Talento innato, voglia di puntare sempre in alto, grinta e maturità da veterana: Michela Carta si racconta

Il talento innato, la voglia di migliorarsi e di puntare sempre in alto, la grinta e una maturità da veterana fanno di Michela Carta, libero classe 1994, una delle migliori interpreti del suo ruolo e uno dei talenti più cristallini espressi dalla pallavolo femminile sarda negli ultimi anni. Spinta da una grande passione e forte di un carattere forgiato nel corso di anni, vissuti tra gioie e delusioni cocenti, Michela ha sempre affrontato le sue esperienze pallavolistiche con la determinazione tipica delle atlete dal grande spessore tecnico e umano.Michela Carta 1

La tua avventura nel mondo della pallavolo è iniziata presto, all’età di 6 anni, con la Vbc Sinnai. Ci potresti raccontare i tuoi esordi?

Ho iniziato a giocare a pallavolo, seguendo le orme di mia sorella, che praticava questo sport già da tempo. Ogni domenica andavo a vedere le sue partite. Mi incuriosiva tantissimo il fatto che la palla dovesse volare da una parte all’altra del campo senza poter mai cadere in terra. Così anche io, appena compiuti i sei anni, ho iniziato e sono entrata a far parte dei “topolini”. Da quel momento in poi non ho mai pensato di cambiare sport. Sono rimasta alla VBC Sinnai fino all’età di 16 anni. Ho avuto la fortuna di trovare allenatori, che sono riusciti a tirar fuori le mie potenzialità migliori. Ciò mi ha dato la possibilità di iniziare nuove esperienze in altre società. Ho vissuto un anno di grande crescita, pallavolisticamente parlando alla Janas, poi sono approdata al Deledda”.

Michela Carta 2Ci parli, ora, della tua prima stagione al Deledda.

Sono arrivata al Deledda tre stagioni fa per disputare il mio primo campionato di serie C. E’ stato un anno pallavolistico indimenticabile. Il gruppo era eccezionale sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista mentale. Eravamo unite dentro e fuori lo spogliatoio. Ho avuto la fortuna di avere in squadra giocatrici di alto livello, come Vera Girasole, Tania Masala e Giorgia Materazzi.

Poter far parte di un gruppo formato da ragazze esperte, mi ha aiutato a crescere sotto tutti i punti di vista. Ho imparato che, per raggiungere determinati obiettivi, è necessario avere quella che io chiamo “cattiveria agonistica”. Nella nostra squadra non è mai mancata, grazie anche al lavoro di coach Matteo Gramignano che, con la sua voglia di trasmetterci grinta e determinazione, ci ha condotto alla vittoria del campionato

La gioia per la promozione in serie B2 fu, purtroppo per voi, effimera.

Sì. Quella è stata la prima delusione che mi ha dato la pallavolo. Al termine del campionato, ero soddisfatta, avevo fatto tanti sacrifici e avevo ottenuto grandi risultati. Ero felice e pronta per quella che sarebbe dovuta essere una nuova esperienza nel campionato di serie B2. Purtroppo le cose andarono diversamente. Non ci fu nessuna serie B, probabilmente a causa della mancanza di disponibilità economiche”.

Insieme alle tue compagne ti ritrovasti nuovamente in serie C.

Avevo perso entusiasmo, non riuscivo a trovare motivazioni, ma sapevo di non dover mollare. Iniziai così il mio secondo anno in serie C, con un gruppo ancor più forte rispetto a quello del campionato precedente. Come rinforzo arrivò Monia Agri, una delle migliori giocatrici in Sardegna. Fu un altro anno ricco di soddisfazioni, visto che chiudemmo il campionato senza sconfitte: evento che non so se si ripeterà più nelle mie future esperienze pallavolisticheMichela Carta 3

La soddisfazione per la seconda cavalcata trionfale è durata poco e la scorsa estate hai rivissuto l’incubo della stagione precedente.

Ancora una volta mi era stata promessa la serie B ma, dopo la delusione della stagione precedente, non aveva più fiducia nella società. Poi, a un certo punto, sembrava si fosse aperto uno spiraglio di speranza: c’erano le giocatrici, c’erano i soldi, almeno così sembrava, mancava solo il classico incontro precampionato con tutta la società. Incontro che, come tutti ben sanno, non si tenne mai. Provai tantissima rabbia e delusione, mi sentivo presa in giro dalla mia stessa società, che aveva “rubato” la mia passione, il mio impegno e i miei sacrifici

Smaltita la delusione, se così si può dire, hai deciso di ripartire dalla società nella quale sei cresciuta, la Vbc Sinnai.

Per circa un mese non ho voluto più sentire parlare di pallavolo, ma per certi valori non servono i soldi. La pallavolo è la mia passione e non posso permettere che qualcuno possa “rubarmela” a suo piacimento. Sono giovane. Ho tanti obiettivi da realizzare nella mia vita. Ho pensato che ripartire da Sinnai, nella società dove sono cresciuta, potesse essere la scelta giusta per un nuovo inizio. Ho trovato un gruppo di ragazze giovanissime, alle quali sono molto affezionata. Diventare il loro punto di riferimento, mi ha dato tantissima energia. Ho cercato di dare il massimo ed è stato divertente giocare nuovamente nel ruolo di banda. Devo ammettere di aver ritrovato, dopo tante delusioni, la voglia di sorridere”.

Michela Carta 4Poi, a gennaio, è arrivata la classica proposta che non si può rifiutare.

Nel mese di gennaio ho ricevuto una chiamata inaspettata dal Serramanna, formazione che disputa il campionato di serie B2. Desideravo così tanto giocare in serie B che ho deciso subito di accettare. Allo stesso tempo mi è dispiaciuto tantissimo lasciare le mie compagne del Sinnai, ma certi treni passano una sola volta nella vita…”

Come è stato l’impatto con la nuova realtà?

Ho iniziato gli allenamenti due settimane fa. Ho voglia di fare bene, di imparare, di mostrare le mie qualità migliori in un livello sicuramente più elevato rispetto a quello isolano. Non mi manca la grinta. Mi ritrovo in una squadra molto giovane, guidata in panchina da coach Camedda. Il giorno del mio esordio abbiamo portato a casa un successo fondamentale contro l’ultima in classifica. In queste settimane ci aspetta un duro lavoro. Dobbiamo giocare due partite importanti, una contro Ladispoli e l’altra contro Palau, nelle quali è assolutamente necessario fare punti per centrare l’obiettivo della salvezza. Il gruppo è molto unito. Mi sono trovata bene dal primo giorno. C’è già una buona intesa, che credo possa migliorare con il passare del tempo. Sono sicura che tutte unite, mettendoci anima, cuore e volontà, potremo toglierci tante soddisfazioni. Per quel che mi riguarda ho ritrovato nuovi stimoli, motivazioni importanti e serenità”.

Quale è il tuo giudizio sullo stato attuale della pallavolo sarda?

Dalla prima partita giocata col Serramanna, ho potuto notare la differenza di livello rispetto alla pallavolo isolana. In Sardegna, forse, ci sono troppi tagli da parte della Regione e questo non incentiva le società a fare progetti, stimolare nuove generazioni e porre obiettivi per il futuro”.

Torniamo a parlare di te, qual è l’aspetto che ti piace di più del tuo ruolo di libero?

Amo il mio ruolo, perché richiede molta concentrazione. D’altronde può capitare anche di stare mezzo set senza toccare palla, ma devi comunque aspettartela in qualsiasi momento e devi essere pronta a giocarla nel migliore dei modi”.

Per chiudere l’intervista, parlaci un po’ di te, delle tue caratteristiche principali come giocatrice.

Una delle mie qualità migliori è la difesa. Sono “piccoletta”, riesco a muovermi con tanta agilità e questo va sicuramente a mio vantaggio. Non sono una ragazza che si accontenta, quindi cerco di puntare sempre al massimo e lo faccio sempre con tanta umiltà. Ciò lo devo sicuramente ai miei genitori che, fin da piccola, mi hanno trasmesso determinati valori. Grazie a loro sono riuscita a non mollare, a trovare nuovi stimoli. Le esperienze passate mi hanno insegnato a non fare troppi progetti per il futuro e soprattutto ad essere più diffidente. Per ora, cerco di vivere al massimo questa nuova esperienza, certa del fatto che, prima o poi, i sacrifici vengano sempre ripagati”.

Lascia un Commento