Archivi per la categoria ‘Sport vari’

Tiro con l’arco: buoni risultati tecnici al 19° Torneo Lago di Baratz

Buona partecipazione ed ottimi risultati tecnici al 19esimo Torneo Lago di Baratz di tiro con l’arco, gara 12+12 di tiro di campagna organizzata dalla Torres Sassari e svoltasi lungo le rive del lago di Baratz, nel Comune di Sassari, unico lago naturale della Sardegna, lungo un percorso che prevedeva 12 piazzuole a distanze sconosciute ed altrettante a distanze conosciute.marco-fozzi

Nell’arco olimpico senior vittoria di Andrea Del Castello (Uras,), che con 320 punti ha superato Carlo Bertoni (4 Mori, 315) e Pietro Chia (Uras, 310), fra i master Paolo Frau (Arcoristano, 285) ha preceduto Gavino Soggia (Torres, 269) e Massimo Lotta (Uras, 249). Nella categoria allievi netta affermazione di Marco Fozzi (Torres, 301) nei confronti di Samuele Montis, 263) e Federico Piano (Sardara, 247), nei ragazzi Giovanni Lotta (Uras, 271) ha avuto ragione senza difficoltà della coppia degli Arcieri Galluresi formata da Pietro Fois (167) e Federico Pinducciu (117).

  Nell’arco compound senior prima piazza per Fabio Ibba (Uras, 409) davanti al compagno di squadra Daniele Raffolini (398) e Roberto Arru (Terranoa, 359), nei master Graziano Carta (Terranoa, 375) ha prevalso su Roberto Donini (Landa, 370) e Paolo Poddighe (Torres, 368). Fra gli junior gradino più alto del podio per Luca Pinna (Portoscuso, 390) con largo margine su Riccardo Aresti (Sardara, 333) e Lorenzo Cocco (Sarcopos, 309). Negli allievi Filippo Carrus (Uras, 359) ha festeggiato davanti a Daniel Caddeo (Sardara, 342) e Salvatore Milia (Torres, 297).

Michela Demontis, regina al “The night of the rookies”

È una grande muay thai anche quella dei più giovani: e la conferma è arrivata dagli incontri del “The night of the rookies”, andato in scena al Tarantini Figth Training Center di Sassari. C’era grande attesa per la beniamina di casa, Michela Demontis, che non ha tradito le aspettative: per la sassarese è arrivata una vittoria che conferma la splendida forma e una crescita di tecnica e di esperienza.angelo_tarantini-_-michela_demontis

La manifestazione dilettantistica, organizzata nel centro sportivo di via Venezia, è stata un vero successo. Il team Tarantini ha fatto registrare tre vittorie su tre match. Sul ring si sono incontrati i migliori atleti under 13 della regione: 5 i match dilettantistici seniores che hanno fatto da contorno al main event professionistico che ha visto Michela Demontis opposta alla veneta Angelica Siracusa (Team Cassola).

Il fenomeno sassarese, salito di categoria per per affrontare l’avversaria, è partita subito decisa e ha fatto suoi tutti i round. Con l’atleta veneta, mai doma, è stata una vera e propria battaglia. «E’ stato un match molto intenso ha detto Michela Demontis a fine incontro che mi ha messo a dura prova. Ho “regalato” diversi kg alla mia avversaria, ma che volevo assolutamente disputare e vincere». E adesso la giovane atleta allenata da Angelo Tarantini punta al titolo italiano Kombat league anche in questa divisione ed è già pronta per sfidare l’atleta uscente dalla title shot del 27 maggio, prima di puntare al titolo europeo WBC.

Per il team Tarantini risultato positivo anche per Alessandro Cuccuru che ai punti ha battuto Fabio Allegri (Team Masala) e per Gabriele Pagano che si è imposto per ko al secondo round su Stefano Virgilio (Team Shardana).


Ottime le performance del settore giovanile  della scuola sassarese,  guidata da Vincenzo Casu e Paride Scanu, che è salita sul ring con
Davide Manca, Lara Petretto, Roberta Sanna, Matteo Dore, Matteo Chessa e Carolina Cuccuru.


Il prossimo appuntamento, questa volta con la muay thai professionistica, è per il 17 giugno quando andrà in scena l’edizione numero 22 del Muay thai Explosion, con il trofeo internazionale “Nello Tarantini 2017”. 

Omar Magliona si schiera al Reventino per la prima prova del Tricolore della montagna

Omar Magliona è pronto a schierarsi al via della prima prova del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 in Calabria. Alla 19^ Cronoscalata del Reventino, dal 28 al 30 aprile, il campione sardo della scuderia siciliana CST Sport tornerà protagonista del Tricolore al volante della Norma M20 Fc Zytek gommata Pirelli emagliona-livery2017-norma-zytek preparata dal Team Faggioli sulla quale a metà aprile ha svolto un veloce collaudo in pista. La salita di Lamezia Terme è appuntamento atteso dal circus degli scalatori e per Magliona, sei volte consecutive campione italiano prototipi CN e vincitore del Trofeo Italiano E2SC nel CIVM 2016 alla prima stagione sulla sportscar francese, sarà importante riprendere il lavoro di messa a puntoche aveva iniziato a dare positivi riscontri nella parte finale della scorsa stagione. Dopo le verifiche del venerdì, lungo i sei chilometri del tracciato fino a Platania determinanti saranno dunque le due salite di provain programma sabato con start alle 9.30. Stesso orario domenica 30 aprile per il via di gara-1, con gara-2 a seguire.

Magliona commenta così in vista della prova calabrese:L’obiettivo della gara d’esordio stagionale non può che essere quello di riprendere confidenza con la vettura e il clima del CIVM nel miglior modo possibile. Siamo certamente felici di ripresentarci con i colori CST Sport e su un prototipo che abbiamo voluto confermare dopo il 2016 di debutto e sul quale il team ha apportato alcune modifiche che speriamo possano dare dei risultati al più presto e che comunque andranno verificate e migliorate. Vedremo già in prova al Reventino a quale livello di sviluppo ci troveremo. Di sicuro il tracciato di Lamezia Terme è uno dei più impegnativi ma anche uno dei miei preferiti. La motivazione non manca e quindi non vedo l’ora che si accendano i motori.

A San Giovanni è tempo di Olimpiase

Tempo di Primavera, tempo di Olimpiase 2017. San Giovanni, sede del Cus Sassari, è la casa naturale degli studenti universitari sassaresi. Ma San Giovanni, sede del Cus Sassari, è anche uno spazio attrezzato e funzionale alla pratica dello sport in tutte le sue forme, che, da domani, ospiterà il torneo multidisciplinare organizzato dall’ Associazione Studenti di Economia in collaborazione con il Centro Sportivo Universitario sassarese del presidente Nicola Giordanelli, L’evento, giunto alla sua quinta edizione, capace di catalizzare l’attenzione della popolazione studentesca che, variegata e compatta, ha ancora una volta accettato la sfida e risposto presente alla chiamata. untitled

Il programma prevede quattro differenti giornate di gare: si parte domani, venerdì 21 aprile con le sfide sul campo del calcio a cinque, si prosegue il 28 aprile con la pallacanestro, il 5 maggio con la pallavolo e il 12 maggio, chiusura del torneo, con gli attesi Giochi Senza Frontiere. Sono 10 le squadre partecipanti all’Olimpiase – fra Facoltà e Associazioni studentesche – composte da 20 giocatori ciascuna: ASE Economia, ASP Scienze Politiche, ELSA Giurisprudenza, Arkimastria Architettura, AGT Goliardia, SISM Medicina, AISO Professioni Agrarie, ASA Agraria, ESN Erasmus e SNS Scienze Naturali.

«Favoriamo l’aggregazione e la socializzazione degli studenti del nostro Ateneo, questa è una mission che perseguiamo e continueremo a perseguire, sempre  – afferma il presidente del Cus Sassari Nicola Giordanelli -. L’Olimpiase è un importante momento di sport per l’Università e per il Cus, siamo onorati di ospitare ancora una volta questo torneo e felici di vedere gli impianti di San Giovanni vivi e animati di sana passione sportiva».

“Giornalismo: Donne e sport”. Alessandra De Stefano ospite dell’Ateneo turritano

A pochi giorni dalla partenza del 100° Giro d’Italia, che prenderà il via il prossimo 5 maggio da Alghero, l’Università degli Studi di Sassari è particolarmente lieta di ospitare la giornalista Alessandra De Stefano, inviata di RaiSport per i grandi giri del ciclismo e le grandi classiche monumento della disciplina. L’appuntamento è fissato per mercoledì 3 maggio, alle ore 11, in Piazza Università a Sassari.locandina-evento

L’evento, che prenderà il nome “Giornalismo: Donne e Sport”, organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione, il Cus Sassari del presidente Nicola Giordanelli (Centro Universitario Sportivo) e l’Associazione Scienze Politiche, rappresenterà l’occasione per raccontare l’esperienza di una giornalista che, animata sin da bambina dalla passione per il ciclismo e per il “cannibale” Eddy Merckx, è riuscita ad affermarsi in un mondo inizialmente connotato al  maschile.

«Come Cus Sassari non potevamo non rispondere presente: sposiamo a tutto tondo l’iniziativa che nell’anno del centenario consente a Sassari e al suo ateneo di celebrare il grande giornalismo sportivo nella sua connotazione in rosa – spiega Giordanelli -. Momenti come questo, di incontro e confronto fra i nostri ragazzi e grandi professionisti, nello specifico della comunicazione, rappresentano opportunità di crescita per gli studenti e l’intero Ateneo»

 

L’incontro, moderato da Gianni Garrucciu, giornalista e già capo redattore RAI, vedrà la partecipazione degli studenti del Liceo Sportivo Convitto Nazionale Canopoleno. Agli studenti del dipartimento POL. COM. ING. sarà attributo 1 credito formativo universitario per attività a scelta dello studente. Nel corso della mattinata gli studenti e il pubblico presente potranno rivolgere delle domande ad Alessandra De Stefano, che con grande entusiasmo ha accettato di raccontarsi alla platea sassarese.

Bilancio amaro in Coppa Italia per la Nuoro Softball

La prima fase della Coppa Italia 2017 di Italian Softball League ha l’amaro sapore di tre sconfitte ed una vittoria di misura per la Nuoro Softball, che ha affrontato un vero tour de force in Lombardia nella sua prima uscita ufficiale della stagione. Doppia pesante sconfitta contro il Bollate che nella giornata di sabato ha dominato la contesa, come dimostrano i punteggi di 7-0 e 15-0 (manifesta inferiorità al quarto inning). Una formazione – quella nuorese – ancora in fase di costruzione, con molte debuttanti e due straniere che hanno raggiunto la squadra soltanto in occasione della trasferta lombarda. anna_pirisinu

Il Nuoro, guidato in questa stagione dal tecnico cubano Jorge Navarro Valdespino e dalla direttrice sportiva Marina Centrone, ha subìto gli attacchi del più esperto Bollate che ha saputo sfruttare le lacune avversarie per chiudere prima del tempo entrambe le partite. In gara uno partiva in pedana di lancio per le nuoresi l’austriaca Martina Lackner (3 eliminazioni realizzate), mentre il Bollate schierava l’americana Sarah Pauly (ben nove eliminazioni per strikeout): le nuoresi a turno subivano eliminazioni per strike-out, la corazzata Bollate metteva al sicuro il risultato in appena cinque innings.

In gara due lanciatrici italiane al centro del diamante: la giovanissima Anna Pirisinu (19 anni), per il Nuoro, era opposta all’esperta azzurra Greta Cecchetti. Ed era subito una valanga di punti quella che realizzava il Bollate, ben 11 nel solo primo attacco della partita. Pochobradska e Corbellini le uniche nuoresi che riuscivano ad arrivare nelle basi, ma non erano supportate dalle compagne per concludere con i punti le azioni di attacco. Erano sufficienti quattro inning alla formazione lombarda per assicurarsi il risultato, che piegava le atlete del Nuoro mai entrate in partita. Liberatoria la conclusione della seconda gara e meritato riposo per tutti, con le nuoresi che nella giornata di domenica hanno dimostrato più carattere e messo in difficoltà il Caronno, affrontato nella giornata di domenica sono scese in campo due formazioni, di pari livello, che si sono date battaglia arrivando a giocare ben due extra inning e concludendo gara uno solo al nono.

Al termine di gara 1 ha prevalso la Nuoro Softball per 4-3, con Pochobradska, Musitelli, Liori e Corbellini che riuscivano ad avanzare nelle basi e sfiorare soltanto il vantaggio che arrivava al quinto inning: una serie di battute valide consentivano a Liori di arrivare salva a casa base e portare in vantaggio il Nuoro. Difendeva con impegno l’esiguo vantaggio la formazione di Jorge Navarro Valdespino, ma il Caronno metteva a segno un doppio con la venezuelana Alicart che mandava a punto Oddonini, ed era parità al termine del settimo inning: si andava all’ottavo, dove per regola un corridore partiva dalla seconda base. Iniziava il Nuoro con Pirisinu, che arrivava a punto grazie alla base intenzionale concessa alla Pochobradska ed al singolo di Liori. Gioco a rincorrersi tra le due formazioni: il Caronno schierava Ambrosi partente in seconda base e grazie ad una serie di errori difensivi nuoresi ristabiliva la parità. Il nono e conclusivo inning vedeva Corbellini partente in seconda base per il Nuoro, la base intenzionale alla Lackner ed il triplo di Anna Pirisinu che mandava a punto Lackner e Corbellini per il 4-2. Mai domo, il Caronno tentava –senza successo- l’affondo per recuperare il risultato. Realizzava un solo punto consentendo al Nuoro di portare a casa una meritata vittori, ed affrontare con maggiore determinazione la partita successiva.

 Di ben altro spessore gara due: il gioco a rincorrersi tra le due formazioni sembrava tale e quale come in gara uno, con la differenza che la formazione di casa è apparsa subito più determinata ad ottenere il risultato e difenderlo nel finale. Caronno in vantaggio nel corso del primo attacco, ma Nuoro subito rimontava: singoli di Pochobradska e Musitelli, e vantaggio con la ceca e Liori. Terzo inning ricco di punti per entrambe le squadre, ben tre per parte, ma Nuoro che non si arrendeva e riusciva a portarsi sul 7-3. Quando sembrava poter chiudere a proprio vantaggio anche la seconda partita, Nuoro crolla sotto i colpi del Caronno: le lombarde realizzano ben 6 punti in rapida successione durante l’attacco del sesto inning, ed altri tre nel settimo. Incapace di reagire, la formazione nuorese chiudeva gara due col finale amaro di 13-7.

 La classifica del girone B di Coppa Italia vede il Bollate a punteggio pieno con 1000 punti, seguono Nuoro e Caronno con 250 punti ciascuna.

Titolo provinciale under 18 per l’Orion

Una cavalcata trionfale, fatta di sole vittorie, ha portato l’Orion di Luca Saba a conquistare il titolo provinciale under 18 di pallavolo femminile: un risultato che conferma la bontà del lavoro svolto dalla società sassarese nella valorizzazione del proprio vivaio.

Una grande mole di lavoro -  come dichiarato dal coach sassarese -, concretizzato su una scuola di pallavolo che cresca costantemente, aumentando ogni anno la propria base, per riuscire a fare crescere sempre di più il proprio vertice fino ad arrivare ai campionati nazionali con le migliori atlete giovani del territorio possibilmente provenienti dal proprio settore giovanile. Tutto ciò facendo crescere parallelamente alle atlete anche un settore tecnico dotato di allenatori sempre più fedeli al progetto della società e sempre più competenti nel far crescere le nuove leve.

salarisQuesto progetto è già a buon punto e se, come detto sopra, l’idea è giungere ai campionati nazionali nei campionati di serie, nel più breve tempo possibile, l’obiettivo parallelo è primeggiare stabilmente nei campionati di categoria con le proprie giovani leve. In questo contesto la u18 dell’Orion  ha già coronato per la stagione 2016/17 l’obiettivo finali regionali con la propria rappresentativa aggiudicandosi il titolo provinciale. Salaris e compagne hanno sbaragliato la concorrenza con una formazione contenente molte atlete ancora U16, senza perdere nemmeno un incontro, certificando una netta supremazia tecnica.

Due centrali u16 come Poddighe e Canali, cresciute a dismisura in questa ultima stagione e titolari anche in serie C, hanno messo in campo un gioco veloce inarrivabile dalle atlete pari età, così come le bande Salaris, Bura e Mennella hanno dimostrato la loro concretezza nel reggere l’ossatura della squadra dalla prima all’ultima gara. Tre palleggiatrici di grande talento che garantiscono il futuro della società in cabina di regia, come Luzzu, Porcu e Senes (u16, )si sono alternate nella distribuzione garantendo fantasia e precisione. Temussi e Toccu hanno saputo reggere la seconda linea con maturità pur essendo ancora u16 entrambe. E poi Chiriacò, Sanna, Magni, Muscas,hanno saputo alternarsi alle più esperte, garantendo sempre un ottimo livello di gioco. Insomma un under 18 che resterà pressoché inalterata anche la prossima stagione e che già quest’anno alle finali regionali del 21 maggio si contenderà il titolo sardo,  che vale l’accesso alla finale nazionale, con Gymland Oristano e Gonnesa. Le premesse per ben figurare ci sono tutte e lenostre  splendide Orioncine sapranno difendere i loro colori con grande orgoglio come hanno fatto nell’arco dell’intera stagione.”

 

Capo d’Orso Palau a un passo dalla promozione

A Palau lo champagne è in fresco ormai da tempo: e le galluresi non aspettano che il momento per stapparlo e per festeggiare il salto di categoria, coronando una cropped-logo-1084stagione trionfale, impreziosita anche dalla qualificazione alle Final Four della Coppa Italia della B2 di pallavolo femminile, in programma a Torre Annunziata il 13 e il 14 aprile prossimi, quando le palaesi affronteranno in semifinale la Carinatese. Nell’altra sfida, invece, si troveranno di fronte Fiamma Torrese e Volley Parella Torino. Da tempo condannata alla retrocessione, al contrario, l’Ariete Oristano, che ha pagato a caro prezzo lo scotto dell’inesperienza e i tanti infortuni occorsi nel corso della stagione, come ben dimostra l’unico successo ottenuto nell’arco dell’intera stagione.

Un roster dalla marcata impronta isolana per la Nuoro Softball

Torna alla ribalta nazionale la Nuoro Softball Banco di Sardegna, che presenta ufficialmente il roster per la stagione 2017, sia pure ancora in fase di completamento.corbellini_2016

Sabato 8 Aprile la stagione agonistica inizierà ufficialmente con la prima fase di Coppa Italia, che vedrà la formazione nuorese impegnata in un vero tour de force in trasferta destinazione Lombardia: doppio incontro con Bollate il sabato, doppio incontro a Caronno la domenica. Da tempo il gruppo sta lavorando sotto la guida del manager cubano Navarro Valdespino, che avrà a disposizione le seguenti atlete,:  Clara Cherubini (2000), Linda Corbellini (1987), Teresa Corda (1988), Noemi Cossu (1999), Carlotta Gnani (1999), Mayra Liori (1992), Marianna Mastino (2000), Michela Musitelli (1989), Silvia Pala (1999), Anna Pirisinu (1998), Erika Piras (1998), Diana Sava (1999), Elena Sini (1977), Giada Zidda (2002), Ilaria Sunti (1998), alle quali si uniranno, per la Coppa Italia, Tereza Pochobradskà (Repubblica Ceca) e Martina Lackner (Austria).

Un roster più che mai sardo (Pirisinu, Liori e Corda sono nate a Nuoro), altre sette provengono da Alghero e Sassari, mentre le più esperte Musitelli e Corbellini arrivano rispettivamente da La Loggia (che non disputerà il campionato 2017) e Roma (ma tesserata Nuoro Softball già dalla scorsa stagione).

Un chiaro proposito di valorizzare le atlete locali, da parte della direttrice sportiva Marina Centrone, che ha svolto un lavoro di selezione nell’isola, laddove è maggiormente praticato il softball.

Serie B pallavolo maschile: Pallavolo Olbia in lotta per la salvezza

Il girone B della serie B di pallavolo maschile è arrivato al rush finale. E tre delle quattro squadre isolane sono ormai consapevoli del proprio destino, mentre una, la pallavolo-olbiaPallavolo Olbia, dovrà ancora sudare per mantenere il posto nella categoria. I galluresi, reduci dalla sconfitta al tie break (27 – 29/23 – 25/25 – 20/25 – 18/21 – 19)  contro la Volley Segrate, occupano la quintultima posizione con soli due punti di vantaggio sulla zona pericolosa. Già condannata da tempo la Solo Pellico, che continua a navigare all’ultimo posto e appare condannata a chiudere la stagione a secco di punti, risultato atteso, considerata l’inesperienza del gruppo allenato da Alberto Peltz, sconfitto nell’ultimo turno per 0 a 3 (17 – 25/12 – 25/19 – 25) dalla Bocconi Sport Team Milano. Lontane sia dalla zona play off sia dalla zona retrocessione, guardano con tranquillità al finale di stagione sia l’Olimpia Sant’Antioco sia il Sarroch. I sulcitani, nell’ultimo turno, sono stati sconfitti per 3 a 0 (25 – 20/25 – 18/25 – 22) dal Cus Insubria Volley, mentre i ragazzi di coach Balletto hanno superato davanti al pubblico amico, sempre per 3 a 0 (25 – 14/30 – 28