Archivi per la categoria ‘Pallamano’

La pallamano sassarese festeggia i suoi primi 40 anni

La pallamano sassarese festeggia i suoi primi 40 anni: e lo fa volgendo lo sguardo al suo glorioso passato, a un passato fatto di scudetti e coppe vinte, di confrontiimg_34101 internazionali e di campionesse e campioni, che hanno lasciato un ricordo indelebile nella memoria dei tanti appassionati. I quali, fin dalla mattinata di ieri, hanno potuto rivivere quelle straordinarie emozioni, visitando la mostra allestita al PalaSantoru, da anni tempio consacrato all’handball, dove è possibile, come viaggiatori nel tempo alla ricerca di ricordi e forti di una intramontabile passione,  ammirare i trofei vinti, le vecchie maglie e pagine di giornali, che ricordano antichi fasti, da far rinverdire nel futuro. E questo pomeriggio, sempre al PalaSanturu, con inizio alle 15:30, coloro i quali hanno scritto la storia della pallamano cittadina, dagli anni pionieristici di Piazza d’Italia ai giorni nostri, scenderanno in campo per quella che sarà una vera e propria festa dello sport.

Due sconfitte per le ragazze del Sardegna nella prima giornata delle Final Six

Due sconfitte per le ragazze del Sardegna nella prima giornata di gare delle Final Six della Seconda Divisione della pallamano femminile: le sassaresi hanno fatto il loro esordio, cedendo per 11 a 21 al Cingoli, che guida provvisoriamente la classifica a pari merito con l’Oderzo, che, nella seconda sfida giornaliera, ha sconfitto Tania Pintus e compagne con il punteggio di 39 a 13.

Le ragazze del Sardegna protagoniste delle Final Six della Seconda Divisione di pallamano femminile

Sei squadre per due posti al sole,: nel prossimo fine settimana, a Chieti, andranno in scena le Final Six della Seconda Divisione di pallamano femminile, al termine delle quali due squadre festeggeranno il salto nella massima serie dell’handball in rosa. Tra le sei compagini in lizza, ci saranno anche le ragazze del Sardegna, le quali, dopo aver vinto il girone E, proveranno a dare del filo da torcere ad avversarie più quotate, facendo leva soprattutto sull’entusiasmo delle giovanissime, che dovranno vivere questa esperienza come un ulteriore passo nel loro percorso di crescita.18197552_10213122449164035_743356082_n

Ancora poche ore e la parola passerà al campo: : si inizierà alle ore 9 di domani, venerdì 12 maggio, con la sfida tra Bolzano e Oderzo. Alle 10 toccherà alle ragazze del Sardegna scendere in campo per affrontare il Cingoli. Il primo turno si chiuderà alle ore 12 con la sfida tra Messina e Raluca. Poche ore di riposo poi, nel primo pomeriggio, le sei squadre torneranno nuovamente in campo: ad aprire il sipario del secondo turno, alle ore 15:30, saranno proprio Tania Pintus e compagne, che dovranno vedersela con l’Oderzo. Alle 17 scenderanno in campo Raluca e Bolzano. La prima giornata di gare si chiuderà alle 18:30 con la sfida Cingoli – Messina.

Nella mattinata di sabato 13 maggio andrà in scena il terzo turno: alle ore 9 si affronteranno Messina e Bolzano, alle 10: 30 Cingoli e Oderzo, mentre alle 12 il Sardegna giocherà contro il Raluca.  Bolzano e Cingoli, alle ore 15:30, apriranno il programma della quarta giornata di gare, che proseguirà alle ore 17 con la sfida tra Messina e Sardegna, per poi chiudersi alle 18:30 con la sfida tra Raluca e Oderzo.

L’intensa tre giorni di gare si concluderà domenica 14 maggio, quando si giocherà il quinto e ultimo turno, che si aprirà alle ore 9 con la sfida tra Sardegna e Bolzano. Alle ore 10:3o scenderanno in campo Oderzo e Bolzano, mentre alle ore 12 Cingoli e Raluca saranno protagoniste dell’ultimo atto della competizione.

Le ragazze del Sardegna ai play off: le parole di Tania Pintus e Marta Marras prima dell’importante esperienza

Tra le squadre che dispureranno i play off del campionato di Seconda Divisione di pallamano femminile, in programma dal 12 al 14 maggio prossimi, ci sarà anche l’HT Sardegna, squadra che ha centrato l’importante traguardo, facendo leva su un gruppo, nel quale si mescolano nel migliore dei modi esperienza e gioventù.18197552_10213122449164035_743356082_n

Abbiamo disputato un campionato altalenante, – ha dichiarato il capitano Tania Pintus - ma per fortuna, dopo le sconfitte, siamo riuscite a ragionare sui nostri errori, e questo ci ha aiutato a crescere, a migliorare. Abbiamo dimostrato che cuore e determinazione sono la base fondamentale per affrontare le partite e per vincerle. Il nostro obiettivo erano i playoff, e ci siamo riuscite. Siamo molto orgogliose di questo. Abbiamo la consapevolezza che il livello fuori è molto alto e che le  squadre che affronteremo, costruite per salire in serie A1, hanno anche i mezzi per potersi rafforzare: questi playoff rappreserenteranno un’ ottima esperienza per tutte noi, soprattutto per le giovanissime della squadra, che vanno dai 14 ai 19 anni d’età.  Sono sicura che  questa esperienza le aiuterà a crescere ancora di più a livello sportivo e le soddisfazioni, per loro,  sono assicurate.il compito di capitano non è facile, ma spero d’essere riuscita a trasmettere alle ragazze la grinta giusta per affrontare questi playoff serenamente e raccogliendo il buono che ci darà quest’esperienza.

E le giovanissime sono pronte a vivere questa importante avventura sportiva con il giusto spirito, come ben si evince dalle parole di Marta Marras: ” È stato un anno tutto nuovo per noi. Abbiamo iniziato con un’ allenatrice che non ci conosceva. La squadra favorita era il Karalis, contro cui non avevamo mai giocato. La prima partita non è stata delle migliori, non conoscevamo la squadra ed era l’inizio ma con impegno e passione abbiamo iniziato a ottenere le prime vittorie e le prime soddisfazioni. Abbiamo vinto il campionato per merito nostro e della nostra allenatrice. Ai playoff dovremmo giocare contro squadre molto forti, cercheremo di mettercela tutta, sicuramente queste partite ci insegnerà tanto e ci servirà tanto

Rosa Sardegna:  Roberta Batuello, Carol Bonsignori. Paola Delussu, Marta Marras,  Claudia Multineddu, Tania Pintus, Veronica Piras, Maria Antonietta Pirastru, Roberta Riu, Arianna Scanu, Silvia Sechi,  Giulia Toraldo, Martina Unida, Piera Zorda.  All. Barbara Tetti.

Federica Casu conquista il terzo posto in Coppa Italia con la maglia del Teramo

In attesa di rivivere i fasti di un tempo, gli appassionati sardi di pallamano si “consolano” con i successi di alcune campionesse nostrane, che ora militano in compagini di oltre Tirreno. Stiamo parlando di Giusy Ganga e Federica Casu: la prima ha conquistato la Coppa Italia di pallamano femminile con la maglia del Conversano, superando ai rigori la Pdo Salerno , mentre la seconda ha conquistato un brillantissimo terzo posto con il Teramo.18222022_1542216965820460_2673182079686029616_n

Per noi è stata una  Coppa bellissima, intensa – ha dichiarato Federica Casu -. Il terzo posto era un obiettivo primario, in quanto rappresentava, per tutte noi,  un riscatto. Per tale motivo contro il Casalgrande siamo scese in campo cariche e abbiamo vinto per 28 a 17 grazie alla nostra grinta e alla nostra concentrazione. Anche in semifinale, contro il Conversano, abbiamo dato il massimo, giocandocela fino alla fine, cedendo però per 21 a 17, ma abbiamo comunque lasciato il campo con la consapevolezza di non aver regalato niente a nessuno. E siamo così arrivate a giocare la finale per il terzo e quarto posto con il Cassano Magnago, contro il quale siamo riuscite a portare a casa la vittoria, imponendoci per 23 a 25. Abbiamo così  ottenuto un ottimo risultato, abbiamo fatto una bellissima figura in questa Coppa Italia, perché siamo una squadra che gioca più con la testa che con le gambe, perchè siamo riuscite a gestire al meglio ogni pallone e soprattutto le forze, fattore fondamentale considerato il numero limitato di riserve

 

 

Storica salvezza per la Verdeazzurro

Nel corso della stagione non sono mancati i momenti difficili, ma al contempo non è mai mancata la voglia di vincere, la voglia di conservare il posto nei Campionati Nazionali. E questo pomeriggio la Verdeazzurro, formazione guidata in panchina da Patrizia Canu ha completato il proprio capolavoro sportivo, sconfiggendo con l’inequivocabile punteggio di 26 a 40 il Città Giardino e assicurandosi averdeazzurro-300x180nche per l’anno prossimo un posto nella serie A2 della pallamano maschile. Fondamentale, ai fini della salvezza dei sassaresi, è stato un finale di stagione ad altissimi livelli, iniziato con la netta vittoria per 32 a 24 sul Povegliano. Poi, dopo il capitombolo con il Parma, i sassaresi hanno superato, una dopo l’altra, le due dirette concorrenti nella corsa per la salvezza, Ginnastica Spezia e Città Giardino, e ora possono festeggiare un risultato storico, che cancella l’amarezza per l’amaro esito della passata stagione e dà ulteriore slancio per il futuro.

La sassarese Federica Casu conquista le semifinali alle Final Eight di Coppa Italia con la maglia del Teramo

Hanno preso via, ieri a Bressanone,  le Final Eight della Coppa Italia di pallamano femminile, competizione per la quale hanno strappato il pass le prime otto classificate al termine della regular season, che ha anche sancito la retrocessione di Mestrino e Nuoro.federica-casu

La giornata di ieri è stata dedicata ai quarti di finale: ad aprire le danze sono state Cassano Magnago ed Estense Ferrara: ad imporsi, con il netto punteggio di 29 a 19 sono state le ragazze di Silvia Beltrame, le quali in semifinale dovranno vedersela con la Pdo Salerno, dominatrice assoluta della stagione regolare, che ha regolato il Brixen con il punteggio di 32 a 18.

Tutto secondo copione anche nella sfida tra Conversano e Dossobuono, vinta con il punteggio di 31 a 21 dalle pugliesi, attese ora dalla sfida contro il Teramo, formazione tra le cui fila milita la sassarese Federica Casu, che ha compiuto la vera impresa delle semifinale, sconfiggendo per 17 a 28 la Casalgrande Padana, compagine che aveva chiuso al terzo posto la regular season.

La giornata odierna sarà dedicata alle semifinali: alle ore 16 si affronteranno Teramo e Conversano, alle ore 18 toccherà invece a Pdo Salerno e Cassano Magnago.

 

Sessanta minuti di passione per la Verdeazzurro: i sassaresi vogliono la salvezza

Sessanta minuti di passione, gli ultimi della stagione, per la Verdeazzurro che domani, alle ore 16:30, sarà impegnata a Torino contro il Città Giardino, ultimo ostacolo 16602715_1864710507077031_8145113250358515212_nnella corsa per la salvezza. Obiettivo che i sassaresi vogliono centrare con tutte le loro forze, come hanno dimostrato sabato scorso,, quando hanno sconfitto per 30 a 23 la Ginnastica Spezia, alla quale hanno lasciato l’ultimo posto della classifica del girone A della seconda serie dell’handball nazionale. Decisivo, in quell’occasione, è stato il contributo del rumeno Florin Pavel, del capitano Francesco Cherosu e del portiere Marco Spanu. Ma soprattutto la voglia di vincere, la voglia di non scendere nell’”inferno” dei campionati regionali.

Un unico obiettivo per la Verdeazzurro: la vittoria. Sfida salvezza contro la Ginnastica Spezia

Non sono più ammessi errori o distrazioni, la Verdeazzurro dovrà scendere in campo, avendo in mente un solo obiettivo: la vittoria, unico risultato che consentirebbe ai16602715_1864710507077031_8145113250358515212_n ragazzi di Patrizia Canu di poter ancora sperare nella permanenza nella seconda serie dell’handball nazionale. I sassaresi, che occupano l’ultima posizione della classifica del girone A con nove punti all’attivo, si troveranno di fronte la Ginnastica Spezia, formazione che li precede in classifica di soli due punti in vantaggio. La vittoria consentirebbe quindi a Cherosu e compagni di lasciare agli spezzini la scomoda ultima posizione della classifica, in vista dell’ultima giornata, quando la Verdeazzurro dovrò affrontare un’altra diretta concorrente nella lotta per la salvexza, il Città Giardino. Ma prima, come scritto precedentemente, bisognerà superare l’ostacolo Ginnastica Spezia e per farlo sarà necessario il sostegno del pubblico, che domani, alle 17, dovrà far diventare il Palasantoru una vera e propria polveriera.

Settimo posto per le azzurrine dell’handball al Campionato Mediterraneo dell’handball

Nei giorni scorsi si è disputato il 12° Campionato Mediterraneo dell’Handball, che ha visto tra le partecipanti la Nazionale femminile under 17. La quale ha chiuso la suaita2-e1491043337491-768x528 avventura al settimo posto, ottenendo due vittorie nel corso dell’intera manifestazione, entrambe contro l’Algeria: la prima per 23 a 12 nel Preliminary Round, la seconda per 17 a 12 nella finale per il 7° e 8° posto. Le azzurrine –  tra le cui fila figurava la promessa dell’handball nuorese, Valentina Davoli – hanno conquistato un punto contro la Turchia (16 a 16), mentre hanno lasciato l’intera posta in palio alla Romania (22 a 13), all’Egitto (21 a 14), al Montenegro (19 a 8) e alla Tunisia (23 a 13).