Archivi per la categoria ‘Sport vari’

Giocato l’Open day della serie C di pallavolo maschile

Con la tradizionale e ormai collaudata formula dell’Open Day ha preso il via, in quel di Sorso, il campionato di serie C di pallavolo maschile, che vede ai nastri di partenza, due compagini sassaresi, la Virtus San Giuseppe e la Silvio Pellico, entrambe sconfitte all’esordio stagionale, rispettivamente dall’Ariete Oristano per 1 a 3 (24 – 26/25 – 19/25 – 23 – 25) e dalla Stella Azzurra Sestu, 23031131_1724153930952851_6987263640697978449_n

Il primo set della sfida tra pellicani, retrocessi dalla categoria superiore,, e i ragazzi di coach della Pia è stato caratterizzato da un pressoché assoluto predominio di questi ultimi, che hanno chiuso i conti sul 14 a 25. Più equilibrato, invece, il secondo parziale, nel corso del quale i sassaresi hanno espresso un gioco migliore, resistendo fino al 23 a 23, per poi cedere in volata sul 23 a 25 alla Stella Azzurra, che ha poi portato a casa anche il terzo set, vinto per 20 a 25, e conseguentemente i primi punti della stagione.

Quello di ieri – ha dichiarato Gianni Piana della Virtus San Giuseppe – ha rappresentato per tutti il primo impegno ufficiale della stagione ed è stata l’occasione per  vedere gli organici delle squadre partecipanti al campionato. Alcune formazioni come la Pallavolo Olbia e il Garibaldi La Maddalena puntano alla serie B, mentre altre hanno come obiettivo primario la valorizzazione dei giovani talenti, quindi peccano di esperienza. Sarà comunque un campionato equilibrato, nel corso del quale bisognerà rimanere sempre concentrati, per evitare passi falsi“.

E Garibaldi e Pallavolo Olbia non hanno fallito il primo appuntamento stagionale: i maddalenini hanno sconfitto per 3 a 1 (18- 25/25 – 18/27 – 25/25 – 16) la Pall. Villacidro, mentre gli olbiesi hanno superato per 3 a 0 il Sanluri (25 – 16/25 – 15/25 .- 16). Vittorie in tre set anche per la Pallavolo Borore contro l’Aquila Cagliari (25 – 18/25 – 23/25 – 23) e per la Pol. Carloforte contro la Quadrifoglio Porto Torres (21 – 25/23 – 25/18 – 25)

 

A Sassari la Guido Sieni Judo Cup

Sarà una terza edizione ancora più ricca e partecipata, con atleti che arrivano da numerose società sportive isolane e da diverse regioni della penisola, raddopiando le presenze rispetto allo scorso anno. Domenica 29 ottobre il PalaSantoru di via Rizzedddu, vedrà scendere sui quattro tatami, che saranno allestiti dal sabato sera, circa 250 atleti. Questa, inoltre, sarà anche un’edizione nel segno del ricordo, quello di Franco Sieni, ideatore del trofeo internazionale, scomparso a giugno di quest’anno.sassari_gsjc2016_scontro_sicilia_lombardia_2016

L’appuntamento sportivo è stato presentato a Palazzo Ducale, alla presenza del sindaco di Sassari Nicola Sanna, dell’assessora alle Politiche per lo Sport Alba Canu, del presidente del Centro sportivo Guido Sieni Stefano Urgeghe e del presidente del comitato regionale della Fijlkam Gavino Piredda.

La manifestazione si preannuncia quindi ricca di spettacolo e di agonismo, visto che tra i judoka in gara sono tanti i medagliati oro, argento e bronzo agli ultimi campionati italiani. «L’appuntamento di domenica – ha detto in apertura Stefano Urgeghe – è una conferma per il judo, soprattutto per quello giovanile che dimostra la volontà di tornare protagonista sulla scena nazionale e internazionale». Arriva, inoltre, a breve distanza dai mondiali Master e Kata di judo che, con enorme successo, in particolare per gli atleti italiani – molti i sardi sul podio – si sono svolti a Olbia nella prima settimana di ottobre.

E se la Guido Sieni Judo Cup vuole far ricordare il trofeo internazionale “Guido Sieni”, domenica sarà anche l’occasione per ricordare il patron dell’evento che, per venticinque, anni portò in città judoka da tutto il mondo, Franco Sieni. Scomparso a giugno scorso, Franco Sieni, con la sua grinta e la sua grande passione, attraverso quest’arte marziale portò Sassari e la Sardegna a essere quasi sinonimi di judo.

«La manifestazione è dedicata quest’anno a un uomo a cui la città deve molto, Franco Sieni, recentemente scomparso. Un uomo la cui passione ha reso possibile il trofeo internazionale “Guido Sieni” a cui la Guido Sieni Judo cup, iniziativa sportiva giunta alla terza edizione si ispira apertamente»ha dichiarato il sindaco di Sassari Nicola Sanna.

«Sono coinvolti nel Guido Sieni Judo Cup adolescenti che imparano il rispetto delle regole, il rigore, la sana competitività, tutte virtù necessarie per dedicarsi a una disciplina sportiva»ha aggiunto l’assessora alle Politiche sportive Alba Canu.

Quest’anno la location si sposta al PalaSantoru, per indisponibilità del PalaSerradimigni che, nella stessa giornata, vedrà la partita della Dinamo Sassari. Una situazione che comporterà non pochi sacrifici per gli organizzatori che potranno allestire il campo soltanto nella tarda serata di sabatoper gli impegni sportivi delle società di pallamano. Il palazzetto di via Rizzeddu, però, consentirà la sistemazione di ben quattro materassine e la possibilità di più combattimenti in contemporanea.

La terza “Guido Sieni Judo Cup” metterà a confronto tra loro le nuove leve del judo, i giovani delle categorie esordienti B (13-14 anni) e cadetti (da 15 a 17 anni), maschili e femminili.

La mattina alle 8 sono previste le fasi del peso, mentre le eliminatorie inizieranno alle ore 9. Tra le 14,30 e le 16,30 circa si svolgeranno le finali e le premiazioni.

 

La terza edizione della manifestazione si presenta così in crescita, da una parte perché coinvolge le giovani speranze della disciplina, dall’altra perché ottiene l’adesione di alcune tra le più quotate società sportive della penisola.

Tre anni fa il Centro sportivo Guido Sieni aveva organizzato il campionato regionale assoluto che aveva portato sui tatami del PalaSerradimigni oltre 40 società isolane. La prima edizione della “Guido Sieni Judo Cup” nel 2015, invece, dedicata ai pre-agonisti e agonisti ha visto la partecipazione di circa 500 atleti, dai 4 ai 14 anni, sardi, liguri e romagnoli, che hanno dato vita a uno spettacolo di colori e sport. Quella dello scorso anno, dedicata alle due categorie degli Esordienti, A e B, e ai Cadetti aveva visto esprimersi al meglio circa 200 judoka. L’edizione 2016 era “volata” in Sicilia, con le rappresentative organizzate dai maestri Corrado Bongiorno ed Elios Manzi fare manbassa di medaglie.

L’appuntamento di domenica a Sassari, allora, rappresenta un valido banco di prova per i giovani atleti sardi, che hanno sempre dimostrato doti caratteriali e tecniche di spessore. Per loro sarà una occasione imperdibile di confronto con gli atleti d’oltre Tirreno. Una opportunità da cogliere al volo, senza le spese che comportano le trasferte nella Penisola, per misurarsi con atleti che agli ultimi campionati nazionali hanno conquistato medaglie d’oro, d’argento e di bronzo.

 

 

LA SARDEGNA

Dall’isola è prevista la partecipazione di una rappresentativa regionale e di una ventina di squadre, per la presenza di circa 150 atleti.

Il Centro sportivo “Guido Sieni” è pronto a far scendere sui tatami una folta squadra di judoka.

Tra gli esordienti B la squadra sassarese schiererà Salvatore Boi, Marco Battino e Maria Vittoria Santoni.

Tra i cadetti vestiranno il loro judogi Carlo Fusco, Andrea Spano, Carlo Santoni, Mario Piu, Mattia Saiu, Matteo Virgilio, Lorenzo Piras, Daniele Mele.

 

 

GLI OSPITI

Dalla Sicilia sono in arrivo tre squadre: si tratta di tre rappresentative dell’isola che, anche quest’anno, uniscono più società sportive.

Da Cinisello Balsamo, Lombardia, arriverà il team Asd Isao Okano guidato dal maestro olimpionico Diego Brambilla.

Due le squadre in arrivo dalla Toscana alle quali si aggiunge il Cus Siena del maestro Bruno Nibbi.

Dalla regione Lazio si conferma la presenza di due team: una rappresentativa regionale e un club presente anche lo scorso anno, la “Banzai Cortina” di Roma, la seconda squadra a livello federale dopo la Akiyama di Torino dove si è formato l’oro olimpico Fabio Basile.

Due le squadre che arriveranno dalla Liguria: una rappresentativa regionale formata da ragazzi di società diverse, alle quali si aggiunge il club guidato dal tecnico federale Mirko Mirengo.

Due le squadre da sette atleti in arrivo dall’Emilia Romagna: una rappresentativa regionale e un club.

Festa dello sport universitario al Cus Sassari

È un PalaCus tirato a lucido per l’importante occasione a fare da sfondo alla Festa dello Sport Universitario 2017, punto d’arrivo e contemporaneamente punto di partenza della stagione sportiva targata Cus Sassari, momento di incontro e di condivisione, opportunità per fare un bilancio dei traguardi tagliati, di quelli da tagliare, dei risultati raggiunti e della soddisfazione nel raggiungerli.

Sul maxi schermo scorrono le immagini di un’intera stagione di sport – si comincia proprio con la festa del 2016 -. Un intero anno da rivivere e ripercorrere, fra emozioni, volti e numeri che raccontano storie importanti, importanti storie di sport. Il magnifico rettore dell’Università di SassariMassimo Carpinelli, ha salutato i presenti e ringraziato atleti e staff Cus per l’importante messaggio trasmesso. Significativa la citazione di Nelson Mandela: “Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di ispirare, di unire le persone in una maniera che pochi di noi possono fare. Parla ai giovani in un linguaggio che loro capiscono. Lo sport ha il potere di creare speranza dove c’è disperazione. È più potente dei Governi nel rompere le barriere razziali, è capace di ridere in faccia a tutte le discriminazioni”. Sport che è centrale nella formazione dell’individuo: grande è quindi l’importanza delle attività proposte dal Cus Sassari nella formazione dello studente.

«Cus Sassari è fare sport a 360°. Per divertirsi, per migliorarsi, per stare bene, per partecipare, per vincere, per ritrovarsi a fine gara soddisfatti a condividere momenti importanti. Tanto abbiamo fatto la scorsa stagione, dalle giornate di attività libera allo sviluppo del progetto alternanza scuola lavoro. I

22730262_1933618216912919_1038526781449198808_n

mmancabili gli appuntamenti con il Torneo Universitario di Calcio e la Coppa Rettore di calcio a cinque. Abbiamo collaborato con l’Associazione Studenti di Economia  per l’Olimpiase e con l’Erasmus Student Network per Enjoy Sport Now. Importante la sinergia con l’Università di Sassari e i suoi dipartimenti, come quello di Pol.Com.Ing. e Scienze Biomediche, con tanto di coinvolgimento di alcuni istituti superiori cittadini» afferma il numero uno del Cus Sassari Nicola Giordanelli 

«A livello nazionale, ben 98 dei nostri studenti hanno preso parte a campionati e manifestazioni fra rugby A7, calcio, atletica leggera, taekwondo, tiro a segno e judo. Nostro fiore all’occhiello sono i 600 giovani atleti che  compongono il nostro vivaio: giovani atleti, giovani tennisti, calciatori, cestisti e pallamanisti che trascinano anche le loro famiglie in un viaggio mirato, anche, all’orientamento diffuso – dice Giordanelli -. Comunicare fra noi e con l’esterno è una nostra

prerogativa: per questo abbiamo scelto di potenziare il nostro sito internet attivando sezioni utili al tesseramento online e alla prenotazione dei campi. Abbiamo dato una nuova veste al logo del Cus Sassari, puntiamo a migliorare e aumentare il numero delle collaborazioni con i dipartimenti. Già pensiamo allo Sport Christmas Day, al torneo di calcio a 8, di tennis e di Green Volley. Senza dimenticare il campionato di cross e l’appuntamento con i Campionati sardi universitari».

Dalle parole ai..fatti: al PalaCus Sassari si dà inizio alle premiazioni dei grandi protagonisti del 2016-’17: la medaglia di bronzo ai CNU di Catania 2017, Margherita Chessa, riceve dalle mani del pro rettore vicario professor Luca Deidda il giusto riconoscimento con annessa consegna della medaglia dell’Ateneo sassarese; Michela Loi, neo laureata e già rappresentante degli studenti nel Comitato per lo sport e nel Consiglio di amministrazione dell’università, riceve dal presidente Nicola Giordanelli un riconoscimento al merito per la preziosa collaborazione attivata negli anni.

Spazio quindi alla premiazione delle squadre partecipanti al Torneo di Calcio Cus Sassari: primi classificati i Disagiati, secondi classificati gli A.C. Irrosi, terzi sul podio gli Havana F.C con Giorgio Olzai dei Disagiati a sollevare il trofeo del capocannoniere. Si passa poi alla Coppa Rettore: primo posto per Pol.Com.Ing, secondo per Economia e terzo per Infermieristica, capocannoniere della manifestazione Antonio Fois (Pol.Com.Ing.).

Dal presente al passato, per un significativo momento amarcord: sullo schermo scorre una raccolta di significative immagini storiche relative chiaramente ai trascorsi del Cus Sassari e dei suoi atleti. Vengono quindi chiamati e premiati alcuni dei componenti della squadra universitaria sassarese che negli anni ’70 vinse cinque titoli universitari nazionali. A premiare i “suoi ragazzi” il dottor Gianni Ippolito, attuale vice presidente nazionale Cusi e presidente onorario del Cus Sassari. Assieme agli atleti premiato anche Paolo Cucchiara, storico dirigente Cus Sassari e socio decano del Centro Sportivo Universitario sassarese. Finale in sorrisi, strette di mano, convivialità e brindisi al buffet: arrivederci al prossimo anno, in attesa di vivere una nuova stagione di sport griffata Cus.

Quattro squadre in testa alla classifica della serie C di pallavolo femminile

La sfida tra Antes Ogliastra Volley e Sanluri, andata in scena nella serata odierna, ha chiuso il programma della seconda giornata del campionato di serie C di pallavolo22365496_708763002666715_656791005332557301_n femminile. Ad imporsi, in tre set 25 – 10/25 – 19/25 – 23), sono state le ogliastrine. Le quali hanno così riscattato la sconfitta rimediata all’Open Day contro una delle principali favorite per il salto di categoria, il Selargius ’85, che dal suo canto ha regolato, con il punteggio di 0 a 3 (14 – 25/21 – 25/17 – 25)., la Tespiense Quartu.

Hanno concesso il bis dopo la vittoria all’esordio anche l’Ariete Oristano, la Quadrifoglio Porto Torres e la Sant’Andrea Gonnesa. Quest’ultima compagine ha avuto ragione, al termine  di quello che era l’incontro più atteso del secondo turno, dell’Orion Sassari. La quale compagine ha approcciato bene la sfida, aggiudicandosi il primo parziale con il punteggio di 21 a 25. Poi, dopo un buon avvio di secondo set, le sassaresi hanno subito la reazione delle padrone di casa, che hanno portato a casa l’intera posta in palio, vincendo i tre successivi set con i parziali di 25 – 21/25 – 18725 – 20) .

Le oristanesi hanno sconfitto, sempre per 3 a 1 (20 – 25/25 – 10/26 – 24/30 – 28), il Serramanna, mentre le turritane hanno superato con l’identico punteggio (25 – 16/ 25 – 27 /25 – 19/ 25 – 20) la Sandalyon.

Primi successi stagionali per Gymland e Ghilarza, rispettivamente vittoriose sulla Gadok Gonnesa (25 – 20725 – 15/25 – 21) e sul Su Planu (25 – 18/21 – 25/25 – 22/25 – 14).

 

Il Trophee en Corse esalta l’Autodromo di Sardegna

Oltre 140 auto stradali e da competizione hanno fatto tappa all’Autodromo di Sardegna, polifunzionale struttura sarda, in occasione della giornata che attraversava le province di Sassari e Olbia-Tempio prevista per il Trophee en Corse 2017, l’evento motoristico internazionale di tipo turistico – culturale promosso dalla parigina Rallyautodromosardegna-trophee-en-corse-2017-02 Story conclusosi poi in Corsica domenica scorsa. L’ormai sempre più poliedrico impianto che sorge a Mores ha ospitato vetture GT, coupé e berline “classiche” e di ultima generazione di prestigiosi marchi del panorama automobilistico, che hanno girato a lungo sulla pista, completamente riasfaltata prima dell’estate e che ha ricevuto un alto gradimento dai partecipanti.

Così come l’ampia struttura con tutta la sua “logistica”, ristorazione compresa, che nell’occasione ha ospitato 300 persone, fra piloti, accompagnatori e staff dell’organizzazione francese con a capo Stephane Giraud,tutte rimaste favorevolmente colpite dall’efficienza e da tutte le opportunità offerte dall’autodromo sardo, pronto a ospitare la manifestazione anche il prossimo anno. A conferma dell’efficienza e delle capacità organizzative e professionali raggiunte dall’impianto di proprietà della famiglia Magliona, capace di stringere una partnership di rilievo internazionale che va ad aggiungersi a quelle già in atto. L’Autodromo di Sardegna (l’unico della regione: www.autodromosardegna.netè infatti protagonista non soltanto con iniziative di livello “sportivo” con auto e moto, ma anche attraverso track day, presentazioni, corsi ed eventi legati a formazione, istruzione, mobilità e sicurezza stradale, collaborando ufficialmente anche con enti, case automobilistiche e motociclistiche e costruttori e fornitori del mondo motoristicoÈ sempre più intenso il calendario di appuntamenti.

Primo successo stagionale per la San Paolo Cagliari

Primo successo stagionale per la San Paolo Cagliari nella serie Be di pallavolo femminile: le ragazze di Matteo Gramignano hanno infatti avuto ragione in tre set dell’Allvolley G. Castello Roma, dominando la prima frazione, chiusa su 25 a 11. Nel secondo parziale le ospiti hanno provato a reagire ma le cagliaritane sono comunque riuscite a spuntarla, vincendo per 25 a 20, per poi chiudere i conti nel terzo set, vinto con il punteggio di 25 a 16. Nulla da fare, invece, per la Sorso Volley, superata per 3 a 0 (25 – 14/25 – 22/25 – 13)

L’Hermaea Olbia sfida il Club Italia

La terza giornata era stata avara di soddisfazioni per l’Hermaea Olbia, le quali, lo scorso ottobre, hanno subito una pesante sconfitta per 3 a 0 (25 – 17725 – 20725 – 16) in quel di Montecchio, Domani alle 20:30 le galluresi scenderanno in campo davanti al pubblico amico per affrontare il Club Italia nella sfida che chiude il quarto turno della serie A2 di pallavolo femminile

A Sassari la terza “Guido Sieni Cup”

Sassari sarà ancora una volta la capitale del judo con la terza edizione della “Guido Sieni Judo Cup”. A essere protagoniste saranno le giovani leve delle categorie Esordienti B e Cadetti. Al Palasantoru di via Rizzeddu, domenica 29 ottobre, sono attesi circa 250 atleti, tra judoka isolani e della penisola.untitled

L’evento, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Sassari, della presidenza del Consiglio regionale e dell’assessorato regionale allo Sport, del Coni e della Fijlkam sarà presentato martedì 24 ottobre, alle ore 10, a Palazzo Ducale.

All’incontro con la stampa saranno presenti il sindaco di Sassari Nicola Sanna, l’assessora comunale alle Politiche giovanili e sport Alba Canu, il presidente del Centro sportivo “Guido Sieni” Stefano Urgeghe e il presidente del comitato regionale judo Fijlkam Sardegna, maestro Gavino Piredda.

Giocato l’Open Day della serie C di pallavolo femminile

La serie C di pallavolo femminile, come da tradizione consolidata, ha preso il via con la formula dell’Open Day, andato in scena nella giornata di domenica nella Palestra22448618_1795676087117695_5332462290686921517_n Cus di Cagliari. E le squadre maggiormente accreditate alla vigilia non hanno fallito l’appuntamento con la prima vittoria stagionale, a partire dal Selargius ’85, tra le maggiori candidate per la vittoria finale, che ha sconfitto in quattro set (24 – 26/25 – 7/25 – 14/25 – 16) l’Antes Ogliastra Volley.

Esordio positivo anche per l’Ariete Oristano, reduce da una stagione in B2, che ha regolato in tre set (15 – 25/18 – 25719 – 25)la matricola Su Planu. Avvio col botto anche per l’unica compagine sassarese che milita nel massimo campionato regionale, l’Orion, vittoriosa, sempre in tre set (6 – 25/18 – 25/15 – 25), sulla Tespiense Quartu.

La prima sfida stagionale ha regalato sorrisi anche l’altra formazione del Nord Ovest della Sardegna, la Quadrifoglio, che si è imposta per 3 a 1 (22 – 25/18 – 25/25 – 22/25 – 27) sulla Gadok Gonnesa.

Vittoria per 3 a 1 (20 – 25/25 – 22/25 – 21/26 – 24) del Sanluri sulla Gymland, mentre la Sant’Andrea Gonnesa si è imposta in tre set (18 – 25/17 – 25721 – 25) sul Serramanna.

Sconfitte per San Paolo e Sorso Volley nella prima giornata della serie B2 di pallavolo femminile

Esordio sfortunato per la San Paolo Cagliari e la Sorso Volley nel campionato di serie B2 di pallavolo femminile. Le ragazze di Matteo Gramignano, che punta su un 22471264_10155768172984183_964674466_nsestetto esperto, hanno ceduto in quattro set (25 – 20/25 – 20/19 – 25725 – 22) in casa del Cus Siena. Le romangine, invece, hanno esordito in un campionato nazionale, affrontando il Valleceppi contro il quale hanno offerto una prova di grande carattere, mancando però di lucidità nei momenti topici dei tre parziali, persi con i punteggi di 22 – 25/24 – 26726 – 28).