Archivi per la categoria ‘Sport vari’

Alternanza scuola – lavoro: protocollo d’intesa Cus Sassari – Canopoleno

Le sinergie sono alla base di ogni progetto. La sinergia con altri soggetti del territorio è alla base del progetto portato avanti dal Cus Sassari, che punta ad allargare vedute e orizzonti in prospettiva di una crescita comune, condivisa e foriera di auspicati risultati nel breve, medio e lungo periodo. Sinergie da attivare e già attivate, come quella realizzata in forma di protocollo di intesa con il Liceo Sportivo Canopoleno di Sassariuntitled

Il Centro Sportivo Universitario sassarese del presidente Nicola Giordanelli, nelle scorse settimane, ha infatti siglato un apposito accordo con lo storico, prestigioso e innovativo Liceo cittadino, funzionale al consentire agli studenti dell’istituto superiore lo svolgimento dell’alternanza scuola-lavoro presso gli impianti sportivi del Cus Sassari in località San Giovanni. La cosiddetta alternanza scuola-lavoro, ormai obbligatoria per tutti gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori (licei compresi), è una delle più significative innovazioni – in linea con il principio di “scuola aperta” – apportate al sistema dalla legge di riforma scolastica meglio conosciuta come “La buona Scuola”.

L’idea è quella di introdurre a livello scolastico, in maniera universale, un metodo didattico e di apprendimento che sia in piena sintonia con le esigenze del mondo esterno. Metodo che non si rivolge però più soltanto ai giovani ma che chiama in causa anche gli adulti, intesi come tutor interni (docenti) e tutor esterni (referenti della realtà ospitante). Il meccanismo attivato punta a favorire la comunicazione intergenerazionale, ponendo quindi le basi per uno scambio foriero di reciproca crescita.

 

Un meccanismo che che coinvolge imprese e aziende, ma anche associazioni sportive e di volontariato, enti culturali, Istituzioni e Ordini professionali. Quelli appena elencato sono tutti soggetti in grado di essere partner educativi della scuola. Partner chiamati a sviluppare – in sinergia – esperienze coerenti alle attitudini e alle passioni di ogni ragazza e ragazzo dell’Istituto di riferimento. Partner come il Cus Sassari, che ha risposto presente ed è pronto alla sfida

Serie C pallavolo maschile: Sandalyon e Garibaldi in lotta per la promozione

Nel campionato di serie C di pallavolo maschile, quando mancano sette giornate alla conclusione, il discorso promozione diretta appare ristretto alla Sandalyon Quartuvirtus e al Garibaldi La Maddalena. I quartesi approcceranno la volata finale con 40 punti, uno in più rispetto ai diretti inseguitori, mentre sembravano aver perso il treno giusto sia la Stella Azzurra Sestu sia l’Ariete Oristano, rispettivamente distanziate di sette e dieci punti dalla vetta della classifica.

Da segnalare l’ottimo rendimento della matricola Carloforte, che occupa la quinta piazza con 27 punti all’attivo, sopravanzo Olbia e Pallavolo Villacirdo. I tabarchini hanno conquistato gli ultimi tre punti stagionali, sabato scorso, contro la Virtus San Giuseppe, ottava con diciannove punti nel carniere.

Alle spalle dei sassaresi,  Pallavolo Borore e Sanluri sembrano aver accumulato un buon margine di vantaggio rispetto alla zona retrocessione, nella quale stazionano Airone Tortolì e Pallavolo Guasila.

San Paolo Cagliari dominatrice della serie C di pallavolo femminile, passi importanti nel percorso di crescita dell’Orion

Quando mancano nove giornate alla conclusione del campionato di serie C di pallavolo femminile, la capolista San Paolo Cagliari attende solo il conforto dellasalaris matematica per coronare una stagione vissuta da assoluta protagonista, come dimostrano le diciassette vittorie conquistate, con le briciole di soli quattro set lasciati alle malcapitate avversarie. Le cagliaritane hanno nove punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice, la Sorso Volley, che, nell’ultimo turno prima della sosta, ha scavalcato il Selargius ’85, costretto alla resa proprio dalla prima della classe.

La vittoria in tre set nel recupero contro la Futura Iglesias, formazione impegnata nella lotta per evitare la retrocessione, permette alla Pallavolo Olbia di consolidare la quarta posizione. La lotta per la quinta piazza, l’ultima utile per accedere alla seconda fase, appare allo stato attuale delle cose, ristretta alla Sant’Andrea Gonnesa, alla Tespiense Quartu e all’Antes Ogliastra Volley.

Appare tagliata fuori, invece, la Gymland Oristano, che ha visto calare nettamente il suo rendimento nel girone di ritorno, mentre l’altra matricola, la Sandalyon Quartu, naviga in una tranquilla posizione di centro classifica. Le due vittorie casalinghe, contro la stessa Sandalyon e la Tespiense, hanno certificato il percorso di crescita dell’Orion, che  sopravanza di un punto il Ghilarza e che ha ora distanziato la zona retrocessione, occupata dal Sanluri e dalla Libertas Nuoro, unica compagine ancora ferma al palo.

Un bilancio in chiaro scuro per le quattro compagini isolane che militano nel campionato di serie B di pallavolo maschile

Tempo di bilanci, in concomitanza della pausa per l’Assemblea Nazionale di Rimini, al termine della quale Bruno Cattaneo è stato eletto presidente della FIPAV, per le vbaquattro squadre isolane che militano nel girone B della serie B di pallavolo maschile. La prima delle squadre sarde è l’Olimpia Sant’Antioco, che occupa la quarta posizione con 36 punti al’attivo, otto in meno dei Diavoli Rosa Brugherio, che occupano la seconda posizione della graduatoria, che garantisce l’accesso ai play off. A guidare la classifica, con 46 punti a bilancio, è la Pallavolo Saronno. Al sesto posto, in una tranquilla posizione di centro classifica, staziona il Sarroch, mentre la Pallavolo Olbia dovrà cercare, nelle ultime giornate, i punti necessari per tenere a debita distanza il quartultimo posto, che condannerebbe alla retrocessione nella categoria superiore. Segnato, a tal proposito, il destino della Solo Pellico, ancora a secco di punti dopo diciassette giornate.

I master del Cus Sassari, eccellenza dell’atletica isolana!

“La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti”: firmato, Albert Einstein. Un invito preso alla lettera e applicato alla quotidianità dai 25 atleti della vivace e vincente sezione atletica Master del Cus Sassari, una scommessa vinta e vincente che regala risultati e soddisfazioni al Centro Sportivo gruppo-lanci-cus-sassariUniversitario sassarese del presidente Nicola Giordanelli e ai primi attori sulla scena, in pedana e in pista: grandi non per l’anagrafe, ma perché sportivamente meritevoli. Un progetto che coinvolge e cresce, nei riscontri, nei numeri e in entusiasmo.

Responsabile della sezione Master, oltre che atleta Cus, è Patrizia Spillo, che, in collaborazione con il referente tecnico Elisabetta Pinna, Mariangela Piga (coordinamento team femminile) e Antonello Satta (coordinamento team maschile,  lavorano sul progetto che, attualmente, coinvolge 14 donne e 11 uomini, rientranti quasi tutti nelle prime 10 posizioni delle graduatorie italiane 2016 di categoria nelle diverse specialità. Due esempi: Paola Sogos è la regina assoluta dei 3000 metri mentre Marco Giacomini è dominante nel getto del peso. Una vera risorsa per il movimento, una riconosciuta eccellenza sportiva made in Sassari e made in Sardegna.

Uomini e donne da record, capaci di spingersi al limite della prestazione e portare a casa medaglie e riconoscimenti importanti, orgoglio del Cus Sassari e dell’Isola. Fra loro Mario Vacca, capace di collezionare ben 13 medaglie – 7 d’oro e 6 d’argento – ai Giochi della Sanità outdoor a Maribor (Slovenia) nel 2016 cimentandosi nelle gare di salto, di velocità, di lancio, mezzofondo e pentathlon. O ancora Marco Giacomini, protagonista della miglior prestazione italiana di categoria indoor e outdoor nel getto del peso 6 kg e 7,260 kg, già medaglia di bronzo ai Mondiali 2015 disputati a Lione, quinto nella classifica mondiale 2016 e campione italiano indoor e outdoor 2016. Citarne un paio per elogiarli tutti.

Una attività piena e costante quella della sezione master, unita e compatta dentro e fuori da pedane e piste. Tanti gli appuntamenti 2017 cui il Cus Sassari Master Team non vuole mancare. Si parte dagli Italiani indoor di Ancona (m/f) di fine febbraio – nutrita rappresentanza cussina e ambizioni da podio per più di un atleta – per proseguire con gli Italiani di Pentathlon lanci (m/f) ad aprile. Quindi a giugno i Campionati sardi società su pista (m/f), gli Italiani individuali (m/f) di Orvieto a luglio e gli Europei su pista 2017 in programma in Danimarca, ad Aarhus da fine luglio ad agosto 2017. Ma c’è di più, perché il Cus Sassari Master Team non nasconde l’ambizione di accedere alla finale nazionale società su pista di Montecassino in settembre.

Mai sconfitta fu più indolore: la Dinamo passa il turno in Champions League

Mai sconfitta fu più indolore: la Dinamo ha perso per 84 a 63 in casa del Nymburg, ma per un piccolo ma importantissimo punto ha difeso il vantaggio, maturato al listenertermine della gara di andata, ottenendo così il pass per gli ottavi di finale della Champions League, dove i biancoblu dovranno vedersela con i francesi del Le Mans. Non è facile commentare la partita odierna dei ragazzi di coach Pasquini. I quali hanno affrontato l’importante impegno odierno dopo il tour de force delle Final Eight di Coppa Italia, quando hanno disputato tre partite in tre giorni, e un lungo viaggio per raggiungere la Repubblica Ceca. Ciò nonostante nel finale di gara, quando erano a un passo dal baratro (74 a 45), i biancoblu hanno trovato la forza per piazzare l’ultimo decisivo “colpo di reni”, grazie alle triple di Lacey e ai liberi di Savanovic. Poi l’opera è stata completata dall’errore di Sant Roos, ma anche questo fa parte del gioco, di questo bellissimo gioco, che è il basket!

 

A Olbia cresce l’attesa per lo Shardana Challenge

Cresce l’attesa, a Olbia, in programma il prossimo 9 aprile, sulla spiaggia di Pittulongu. Ma non solo. Al termine del Challenge sono in programma anche una Open Race, aperta sino ad un numero di 500 atleti, e lo Shardana Kids, una corsa divertentissima riservata ai bambini di età compresa fra i 6 e i 12 anni.index
Lo Shardana Challenge 2017 è in realtà soltanto una succulenta anteprima di quel che appena sei mesi dopo, nel weekend compreso fra il 14 e il 15 ottobre, accadrà ancora una volta sulla sabbia gallurese. La città di Olbia farà infatti ancora da supporto e cornice a un nuovo grande evento Shardana.
Sarà proprio Olbia, splendida cittadina gallurese affacciata sul mare e meta turistica d’eccellenza, a tenere a battesimo questa nuova e lungimirante scommessa sportiva dello Shardana Challenge 2017, scommessa fatta dagli organizzatori della Mudder Inside e di Mirtò e sostenuta dalla Federazione italiana OCR. Scommessa fatta però, con convinzione, anche dalle Istituzioni locali e regionali, con il sindaco olbiese Settimo Nizzi e l’assessore comunale al Turismo Marco Balata decisi a spalancare su Pittulongu una finestra sul mondo delle grandi manifestazioni sportive, e non solo.
In terra gallurese si sfideranno le rappresentative nazionali di Italia, Francia, Spagna e Repubblica Ceca. Un grande momento di sport e un grande obiettivo da raggiungere: promuovere il territorio destagionalizzando. A seguire le impressioni e aspettative in prospettiva Shardana Challenge raccolte nelle interviste realizzate in collaborazione con l’ufficio stampa del Comune di Olbia al sindaco Nizzi e all’assessore Balata.
Lo Shardana 2017 è organizzato dalla società Mudder Inside A.s.d. e da Mirtò, con il patrocinio della Federazione Italiana OCR, del Comune di Olbia, di Olbia Turismo (assessorato Attività Produttive e Turismo) e della Regione Sardegna. La manifestazione ha inoltre il sostegno del Banco di Sardegna, del Consorzio del Vermentino di Gallura, della Confcommercio del nord Sardegna del presidente Pasquale Ambrosio, Promocamera, Camera di Commercio del Nord Sardegna e Acqua Santa Lucia e della Aspo Spa del presidente Massimo Putzu. Media partner La Nuova Sardegna, sponsor tecnico è Kiness di Marco Angius.

Signor sindaco, curiosità, forte attenzione mediatica e apprezzamenti per la location da parte delle tre Nazionali straniere: la scommessa Shardana Challenge inizia a rivelarsi interessante?

«Assolutamente sì, questo evento sta contribuendo alla promozione territoriale, motore importantissimo per lo sviluppo turistico».
Come l’Amministrazione e la città di Olbia si stanno preparando all’evento, anche in considerazione del fatto che chiuderà un trittico di appuntamenti made in Sardegna – giro e rally – aventi lo sport come protagonista?

«La città sarà pronta, stiamo sistemando Olbia anche in vista di questi appuntamenti. Puntiamo moltissimo sugli eventi sportivi, che possono contribuire alla destagionalizzazione dell’offerta turistica».
La splendida spiaggia di Pittulongu sarà teatro naturale della staffetta OCR: quanto è importante valorizzare una risorsa naturale attraverso l’evento sportivo?

«La spiaggia di Pittulongu sta particolarmente a cuore all’Amministrazione, non solo perché è la “spiaggia degli olbiesi”, ma anche perché è apprezzata dai turisti: è per noi fondamentale valorizzarla, anche attraverso queste iniziative».

Il 9 aprile è ancora lontano, in ottobre poi Olbia sarà scenario di un nuovo grande evento OCR: quali aspettative ha in vista dello svolgimento di queste importanti manifestazioni?

«Non solo speriamo, ma crediamo che queste manifestazioni rappresentino veri attrattori per turisti provenienti non solo da altre regioni italiane, ma anche dall’estero. Chi proviene da queste zone apprezza il clima mite che contraddistingue i mesi di bassa stagione».
Oltre alla staffetta internazionale OCR – prima della storia a livello mondiale – ci saranno anche una gara riservata ai bambini e una gara Open: ha mai pensato di partecipare come protagonista sul campo?

«Lascio fare lo sport ai professionisti, io mi godrò lo spettacolo».

Assessore Marco Balata, come la città e le sue strutture si stanno preparando a vivere la prima storica edizione della staffetta OCR Shardana Challenge? «

C’è grande fermento in città per accogliere l’evento nel modo più adeguato. La manifestazione non può che essere accolta con entusiasmo da tutti gli addetti ai lavori: albergatori, commercianti, ristoratori, ecc».
Quattro Nazionali, gli atleti più forti d’Europa e del Mondo a confronto e Olbiasarà sotto i riflettori della ribalta internazionale: ricaduta positiva, visibilità e promozione. Un commento a riguardo?

«È proprio così, questo tipo di eventi hanno il grande pregio di contribuire a far conoscere le bellezze della nostra meravigliosa isola all’esterno».
Un evento a inizio aprile, poi uno ad ottobre: lo sport come leva per scardinare il problema della destagionalizzazione? «Assolutamente sì. Sono proprio questo tipo di eventi che contribuiscono ad allungare la stagione».
Quali potenzialità ha, a livello di attrattiva turistica, una manifestazione come lo Shardana Challenge?

«Ha grandi potenzialità. Lo sport di alto livello è un attrattore turistico importante».

Lo abbiamo chiesto al sindaco, lo chiediamo anche a lei: che ne dice di partecipare alla gara Open?

«Certamente! Non la perderei per nulla al mondo».

La Dinamo vola in finale!

Le protagoniste dell’ultimo atto delle Final Eight 2017 saranno l’Olimpia Milano e la Dinamo Sassari. I meneghini hanno sconfitto per 84 a 87 la Pallacanestro Reggiana, mentre i biancoblu hanno ottenuto il pass per la finale, sconfiggendo in “volata” – citazione ciclistica d’obbligo, in considerazione della maglia rosa indossata da Devecchi e compagni -,la Leonessa Brescia, grazie  a due triple siderali di Rok Stipcevic nella parte conclusiva di una gara difficile e combattuta, più di quanto non dica il 77 a 70 maturato al termine dei quaranta minuti di gioco.lacey-vs-avellino-770x480

Ma pare alquanto semplicistico ridurre la vittoria della Dinamo al gesto, seppur di alta classe, di un singolo, perché i biancoblù hanno fatto leva soprattutto su un ottimo rendimento in fase difensiva e sullo spirito di gruppo, che ha permesso loro di iniziare la gara con la necessaria concentrazione, a differenza di quanto accaduto nella sfida dei quarti contro Avellino, e di superare senza troppi contraccolpi il passaggio a vuoto del secondo quarto, quando hanno subito la difesa e l’esplosività a rimbalzo degli avversari. Dopo il riposo, i ragazzi di coach Pasquini hanno rimesso le cose a posto e nell’ultimo periodo hanno definitivamente stroncato la resistenza dei bresciani, che escono comunque dal campo a testa alta. E ora, in casa biancoblù, si può sognare a occhi aperti…perché nella vita, si sa, non c’è due senza tre. E, nella bacheca del sodalizio sassarese, fanno già bella mostra altre due Coppe Italia.

foto tratta dal sito www.vistanet.it

 

A San Giovanni le fasi provinciali dei Campionati studenteschi di cross

Il 22 febbraio gli impianti del Cus Sassari, ospiteranno le fasi provinciali dei Campionati studenteschi di corsa campestre 2017,  riservati ai ragazzi frequentanti gli Istituti di primo e secondo grado. Le strutture di San Giovanni si confermano sempre più punto di riferimento per la città di Sassari, per gli studenti dell’Ateneo Sassarese e per tuti gli sportivi, agonisti e non, che individuano nell’offerta strutturale e nell’accoglienza cussina una valida opportunità di  divertimento, gioco, pratica sportiva e allenamento.cross

«Gli Studenteschi sono un evento di grande importanza e siamo felici di poterli ospitare nei nostri impianti – afferma il presidente del Cus Sassari, Nicola Giodanelli -. I Campionati rappresentano da sempre una importante opportunità di crescita per il movimento dell’atletica locale e isolana. Occasione per mettere a confronto quelle che, se coltivate con passione e allenamento, possono essere le inesauribili risorse offerte dal territorio allo sport, nello specifico l’atletica, la campestre. Risorse che potrebbero alimentare in un futuro di medio breve periodo anche il movimento universitario, iscrivendosi alle nostre facoltà ed entrando a far parte del mondo Cus Sassari, diventando così potenziali alfieri del movimento sardo alla ribalta nazionale».

L’appuntamento  sul  percorso cross di San Giovanni è fissato come detto per il prossimo 22 febbraio, mercoledì, con primo ritrovo dei concorrenti previsto per le ore 9,30 e inizio gare programmato per le ore 10. A dare il via all’edizione 2017 della fase provinciale dei Campionati studenteschi sarà la categoria Ragazze. Un evento dai grandi numeri che già prende forma grazie all’organizzazione curata dal Gruppo di Supporto Regionale per l’Educazione Fisica e Sportiva in piena sinergia e collaborazione con il Centro Sportivo universitario di Sassari.

Fine settimana dedicato al tennis nei campi del Cus Sassari

A partire da domani, venerdì 10 febbraio, e sino a domenica 12, i campi da tennis del Cus Sassari, a San Giovanni, ospiteranno la prima tappa del 3° Circuito Consorzio Nord Sardegna 2017, torneo giovanile di tennis cui il Centro Sportivo Universitario sassarese prende parte ormai da tre anni ad un evento collaudato che affida ai circoli partecipanti l’organizzazione delle varie tappe. Stavolta tocca al Cus Sassari, parte partecipe di un meccanismo ormai rodato che con entusiasmo rilancia ancora una volta la sfida alla racchetta. Tre tappe con la formula “Rodeo” – per il torneo agonistico – cui prenderanno parte, oltre al Cus Sassari, il Tc Arzachena e lo Junior Tennis Stintino. Previsto anche un master finale da giocare presso il Tc Castelsardo cui accederanno solo i primi 8 giocatori per categoria. Superate le 100 iscrizioni.img_2463

«Lo ribadiamo ad ogni occasione possibile: il nostro ‘obiettivo è fare sport, farlo a 360° coinvolgendo il maggior numero possibile di persone nella nostra visione sportiva – spiega il numero uno del Cus Nicola Giordanelli -. Obbiettivo da raggiungere sul campo, con le nostre rappresentative universitarie, i nostri atleti, i nostri vivai. E obbiettivo da raggiungere  anche attraverso la condivisione di progetti e iniziative, la partecipazione a circuiti che possano creare interesse attorno al movimento e alle attività proposte.  Questo il senso che oggi ci porta a partecipare, organizzare e ospitare la prima tappa di questo interessante torneo giovanile di tennis. Investiamo in sport, cresciamo insieme».

Il 3° Circuito Consorzio Nord Sardegna 2017 vedrà confrontarsi in campo giovani appartenenti alle categorie under 10, 12, 14 e 16, maschile e femminile, oltre agli under 10 “Promozionale”. Il Consorzio Nord Sardegna organizza questo torneo per regalare visibilità al movimento attraverso appunto l’organizzazione di attività agonistica per i giocatori di 2/3 fascia. Per gli under 12 il “taglio” della classifica è fissato massimo a 4.4, per gli under 14 a 4.3 e per gli under 16 a 4.2. Sono in programma incontri riservati ai non agonisti “Red-Orange”; per la categoria Delfino potranno partecipare i classe di età 2009, 2010 e 2011 mentre per i Cerbiatto potranno partecipare i nati nel 2007, 2008, 2009 e 2010. Seconda tappa in programma ad Arzachena il 24, 25 e 26 febbraio. A seguire Stintino (17, 18 e 19 marzo) e Castelsardo, atto finale programmato per il 7, 8 e 9 aprile.