un’autorete della Magrini, e hanno triplicato, ad inizio ripresa, con la bomber Panico, che, servita dalla Marchese, ha insaccato con un potente colpo di destro.

A metà della seconda frazione di gioco, la compagine sassarese ha chiuso i conti con una rete di pregevole fattura dell’ottima giocatrice islandese, Gisladottir, che ha centrato il bersaglio con un sinistro di pregevole fattura.

Bisogna rimarcare che, prima del fischio d’inizio, le giocatrici della Torres femminile hanno esposto uno striscione, riportante la scritta “RISPETTATECI” per sensibilizzare in merito alla difficile situazione che si è venuta a creare a causa del ritardo nei pagamenti.

A tal proposito, le ragazze hanno pubblicato un messaggio sulla pagina facebook “torres calcio femminile”, che riportiamo integralmente : “Onoriamo la maglia ogni partita, portiamo il nome della Torres in tutta Europa, vinciamo scudetti ed in cambio riceviamo solo promesse e rinvii. Ora chiediamo alla società una comunicazione leale e trasparente e soprattutto chiediamo che le promesse vengano rispettate. Abbiamo capito le difficoltà ed abbiamo atteso più di un anno senza mai mancare di impegno, ora sta a voi onorare i colori rossoblu!