Archivi per la categoria ‘Sport vari’

Glauco Melotti rende omaggio a Fabio Aru: dipinta a mano la miniatura con la maglia tricolore

In tanti modi la Sardegna ha festeggiato il trionfo tricolore di Fabio Aru, ma di certo il più artistico e il più originale è stato quello del sassarese Glauco Melotti. Il quale, 19511571_1373818432715236_4693550003639282462_ncon le sue sapiente mani, ha dipinto la miniatura del campione sardo che, dal prossimo 1° luglio, sarà impegnato al Tour de France.

La Sardegna in festa: Fabio Aru Campione d’Italia!

Tutta la Sardegna festeggia l’impresa di Fabio Aru: oggi il “cavaliere dei 4 mori” ha vinto il campionato italiano di ciclismo, concludendo in solitaria sul traguardo di aruIvrea, precedendo di 40″ Ulissi e Nocentini. Il campione sardo rivede così la luce, dopo la forzata rinuncia all’edizione numero 100 del Giro d’Italia, che aveva preso il via dalla sua Terra, e dopo un digiuno lunghissimo: l’ultima sua vittoria risaliva, infatti, al Delfinato 2016.

Al termine della corsa Fabio Aru, dal 1* luglio, impegnato al Tour de France. “Non pensavo di poter andare così forte. Ho corso con la maglia di Scarponi. Adesso la restituirò alla sua famiglia

Tiro con l’arco: quattordicesimo posto per la Sardegna al Trofeo Pinocchio

Si conclude al quattordicesimo posto l’avventura della Sardegna alle finali nazionali del Trofeo Pinocchio di tiro con l’arco, riservate agli studenti delle scuole medie ed elementari di tutta Italia, che si sono svolte a San Bartolomeo al Mare, in provincia di Imperia.untitled

La selezione dei quattro mori ha concluso la manifestazione con un bottino di 4.346 punti, arrivando subito dietro la Basilicata, tredicesima a quota 4.488 e davanti alle Marche (4.208). La competizione ha visto scendere sulla linea di tiro gli studenti qualificati all’appuntamento attraverso le fasi provinciali e regionali di ognuno dei ventuno comitati regionali della Fitarco.

 I giovanissimi arcieri sono stati divisi per classi, gli studenti di prima e seconda media hanno tirato a 20 metri di distanza dal bersaglio, i più giovani, quarta e quinta elementare, a 15 metri. Ogni arciere nel corso del torneo ha scoccato 48 frecce, i cui punteggi, sommati fra di loro, hanno permesso di stilare la classifica finale per Regioni.

 La Fitarco al termine della gara ha voluto omaggiare tutti i vincitori con un biglietto per la finale della Coppa del Mondo di Roma, in programma il 2 e il 3 settembre prossimi. 

 

Torres Tennis, domenica prossima la sfida decisiva per la serie B

La Torres Tennis “è ambiente” si gioca, dopo solo un anno di purgatorio, la possibilità di ritornare a disputare il campionato di serie B nazionale.

Dopo il successo di domenica scorsa a Milano, la promozione passa proprio da Sassari e dalla possibilità di giocarsi in casa le chance di vittoria contro la seconda corazzata toccata in sorte alla compagine sassarese, il Villa York Sporting Club di Roma, nell’ultima e decisiva sfida play off.19238430_10210888742148434_703148382_o-1

L’appuntamento è per domenica 25 giugno, alle 9:30, sulla terra rossa del circolo di via Coradduzza.

Nella prima gara playoff di domenica scorsa è arrivata un’insperata vittoria dopo una vera e propria maratona di 12 ore, con temperature altissime sui campi play-it indoor del prestigioso Harbour Aspria Club di Milano. Un successo bellissimo che ha regalato alla compagine del presidente Gavino Caddia un grande entusiasmo ed una rinnovata fiducia sulla possibilità di promozione.

“E’ stata una vera e propria e battaglia quella di Milano” ha dichiarato il DS Marco Ticca, “giocata sul filo dei nervi ma soprattutto della resistenza fisica, viste le condizione proibitive in cui si sono disputati gli incontri. Faccio tantissimi complimenti ai ragazzi ed al maestro Rodighiero che li ha guidati, per essere riusciti in un impresa in cui credevano davvero in pochi”.

Il successo è giunto al termine di 7 match tiratissimi.

Nei singolari Vilardo supera Torroni (T) 6-3/6-0 ma Fois (T) ristabilisce la parità con un 2-6/ 7-5/ 6-2 su Bergomi;  Vismara – Monte (T) termina 6-3/6-2 per il padrone di casa ma ancora domina l’equilibrio con Pintus (T) vincente su Serena 7-6/6-2.

Nei doppi Vilardo-Vismara superano in tre set Torroni – Pintus (T) 7-6/4-6/6-4 ma il secondo doppio è vinto dalla coppia sassarese Pinna – Pintus su Megevand – Serena 6-2/6-1.

Sul 3-3 si va al doppio di spareggio con la coppia Torroni – Pintus va sotto 6-7 al primo set, dopo aver perso il tie break, e poi infila un 6-4/6-4 su Vilardo-Serena. E’ il punto decisivo che vale il 4-3 finale.

Smaltita la soddisfazione per la vittoria, i ragazzi della Torres “è ambiente” sono concentrati sulla partita di domenica che, nonostante si giochi in casa, vede favorita la compagine romana, forte di un roster di assoluto prestigio, con ben sette giocatori di seconda categoria, di cui ben due 2.1, un 2.3, un 2.4, un 2.5, un 2.6 e 2.7.

La Torres metterà in campo Giulio Torroni 2.2, Michele Fois 2.5 Cristiano Monte 2.7, Marco Pinna 2.8, Federico Pintus 2.8 e Franco Sciarra 4.2.

Ci sarà bisogno del pubblico delle grandi occasioni per l’ennesima sfida all’ultimo punto, questa volta decisivo, in una gara che si preannuncia, comunque vada, spettacolare.

Alessia Orro a Busto Arsizio

La palleggiatrice di Narbolia, Alessia Orro, “enfant prodige” della pallavolo sarda sta diventando grandi e il prossimo anno lascerà il Club Italia per indossare la maglia del Busto Arsizio, dove ritroverà il suo mentore, coach Mencarelli.

Grande successo per il 2° Trofeo Marzio Lepri

Va in archivio con un grande successo il 2° Trofeo “Marzio Lepri” che nelle giornate di sabato e domenica, allo stadio “Vanni Sanna” di Sassari, ha coinvolto oltre 40 Scuole calcio provenienti da tutta l’isola.untitled

Una  due giorni di sport e divertimento che la ASD Marzio Lepri di Sassari, nata nel 2016, è riuscita a trasformare, in due anni, in un avvenimento imperdibile di fine stagione per tutte le società sportive, con una dedica speciale a Marzio Lepri, amatissima bandiera del sodalizio rossoblù, miglior cannoniere della Torres di tutti i tempi con le sue 122 reti in 301 partite.  

 Per la seconda edizione sono state 43 le formazioni provenienti da tutta l’isola che hanno dato vita ad un torneo di altissimo livello che ha premiato 4 diverse società in altrettante categorie:

Primo posto nei Micro Micro per la San Paolo di Sassari, nei Micro alla Scuola Calcio Cagliari-Alghero, nei Pulcini al Cagliari Calcio e  negli Esordienti alla Marzio Lepri.

 

Il manto erboso del Vanni Sanna è stato il palcoscenico di gare in contemporanea che si sono svolte davanti ad una cornice di pubblico entusiasta e che ha superato le 2000 unità: «Siamo stanchi ma felici – il commento del presidente della Marzio Lepri Antonello Milia- perché ci siamo divertiti e abbiamo fatto divertire tanti bambini. Ci piacerebbe poter fare più spesso manifestazioni di questo tipo perché sono importanti per chi fa calcio nelle nostre categorie». Già in cantiere la terza edizione: «Cercheremo di fare sempre di più, magari distribuendo le gare in più giorni – ha concluso Milia- anche se, purtroppo, non abbiamo tante strutture a disposizione. Speriamo comunque di poter migliorarci ancora in futuro».

 

Il Trofeo ha avuto un’appendice sabato con due triangolari. Per le categorie  Giovanissimi a prevalere, contro Cus Sassari e Torres 1903, sono stati gli atleti del Cagliari Calcio, nella categoria Allievi primo posto per la Torres 1903 che ha battuto Cus Sassari e Alghero – Calcio.

 

Un bilancio più che positivo per il dirigente della Marzio Lepri, Nicola Cosso «Siamo soddisfatti per la bella cornice di pubblico e per aver fatto divertire i ragazzi ma questi tornei servono a crescere e la crescita avviene attraverso il confronto. Speriamo di poterlo continuare a fare e di migliorare ancora in futuro per regalare altre giornate importanti di sport come questa».

La giornata è stata allietata anche dalla presenza di giochi gonfiabili per i più piccoli e spazi ristoro gestiti dai volontari amici della Marzio Lepri che hanno distribuito bibite e panini.

Hanno partecipato all’evento nei Micro-Micro (Marzio Lepri, San Paolo Sassari, Psg Ploaghe, Cus Sassari e New Team Usini) nei Micro, oltre alle già citate, Calmedia Bosa, Wilier, Cantera Sorso, Turritana, Catalunya, Monserrato e Coros Logudoro. Nella categoria Pulcini anche Buddusò e S.G. Nuorese. Tra gli Esordienti presenti le scuole calcio Oliena, Atletico Olbia e Usinese. 

 

Tre vittorie per i portacolori CST Sport a Morano

Tre vittorie per i portacolori CST Sport alla 7^ Salita Morano – Campotenese, con Omar Magliona su Norma M20 Fc Zytek primo in gruppo E2SC e ad un soffio dalla vittoria assoluta per una noia al cambio; Luca Ligato vincitore del gruppo CN sulla Osella PA 21 EVO Honda, ha chiuso all’8° posto assoluto e Manuel Dondi vincitore del gruppo E2SH sulla Fiat X1/9; Angelo Guzzetta 1° in classe A1600 e 2° di categoria con la Peugeot 106.untitled

Omar Magliona ha vinto il gruppo E2SC con la Norma M20 FC Zytek: il sardo è stato rallentato dal no perfetto funzionamento del cambio al volante della sua biposto di classe regina, inconveniente che ha privato il sassarese della possibilità di attaccare a fondo per il successo assoluto da cui è stato diviso soltanto da 87 centesimi di secondo, addirittura di un solo decimo in gara 2 -“Sono contento per il successo di categoria ed un secondo posto assoluto, ma deluso perché il successo mi è sfuggito per meno di un secondo in totale – ha dichiarato Maglionasperavo di poter ottenere di più dalla resa del particolare che mi ha impedito di attaccare. Talvolta sembra che i problemi siano risolti, ma poi si ripresentano nei momenti meno opportuni. Il team Faggioli mi mette sempre a disposizione un mezzo al top per il resto, è purtroppo una questione di forniture esterne. Il lavoro co la scuderia funziona al meglio, ma questi inconvenienti rendono più difficile il nostro cammino”-.

Luca Ligato su Osella PA 21 EVO Honda, ha allungato nella classifica tricolore grazie alla perentoria vittoria tra le biposto con motore derivato dalla serie. Il giovane reggino ha attaccato a fondo e non ha mai subito insidie -“Ho sentito bene la mia Osella – ha spiegato Ligatoabbiamo apportato delle regolazioni dopo le prove e la scelta ci ha dato ragione. Adesso però dobbiamo continuare e non abbassare la guardia. Il lavoro pianificato con la scuderia mi permette di competere serenamente pensando alle prestazioni”-.

Terzo centro consecutivo in gruppo E2SH per il bolognese e Campioni in carica Manuel Dondi, che sulla Fiat X1/9 si è immediatamente adeguato anche al tracciato calabrese, sul quale ha trovato le migliori regolazioni per la vettura in versione silhouette che prepara lo stesso pilota -“Ottimo risultato che mi da un ottimo spunto in campionato – ha commentato Dondi - la concorrenza è sempre più competitiva, per cui sarà impegnativo mantenere il comando, ma il nostro impegno sarà massimo. Con il supporto della scuderia stiamo procedendo nella giusta direzione”-.

Un ottimo successo in classe A1600 con seconda piazza in gruppo A è arrivato dal catanese Angelo Guzzetta sulla Peugeot 106, risultato che rilancia l’etneo in TIVM, ma anche nel tricolore, dopo il successo pieno di gruppo al Reventino.

Tanak trionfa al Rally Italia Sardegna

Si è concluso il Rally Italia Sardegna:  la quattordicesima edizione sull’Isola dei Quattro Mori della gara italiana del Campionato del Mondo Rally, organizzata dall’Automobile Club d’Italia in collaborazione con la Regione Sardegna, ha visto trionfare,  dopo quattro giorni di emozioni, spettacolo ed alta adrenalina per le decine di migliaia di spettatori presenti,  Ott Tanak e Martin Jarveoja su Ford Fiesta Wrc. L’,equipaggio estone della M-Sport World Rally Team ha  preso il comando della gara nella 2^ tappa nella PS 13, che ha vinto unitamente alla 12 e 14, e lo ha mantenuto fino al traguardo finale, conquistando la prima vittoria nel Campionato del Mondo Rally, grazie ad una strategia d’attacco e coadiuvato dalla vettura che ha sempre reso al meglio. -“Sono contento ma è stato molto difficile – ha detto il Jari Matti Latvala, Mikka Anttila (Toyota Yaris WRC #10)29enne vincitore – c’è una squadra fantastica ed un buon feeling con la macchina. Ogni cosa sta andando al suo posto. Avevo un pò di pressione per vincere qui in Sardegna poiché in Polonia sarà difficile, ma ripeto, c’è un grande team intorno alla macchina e dentro la macchina. Ora voglio andare a casa e festeggiare con i miei figli e mia moglie”-.

Seconda posizione per il 32enne finlandese Jari-Matti Latvala navigato da MIkka Antilla sulla Toyota Yaris Wrc, l’equipaggio del Toyota Gazoo Racing WRT, che dopo una gara sempre in attacco, malgrado dei problemi elettrici sul finale, ha centrato il terzo podio della stagione dopo la vittoria in Svezia e il 2° posto a Montecarlo -“E’ stato un rally difficile abbiamo avuto problemi in varie prove che sono costati vari punti - ha spiegato Latvala – la sfida nei prossimi rally sarà molto interessante ed emozionante, perché c’è una grande competizione tra diversi piloti e sarà così per un bel pò di tempo”-. Terzo gradino del podio per l’equipaggio belga della Hyundai Motorsport formato dal 29enne Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul che, sulla I20 Coupè Wrc, ha vinto la Ittiri Arena Show, la speciale d’apertura e la PS 11 davanti a migliaia di spettatori, prima che un problema ai freni costringesse i vincitori dell’edizione 2016 a tentare una rimonta. -“Abbiamo fatto tutto il possibile – sono state le parole di Neuville – siamo stati sfortunati con il problema ai freni che ci ha tolto il comando, ma incredibile è stato il lavoro da parte del team ed una buona performance da parte della nostra I20 Coupè Wrc. Siamo contenti per alcune cose, ma delusi per altre.”-

In ottima evidenza, sotto al podio sin dalla 2^ Tappa si sono confermati i finlandesi della Toyota Esapekka Lappi e Janne Ferm, vincitori della Power Stage che sulla Yaris Wrc hanno ottenuto il maggior numero di scratch in ben 6 PS, la 5, 6, 7, 15, 18 e 19, purtroppo rallentati nella prima tappa da un problema al cambio subito risolto in assistenza. Sono risaliti fino al quinto posto nella generale i campioni del mondo in carica e leader iridati Sebastien Ogier e Julienne Ingrassia sulla Ford Fiesta Wrc, i francesi della M-Sport hanno iniziato la rimonta dopo che nella 2^ tappa una foratura è costata loro oltre 1 minuto, i 4 volte mondiali hanno poi forzato sul finale. A completare un tris di Toyota nella top ten, con il 6°posto nella gara italiana, ci hanno pensato gli altri finlandesi Juho Hanninen e Kaj Lidstrom che sulla Yaris Wrc hanno vinto la PS 3, anche se sul finale si è presentato un problema al servosterzo ed hanno perso la top five proprio sulla Power Stage. I norvegesi Mads Otsberg e Ola Floene hanno limitato i danni col 7° posto assoluto con la Ford Fiesta RS Wrc, in una gara sofferta dopo aver perso terreno nella 2^ tappa per una foratura, qualche noia ai freni ed un successivo danno ad una sospensione, infine danni sulle due ruote di destra nella conclusiva Power Stage. Hanno  concluso all’ottavo posto il debutto sulla Citroen C3 Wrc la new entry del Total Abu Dhabi WRT Andreas Mikkelsen e Anders Jaeger Synnevaag, l’equipaggio finnico che sul finale ha avuto delle buone conferme dalle modifiche effettuate.

Top ten completata dai protagonisti della R5, con successo per il francese Eric Camilli, nono assoluto sulla Ford Fiesta R5, seguito al decimo posto dal vincitore della Wrc2 Jan Kopecky, il ceko di Skoda Motorsport II sulla Fabia R5 che ha sempre duellato con Camilli. Dominio in Wrc3 e importante successo anche per la classifica iridata Junior dello spagnolo Nil Solans, vincitore di quasi tutte le prove, insidiato ma mai impensierito dal francese Nicolas Ciamin, entrambi sulle Ford Fiesta R2.

Vincitori di altre prove sono stati: Dani Sordo, 4, 8, 9 e 17 su Hyundai I20 Coupè Wrc, purtroppo con gara compromessa da un problema al turbo nella prima tappa costato oltre 3’20”; Hayden Paddon su Hyundai I20 Coupè Wrc, PS 10 e 16, al comando fino alla PS 12 e poi fuori dai giochi per una toccata nella 2^ Tappa e successiva uscita di strada nella 3^; a favore di Kris Meeke su Citroen C3 Wrc la PS 2, poi l’inglese si è ritirato per uscita di strada.

Unofficial Top ten Rally Italia Sardegna: 1 Tanak – Jarveoja (Ford Fiesta Wrc) 3h25”15”1; 2 Latvala – Antilla (Toyota Yaris Wrc) +12”3; 3 Neuville – Gilsoul (Hyundai I20 Coupè Wrc) +1’07”7; 4 Lappi – Ferm (Toyota Yari Wrc) +2’12”9; 5 Ogier – Ingrassia (Ford Fiesta Wrc) +3’25”3 ; 6 Hanninen – Lidstrom (Toyota Yaris Wrc) +3’38”5; 7 Otsberg – Floene (Ford Fiesta RS Wrc) +6’31”8 ; 8 Mikkelsen – Synnevaag (Citroen C3 Wrc) +8’07”8; 9 Kopecky – Dressler (Skoda Fabia R5) +11’14”9; 10 Camilli – Veillas (Ford Fiesta R5) +11’15”8.

Iniziative Aci per l’ambiente al Rally Italia Sardegna

Il Presidente dell’Automobile Club D’Italia Angelo Sticchi Damiani, unitamente alle autorità regionali della Sardegna e della Città di Alghero, ha piantato un albero sul lungomare della cittadina sarda sede del quartier generale della settima prova del Campionato del Mondo Rally, in prossimità del parco assistenza del Rally Italia Sardegna 2017. untitled
Un gesto simbolico per l’azione di “carbon offset” della gara italiana del Campionato del Mondo Rally che conferma l’alta sensibilità verso l’ambiente, evento che ha ottenuto nel 2016 la certificazione ambientale “Progress Towards Excellences” del FIA Institute, l’organismo della Federazione Internazionale dell’Automobile dedicato alla sostenibilità degli eventi sportivi motoristici nel Mondo.
E’ parte fondamentale della Mission istituzionale dell’ACI attuare una politica consapevole e responsabile della mobilità. Tra le iniziative in difesa dell’ambiente messe a punto dall’Area Tecnica dell’Automobile Club d’Italia, in risposta agli inviti del Fia Institute, insieme al Comune di Alghero, Forestas e Parco Regionale di Porto Conte, c’è quella della piantumazione in città e nella zone del parco di arbusti in grado di rigenerare aria pulita.
Da poco l’opinione pubblica ha iniziato a prendere familiarità con un concetto nuovo nel campo della difesa dell’ambiente: quello di carbon offset. In pratica secondo il significato letterale delle due parole “carbon” indica infatti l’anidride carbonica (CO2), mentre il verbo “to offset” significa “mitigare”, si tratta quindi di mettere in atto azioni per compensare le emissioni di CO2.

Colpo di scena al Rally Italia Sardegna: Paddon costretto al ritiro, Tanak nuovo leader

Nuovi colpi di scena al Rally Italia Sardegna che, durante la sua 2^ tappa. ha regalato emozioni ed incertezza, oltre ogni possibile pronostico. Ott Tanak è passato al comando della gara al volante della Ford Fiesta Wrc: l’estone di M-Sport World Rally Team, navigato dal connazionale Martin Jarveoja, ha preso il comando sulla PS 13 “Coiluna – Loelle 2”, quando Hayden Paddon su Hyundai I20 Coupè Wrc, al comando fino a quelrally momento, ha danneggiato la sospensione posteriore destra ed è stato costretto al ritiro. Tanak ha anche vinto la prova numero 12 e 14, a conferma di un ottimo e costante ritmo di gara, come lui stesso ha confermato. Paddon aveva vinto il crono d’apertura della giornata. In seconda piazza è salito l’equipaggio finlandese della Toyota Yaris Wrc Jari-Matti Latvala e Miikka Antilla, che hanno sempre attaccato durante le 6 prove odierne. Terza piazza in rimonta per l’equipaggio belga di Hyundai Motorsport Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul sulla I20 Coupè Wrc, che dopo aver vinto la prova 11 ha accusato noie ai freni poi risolte in assistenza, permettendo al duo la nuova risalita. Al 4° posto di tappa il finnico Esapekka Lappi, che ha vinto la PS 15 dopo aver risolto il problema alla 2^ marcia nella prima tappa. Quinta posizione per un altro finlandese, Juho Hanninen su Toyota Yaris Wrc, che con una strategia di gara attenta e proficua ha portato la terza vettura del Toyota Gazoo Racing WRT nella top five. I francesi Sebastien Ogier e Julienne Ingrassia sulla Ford Fiesta M-Sport WRT hanno iniziato l’attacco ed ora sono sesti, dopo lo svantaggiato ruolo di apripista nella 1^ tappa, ma l’equipaggio leader del mondiale ha perso oltre 1 minuto sulla prova 12 per una foratura con cambio di ruota in prova. Retrocesso in 7^ posizione il norvegese Mats Otsberg su Ford Fiesta RS Wrc, quando sulla PS 12 ha forato e cambiato la ruota in prova e poi nel tentativo di rimonta si sono aggiunte noie ai freni e ad una sospensione. Ottavo posto per il norvegese Andreas MIkkelsen in aumento di feeling con la Citroen C3 Wrc del team Total Abu Dhabi, con la quale è al debutto.

Con il nono posto assoluto il ceko Jan Kopecky sulla Skoda Fabia R5 è sempre leader della Wrc2, dopo aver passato il francese Eric Camilli che sulla Ford Fiesta R5, completa la top ten. In Wrc3 e nella classifica iridata Junior è leader lo spagnolo Nil Solans, che precede il francese Nicolas Ciaimin, entrambi su Ford Fiesta R2.

Domani domenica 11 giugno dirette Tv alle 9 ed alle 12 su Fox Sport ed in streaming su wrc+. Saranno quattro le prove speciali della 3^ e conclusiva tappa del Rally Italia Sardegna: “Cala Flumini” Km 14,06 con passaggi alle 8.33 e 10.54; “Sassari – Argentiera” Km 6,96 alle 9.08 e alle 12.18 quando sarà la Power Stage della gara organizzata dall’Automobile Club d’Italia in collaborazione con la Regione Sardegna. Cerimonia del Podio al Porto di Alghero alle 14.15

Top five 2nd leg Rally Italia Sardegna: 1 Tanak – Jarveoja (Ford Fiesta Wrc) 2h56”37”2; 2 Latvala – Antilla (Toyota Yaris Wrc) +24”3; 3 Neuville – Gilsoul (Hyundai I20 Coupè Wrc) +1’02”2; 4 Lappi – Ferm (Toyota Yari Wrc) +2’10”8; 5 Hanninen – Lidstrom (Toyota Yaris Wrc) +2’42”1.