Articoli marcati con tag ‘romina pinna’

Romina Pinna, il cuore sardo della Torres femminile

Il campo di calcio, vicino a casa nella sua Oschiri, ha rappresentato un richiamo irresistibile per dar sfogo, fin dalla giovanissima età, a una passione innata. Le prime corse dietro il pallone, con la maglia dell’Oschirese, hanno rappresentato i primi passi di una storia sportiva con tante pagine già scritte e altre ancora da scrivere e da vivere con entusiasmo e determinazione.Romina Pinna

In una Torres femminile dall’anima latina e mediterranea batte il cuore sardo di Romina Pinna, giocatrice che, nelle ultime giornate, sta dando un contributo sostanziale, a suon di reti, alla risalita della sua formazione verso le zone nobili della classifica della massima serie del calcio in rosa italiano.

Romina, come squadra come state vivendo questa annata sportiva?

“Per noi è stata una sorta di “nuovo inizio”. Rispetto al passato sono cambiate tante cose, sia a livello societario sia a livello di squadra. Sono andate via molte veterane e il gruppo è stato rinnovato e ringiovanito. All’inizio abbiamo avuto qualche difficoltà, ma, pian piano, siamo riuscite a trovare la quadratura del cerchio e stiamo esprimendo il nostro potenziale. Possiamo dire, finalmente, di essere diventate una squadra. Possiamo giocarcela con tutte le avversarie e, continuando a lavorare con la giusta dedizione, possiamo puntare alle prime posizioni della graduatoria, anche se credo che la corsa per lo scudetto sia ristretta alle Campionesse d’Italia in carica del Brescia e al Verona, che può contare sull’apporto di una giocatrice vincente, quale è Patrizia Panico”:

Pensi che il cambio in panchina, con Mario Pompili subentrato al dimissionario Silvetti, vi possa aver dato una scossa?

Personalmente ho una grande stima di entrambi gli allenatori, i quali hanno un modo completamente diverso di impostare il lavoro. Mister Pompili è riuscito a infonderci quella tranquillità necessaria per far sì che migliorassimo le nostre prestazioni. Le chiavi del suo lavoro sono pugno duro e serenità”.

Romina Pinna 1Come giudichi il tuo rendimento in questa prima parte di stagione?

All’inizio, al pari delle mie compagne, sono partita un po’ in sordina. Ora le cose stanno andando molto meglio. Il mister mi sta dando fiducia e il cambio di modulo, con il passaggio al 4 – 3 – 3, mi sta favorendo e mi sta dando la possibile di esprimere al meglio le mie doti di esterna veloce e capace di inserirsi negli spazi. Poi, in queste ultime giornate, sto trovando la via della rete con continuità. Spero di non fermarmi e sarebbe bello poter chiudere il campionato in doppia cifra”.

Come vivi il fatto di essere, eccezion fatta per il giovanissimo secondo portiere Valeria Usai, l’unica giocatrice sarda della squadra?

Con grande orgoglio ma, allo stesso tempo, con grande dispiacere perché credo che in Sardegna ci siano altre ragazze meritevoli di giocare ad alti livelli”.

Facciamo ora un salto nel recente passato e parliamo della tua esperienza negli Stati Uniti.

Nell’estate del 2012, sono stata chiamata da Antonio Cincotta per partecipare a un torneo negli Stati Uniti. Non potevo rifiutare quella proposta e, col senno di poi, posso dire di aver vissuto un’esperienza unica e straordinaria. Pur non partecipando a un campionato ufficiale, ho potuto confrontarmi con una realtà completamente differente, con un modo diverso di vivere e di intendere il calcio femminile. Quell’esperienza mi ha lasciato tantissimo sotto tutti i punti di vista. Penso di essere cresciuta sia come donna sia come giocatrice.

L’anno scorso, invece, hai giocato ad Oristano in serie A2.

Sì, Oristano resterà sempre nel mio cuore. Quella non era solo una squadra, era un gruppo di amiche vere fuori e dentro il campo. Dal punto di vista dei risultati, magari potevamo fare qualcosa in più, ma, dentro di me, resterà vivo per sempre il ricordo di un ambiente e di un gruppo fantastico. Anche a Sassari, però, ho vissuto e sto vivendo momenti indimenticabile insieme ad atlete che sono un esempio di dedizione, impegno e professionalità”.

Quali sono i tuoi idoli calcistici, i tuoi modelli di riferimento?

Nel femminile, Melania Gabbiadini. Nel maschile, sarà banale dirlo, Cristiano Ronaldo, e, da buona juventina, Pavel Nedved

Se non avessi giocato a calcio quale altro sport avresti praticato?

Calcio, solo calcio. Seguo tutto lo sport. Mi piace giocare a scacchi, attività che richiede logica e intelligenza, ma nulla potrà mai superare il mio amore per il calcio”.

Abbiamo parlato di passato, seppur recente, presente…e ora guardiamo.al futuro. Quali sono i tuoi sogni nel cassetto come giocatrice?

Come tutte le giocatrici, sogno di vestire la maglia della Nazionale, di giocare in un campionato altamente competitivo e, magari, vincere un trofeo prestigioso, come la Champions League. Sono consapevole del fatto che siano traguardi difficili da raggiungere. Ci vuole impegno, ma io sono una ragazza determinata e competitiva. Poi mi auguro che, nel più breve tempo possibile, il calcio femminile possa avere nel nostro Paese, il riconoscimento e le attenzioni che merita”.

La Torres femminile travolge il Cuneo

Missione compiuta per la Torres femminile che, a una settimana di distanza dal beffardo pareggio sul campo della Res Roma,  ha riassaporato il gusto della vittoria sconfiggendo il Cuneo con il rotondo punteggio di 3 a 0.Torres femminile

Il successo delle rossoblù, la cui imbattibilità perdura dall’inizio dell’anno solare, è arrivato al termine di una partita spigolosa, nel corso della quale Tona e compagne non hanno corso reali pericoli e hanno gestito il gioco in maniera ottimale.

Torres propositiva fin dalle prime fasi di gioco: il gol del vantaggio è arrivato al 37′ con la Piacezzi, abile a depositare la palla in porta da pochi passi sugli sviluppi di un calcio d’angolo della Domenichetti

Chiuso il primo tempo in vantaggio di una rete, le sassaresi hanno continuato a premere nella ripresa e, dopo aver fallito alcune occasioni con Flaviano e Domenichetti, hanno visto premiati i loro sforzi al 70′, quando la Pinna ha centrato il bersaglio sfruttando un assist della Serrano, subentrata in precedenza alla Charette.

Poi, all’ 83′, la Domenichetti ha chiuso i conti della sfida con un diagonale in corsa imprendibile per l’estremo difensore piemontese.

Tabellino

Torres femminile – Cuneo 3 – 0

Torres femminile: Fazio, Motta, Tona,  Piacezz,i Esposito, Flaviano, Galli, Domenichetti, Marchese, Charette (dal 55′ Serrano), Pinna (dal 75′ Pinna). All. Pompili. A disp. Usai, Marujo, Giugliano, Marchio.

Cuneo: Asteggiano, Rosso, Pittavino, Magnarini, Armitano, Franco, Librandi, Errico, Pesce (dal 44′ Papaleo), Herreros, Tudisco. All. Petruzzelli. A disp. Ozzimo, Giraudo, Cerato.

Reti: 37′ Piacezzi, 70′ Pinna, 83′ Domenichetti

Torres femminile, Romina Pinna ceduta all’Atletico Oristano

Movimento di mercato in uscita per la Torres femminile che ha ceduto, a titolo definitivo, Romina Pinna, giocatrice reduce dall’esperienza negli States con il Seattle, all’Atletico Oristano, formazione che milita nel campionato di serie A2.

Nella mattinata odierna, intanto, Fiorella Carboni è stata sottoposta a un intervebto chirurgico al menisco. L’operazione, effettuata dal Dr. Poddighe, è perfettamente riuscita. I tempi di recupero, per la giocatrice sassarese, sono stimati in 30 giorni.

Romina Pinna, protagonista negli Stati Uniti

L’avventura statunitense di Romina Pinna, giocatrice della Torres femminile, si sta rivelando prodiga di soddisfazioni e riconoscimenti.

L’attaccante di Oschiri sta trascinando, con le sue giocate e con i suoi gol, i Seattle Pure Healy, formazione dalla forte connotazione italiana, nella Lega estiva americana.

Dopo aver vinto la classifica marcatori nella prima fase, Romina Pinna è risultata decisiva, realizzando una doppietta, nella vittoria per 3 a 1 della sua compagine contro l’Issaquah nella finale della North West Conference.

foto tratta dal sito www.torrescalciofemminile.it

Un’altra rete di Romina Pinna negli Stati Uniti

Continua a ben figurare Romina Pinna nella Lega estiva americana di calcio femminile. La giovane attaccante di Oschiri, impegnata in prestito con la maglia del Seattle, è andata a segno nella sfida giocata dalla sua formazione con l’Issaquah. L’altra rete della squadra dello stato di Washington, dalla forte connotazione italiana, è stata realizzata dalla giocatrice del Napoli, Valentina Giacinti. Per Romina Pinna, invece, si tratta della terza segnatura in tre partite, nelle quali il Seattle ha collezionato una vittoria, un pareggio e una sconfitta.

Esordio con doppietta per Romina Pinna negli Stati Uniti

Inizia, nel migliore dei modi, l’avventura statunitense della giocatrice della Torres femminile, Romina Pinna. All’esordio con la maglia del Seattle, vittorioso per 4 a 0 contro lo Spokane Shine, l’attaccante di Oschiri ha realizzato una doppietta. Prossimo impegno in programma per domani, giovedì 13 giugno, contro l’Esmerald City.

Iniziata l’avventura statunitense di Romina Pinna

Iniziata ufficialmente l’avventura statunitense di Romina Pinna, una delle protagoniste della straoordinaria annata della Torres femminile, che ha messo in bacheca due trofei: la Supercoppa Italiana e il tricolore.

Il sodalizio sassarese ha, infatti, ceduto in prestito la promettente attaccante all’AC Seattle per la durata della WPSL americana.

La società dello stato di Washington ha forti connotazioni tricolori, essendo italiani il presidente, i componenti dello staff e 19 giocatrici facenti parte la rosa, tra le quali figurano altre due atlete di origini sarde, Isabella Agus e Veronica Sotgiu, quest’ultima cresciuta nel vivaio della compagine rossoblu.

Il Seattle farà il suo esordio domenica 9 giugno.

Romina Pinna giocherà nella lega estiva americana

La giocatrice della Torres femminile, Romina Pinna, il cui cartellino è di proprietà della della società sassarese, disputerà, in prestito, la lega estiva americana con la maglia dell’AC Seattle PH.

Romina Pinna partirà alla volta degli Stati Uniti i primi giorni del mese di giugno e farà ritorno in Sardegna a fine luglio, quando inizierà la preparazione precampionato con la compagine sassarese.

La Torres femminile rifila sei reti alla Lazio

Come era facilmente pronosticabile, la Torres femminile non ha avuto alcuna difficoltà a superare il primo ostacolo proposto dal calendario. La compagine sassarese, infatti, si è imposta sulla Lazio con un inequivocabile 6 a 0, dopo una partita a senso unico, con le rossoblu che hanno controllato agevolmente la situazione dal primo all’ultimo minuto di gioco. Le biancocelesti laziali, dal canto loro, hanno pensato esclusivamente a difendersi e non hanno mai creato problemi alla retroguardia di casa.

Grande protagonista della giornata è stata la bomber Patrizia Panico, autrice di una tripletta, le altre tre reti sono state realizzate da Sandy Iannella (a segno in 2 occasioni) e dalla giovane Romina Pinna.

Il tecnico Manuela Tesse ha presentato - dovendo avviare alle assenze di Bartoli (squalificata), Piacezzi e Matarazzo - una formazione inedita, inserendo nell’undici iniziale Thalmann, preferita a Criscione per scelta tecnica, Tona e Manieri al centro della difesa; Costi e Motta (ottima la sua prova) sulla fascia; Domenichetti, Stracchi, Iannella e Fuselli, a sostegno delle attaccanti, Panico e Maglia.

Il caldo estivo ha reso la vita difficile alle ventidue giocatrici in campo, ma il copione della sfida, giocata davanti a un pubblico più numeroso del solito, è apparso chiaro fin dalle prime battute di gioco, con le rossoblu protese da subito in avanti alla ricerca del gol: obiettivo fallito, in piu di una occasione nella prima parte di gara, per precipitazione e imprecisione delle attaccanti.

La situazione si è sbloccata al 34′ per merito della solita Patrizia Panico che ha superato  l’estremo difensore laziale con un preciso pallonetto sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Chiuso il primo tempo avanti di un gol, le ragazze allenate da Manuela Tesse hanno dilagato nella ripresa. Al 5′, la Panico ha realizzato la seconda rete personale con un preciso tiro al volo. Al 13′ è salita in cattedra Sandy Iannella che è andata a segno al termine di una galoppata sulla fascia sinistra.

Mentre la Thalmann ha vissuto da spettatrice la sua prima partita ufficiale con la maglia rossoblu, le compagne di squadra hanno dilagato, realizzando, nella parte finale di gara, altre tre reti. Al 22′ è arrivato il secondo gol della Iannella, abile a sfruttare un assist dalla fascia sinistra di Giulia Domenichetti.

Al 32′, il tris della Panico che ha depositato in porta da pochi passi. Nella parte finale della gara, il tecnico ha dato spazio alle giovani Carboni, Casula e Pinna e proprio quest’ultima giocatrice ha chiuso definitivamente i conti con un tiro dalla lunga distanza.

Nel dopo gara le giocatrici della Torres femminile hanno indossato il caschetto: un gesto di solidarietà per i lavoratori sardi in difficoltà.

Tabellino:

Torres femminile: Thalmann, Manieri, Motta, Stracchi, Tona, Fuselli (25′st Pinna), Domenichetti, Maglia, Panico (37′st Casula), Costi (21′st Iannella). All.Tesse. A disposizione: Criscione, Mandley, Campesi.

Lazio: Fazio, Pecchia (1′st Contu), Lanzieri, Davini, Ferrazza (27′st De Luca), Cassanelli, Berarducci, Barbero (1′st De Angelis), Marchese, Pezzotti, Giura. All. Jankole. A disposizione: Topazio, Loddo.

Reti: 34′pt Panico, 4′st Panico, 13′ st Iannella, 22′ st Iannella, 32′st Panico, 43′ st Pinna.

Arbitro: signor Sanna della sezione di Ozieri.

(nella foto, tratta dal sito www.torrescalciofemminile.it, Romina Pinna)

Romina Pinna torna alla Torres femminile

Dopo aver annunciato, nella giornata di ieri, l’ingaggio della giovane bergamasca Eleonora Piacezzi, la dirigenza della Torres femminile ha ufficializzato il ritorno a Sassari di Romina Pinna.

La diciannovenne esterna d’attacco, nelle ultime due stagioni, ha giocatoin prestito nelle fila dell’Atletico Oristano, formazione che milita nel campionato di serie A2. Ottimo il rendimento della Pinna che ha messo a segno 18 reti il primo anno e 10 il secondo.

Romina Pinna è nata a Olbia il 2 maggio del 1993 e ha iniziato a giocare a calcio a 6 anni, insieme ai maschietti, nell’Oschirese. All’età di 14 anni si è trasferita alla Torres femminile e ora la società del presidente Marras ha deciso di richiamarla alla casa madre, dove avrà la possibiltà di crescere ulteriormente sotto la sapiente guida dell’allenatrice, Manuela Tesse.

(foto tratta dal sito www.torrescalciofemminile.it)