Archivi per la categoria ‘Pallamano’

Carmen Onnis racconta la sua esperienza ai Campionati Mondiali di beach handball

Dal 22 al 27 luglio scorsi, la città di Recife – capitale dello stato del Pernambuco, nel nord est del Brasile – ha ospitato la sesta edizione dei Campionati Mondiali di beach handball, che è andata in archivio con il trionfo delle due rappresentative brasiliane, vittoriose, come era facilmente pronosticabile alla vigilia, sia in campo femminile che in quello maschile.beach

Per l’Italia, impegnata nel torneo femminile, l’importante competizione internazionale si è chiusa con la qualificazione al Main Round e con il sesto posto nella classifica finale: un risultato che ha permesso alle ragazze di Takam Neukum di confermarsi nell’elite mondiale della disciplina.

Della comitiva azzurra, composta da dieci atlete, faceva parte anche la giocatrice sassarese, Carmen Onnis, una delle migliori interpreti italiane della pallamano, sia indoor che da spiaggia, protagonista assoluta dei momenti epici della Nazionale italiana di beach handball che, nel 2009, conquistò, in Norvegia, il titolo continentale, e vinse i World Games, che si disputarono in quel di Taiwan.

Al suo rientro dal Paese sudamericano, Carmen Onnis, che ha chiuso il suo Mondiale con un totale di 49 reti, ha voluto tracciare un breve bilancio dell’ennesimo impegno internazionale della sua carriera:

Carmen Onnis beachPer me, come per le mie compagne di squadra, è stata una bellissima esperienza. Il sesto posto, conquistato al termine della competizione, ci gratifica, anche se è chiaro come sia netto il divario con le migliori realtà mondiali. A ciò bisogna aggiungere il fatto che le condizioni atmosferiche non ci hanno aiutato, visto che abbiamo dovuto giocare due partite sotto la pioggia e questo non ha, di certo, agevolato il nostro compito”.

Nel girone eliminatorio, siamo comunque riuscite a fare la nostra parte, sconfiggendo Uruguay, Australia e Taipei Cinese e abbiamo ottenuto il pass per il Main Round, fase della competizione nella quale, purtroppo, siamo rimaste a bocca asciutta. Bisogna ammettere che alcune squadre erano fuori dalla nostra portata, forse potevamo fare qualcosa in più contro la Spagna.

Per quanto mi riguarda, posso dire di essere soddisfatta di alcune prestazioni, ad esempio quelle contro Australia e Taipei Cinese (nellaBeach Handball gara contro le asiatiche, la giocatrice sassarese è risultata la miglior marcatrice con 14 reti all’attivo, ndr). Allo stesso tempo, devo ammettere che avrei potuto fare di più, ma la mancanza di allenamento specifico, eccezion fatta per alcuni raduni e alcuni gare di preparazione, e di confronto ad alti livelli hanno, in parte, influito sulle mie  prestazioni.

Vorrei, infine, fare le mie congratulazioni alla mia compagna, Anika Niederwieser, che ha ricevuto il premio di migliore difensore della rassegna iridata”.

foto tratte dal sito www.figh.it

Onorevole sesta posizione per l’Italia ai Campionati Mondiali di beach handball

I campionati mondiali di beach handball femminile, andati in scena a Recife in Brasile, sono terminati con la vittoria delle padrone di casa, le quali, nella finalissima, hanno superato l’Ungheria con il punteggio di 2 a 0 (20 a 14/12 a 10). A conquistare la medaglia di bronzo è stata, invece, la Norvegia, vittoriosa per 2 a 1 (22 a 9/11- 13/8 – 6) sull’Ucraina.beach

La Nazionale azzurra, dal canto suo, ha chiuso la propria avventura iridata con un prestigioso sesto posto. Ammesse al main round, grazie alla terza posizione ottenuta nel girone eliminatorio, le azzurre hanno subito, nella seconda fase, altrettante sconfitte su altrettante gare disputate e hanno giocato la finale per il quinto posto contro la Nazionale iberica.

Le ragazze di Takam Neukum hanno iniziato la loro fatica nel migliore dei modi e hanno piazzato un break iniziale di 0 a 3, grazie alle reti di Valentina Landri e Carmen Onnis, miglior marcatrice della squadra italiana con 8 reti all’attivo. La Spagna ha risposto con un controparziale di 8 a o. Niederwieser, Onnis e Fanton hanno rianimato l’Italia, capace di risalire fino al – 3 (13 a 11), prima di subire l’iniziativa delle avversarie che si sono aggiudicate la frazione con il punteggio di 19 a 11.

Nel secondo set, Carmen Onnis e compagne sono rimaste, per lunghi tratti, a stretto contatto con le iberiche, le quali, sul punteggio di 14 a 14, hanno preso il sopravvento e hanno chiuso sul 19 a 14.

 

 

Campionati Mondiali di beach handball: l’Italia si qualifica per il Main Round, ottima prova di Carmen Onnis

Nella serata italiana si è svolto l’ultimo turno del girone eliminatorio dei Campionati Mondiali di beach handball: la Nazionale italiana, impegnata nel torneo femminile,  ha sconfitto, agli shoot out, Taipei Cinese e ha ottenuto, così,  il pass per il Main Round dei Campionati Mondiali di beach handball.beach

Nel primo set, le asiatiche sono partite subito forte e si sono portate sul 4 a o. Elena Barani ha guidato la riscossa delle azzurre, che hanno impattato sul 9 a 9, grazie a una segnatura della sassarese Carmen Onnis,  che ha poi condotto la sua squadra fino al +  7 (13 a 20). Nella parte finale della frazione, le azzurre hanno resistito al tentativo di rimonta delle avversarie e hanno chiuso sul 17 a 22.

Ad aprire le danze, nel secondo set, è stata Cristina Gheorghe, poi le asiatiche hanno preso il sopravvento e hanno messo a segno un parziale di 8 a o. Le azzurre sono state brave a risalire la china e a impattare sul 12 a 12. Nelle fasi conclusive del set le due squadre sono rimaste a stretto contatto.

Nonostante le  segnature di una ottima Carmen Onnis, miglior marcatrice con 14 punti all’attivo, l’Italia ha dovuto cedere il passo alle avversarie, che hanno chiuso sul 18 a 20.

A quel punto sono risultati decisivi gli shoot out, che hanno premiato le azzurre che rimangono così in corsa per le prime sei posizioni della rassegna iridata.

foto tratta dal sito www.figh.it

 

Seconda vittoria per la Nazionale femminile ai Campionati Mondiali di beach handball

Ieri è andata in scena, a Recife, la seconda giornata dei Campionati Mondiali di beach handball. Il calendario riservava all’Italia la doppia sfida con le padrone di casa del Brasile e con l’Australia.Carmen Onnis beach

Nulla da fare, per le azzurre, contro le campionesse del mondo in carica, che si sono imposte con il punteggio di 2 a 0. Nel primo set, le sudamericane hanno preso subito il largo, piazzando un break iniziale di 8 a 0, e hanno conservato un buon margine di vantaggio fino alla fine del periodo, chiuso sul 25 a 13.

In avvio del secondo set, le ragazze di Neukum si sono portate avanti sul 4 a 6, ma hanno subito il ritorno dele brasiliane, le quali si sono agggiudicate la seconda frazione con il punteggio di 17 a 14.

Messo in archivio l’insuccesso contro il Brasile, le azzurre hanno trovato le energie per reagire e hanno, poi, ottenuto una fondamentale vittoriua contro l’Australia, superata con il punteggio del 2 a 0.

Avvio di primo set equilibrato. Poi, sul punteggio di 4 a 4, l’Italia, trascinata da Landri e Onnis, ha premuto il piede sull’acceleratore e  si è portata sul 17 a 12. Nel finale del tempo, le azzurre hanno resistito al tentativo di rientro delle avversarie e si sono aggiudicate la frazione con il punteggio di 19 a 16.

Un sostanziale equilibrio ha caratterizzato anche il secondo set, vinto per 10 a 9 da Carmen Onnis e compagne, che restano così in corsa per l’accesso al Main Round. Alle 22 (ore italiane), l’Italia, che occupa la terza piazza, affronterà Taipei Cinese per l’ultima gara del girone eliminatorio. (foto tratta dal sito, www.figh.it)

 

Una vittoria e una sconfitta per la Nazionale di pallamano femminile nella giornata inaugurale dei Campionati Mondiali di beach handball

Nella serata italiana di ieri, martedì 22 luglio, hanno preso il via, a Recife, i campionati mondiali di beach handball, ai quali prende parte anche la Nazionale femminile italiana, allenata da coach Takam Neukum.

La giornata inaugurale, per le azzurre, si è chiusa con un bilancio di una vittoria e di una sconfitta. All’esordio,  l’Italia è stata sconfitta per 2 a 0 dalla Norvegia, compagine che vinse la medaglia di bronzo agli ultimi Campionati Europei.beach

Nel primo set, giocato sotto la pioggia, le norvegesi hanno preso il largo, portandosi sul 6 a 2. Sul punteggio di 10 a 2, il coach azzurro ha chiamato time out e le sue ragazze hanno accorciato le distanze (12 a 8),  ma le norvegesi hanno conservato i quattro punti di vantaggio fino alla fine del tempo, chiudendo sul 14 a 10.

Nel secondo set, le azzurre sono partite subito forte e hanno fatto segnare un parziale di 0 a 6. Carmen Onnis ha realizzato la rete del 2 a 7, poi è arrivata la reazione della Norvegia, che ha ribaltato la situazione, chiudendo il parziale sul 15 a 14.

Puntuale, poi, è arrivato il riscatto delle azzurre, che hanno sconfitto per 2 a 0 l’Uruguay, conquistando così due punti fondamentali in ottica qualificazione al Main Round.

Nel primo parziale, l’Italia si è subito portata sul 7 a 2, ma ha subito il ritorno delle sudamericane, che hanno risposto con un controparziale di 0 a 8, grazie al quale hanno messo la testa avanti (7 a 10). Nella parte finale del set, la classe e l’esperienza di Onnis e Barani hanno spinto le azzurre alla vittoria per 17 a 14.

Nei secondi minuti di gioco, le ragazze di Neukum hanno accumulato, fin da subito,  un buon margine di vantaggio e hanno gestito fino alla fine del tempo, chiuso sul 19 a 14.

foto tratta dal sito www.figh.it

 

 

 

Carmen Onnis convocata per i Mondiali di beach handball, la rassegna iridata si disputerà in Brasile dal 22 al 27 luglio

Nella giornata odierna, la Nazionale femminile di beach handball è partita alla volta di Recife, in Brasile, dove, dal 22 al 27 luglio prossimi, andranno in scena i campionati del mondo di una disciplina, la variante da spiaggia della pallamano tradizionale, che ha sempre regalato tante soddisfazioni alle azzurre, capaci di vincere, nel 2009, i Campionati Europei in Norvegia e i World Games in Taiwan. Nel 2011, inoltre, la Rappresentativa Italiana ha conquistato una splendida medaglia di bronzo alla rassegna continentale, che si svolse in Croazia.Carmen Onnis

La Nazionale azzurra  ha ottenuto il pass per la rassegna iridata brasiliana -  alla quale parteciperanno 12 formazioni -  grazie al quinto possto ottenuto agli Europei del 2013 in Damimarca, ed è stata inserita nel Gruppo A, insieme a Taipei Cinese, Australia, Uruguay, Norvegia e Brasile. Nell’altro raggruppamento, invece, si affronteranno Argentina, Danimarca, Spagna, Thailandia, Ucraina e Ungheria.

Per l’importante competizione, il tecnico, Takam Neukum, ha convocato dieci atlete, tra le quali figura anche la giocatrice sassarese Carmen Onnis, uno dei migliori talenti espressi, negli ultimi anni, dalla pallamano italiana.

Sono molto felice per questa convocazione e per avere nuovamente la possibilità di rifare il beach a livello internazionale – ha dichiarato Carmen Onnis -.  Ci speravo, anche se  pensavo di essere tagliata fuori per questioni di ricambio generazionale e perché, da tempo, sono uscita dal giro della Nazionale indoor. 

Adesso, che è arrivata la chiamata di coach Neukum, sono pronta a partire e a vivere questa esperienza con grande entuisiamo. Sono lieta, inoltre, di poterla condividere con  Elena Barani, compagna di tante e vittoriose battaglie sportive. Noi due siamo le veterane di un gruppo che ha tutte le potenzialità per ben figurare.  Abbiamo lavorato e siamo fiduciose, pur essendo  consapevoli di dover affrontare avversarie di tutto rispetto, in primis le campionesse del mondo in carica del Brasile”

Una volta arrivate nel Paese sudamericano, disputeremo, con molto probabilità, alcune amichevoli, che ci permetteranno di prendere confidenza con l’ambiente e di presentarci, al meglio, al via della competizione. Speriamo di riuscire a riscattare il risultato deludente ottenuto, proprio in Brasile, dalla Nazionale ai Campionati di calcio”.

La formula della rassegna iridata prevede l’accesso al Main Round per le prime tre classificate dei due gironi, mentre le squadre classificatesi dal 4° al 6° posto disputeranno il Consolation Round. La seconda fase andrà in scena il 25 e il 26 luglio e determinerà gli accoppiamenti per le semifinali e per le cosiddette finali di consolazione. Il 27 luglio, giornata conclusiva del Mondiale, verrà assegnato il titolo.

Di seguito l’elenco completo delle atlete convocate per la Nazionale italiana:

Barani Elena

Costa Eleonora

Fanton Irene

Gheorghe Cristina

Kovacs Kerstin

Landri Valentina

Niederwieser Anika

Onnis Carmen

Piffer Alice

Zanotto Michela

All, Takam Neukum

Calendario delle partite dell’Italia e programma della manifestazione

22 luglio

ore 15 (ore 20 italiane): Norvegia – Italia

ore 18:30 (ore 23:30): Italia – Uruguay

23 luglio

ore 16 (ore 21 italiane): Brasile – Italia

ore 19:30 (ore 00:30 italiane): Italia – Australia

24 luglio

ore 17 (ore 22 italiane): Taipei Cinese – Italia

25 luglio

Main Round – Consolation Round

26 luglio

Main Round – Consolation Round

Finali 11°- 12° posto, 9° – 10° posto, 7° – 8° posto, 5 – 6° posto

27 luglio

Finali 3° – 4° posto, 1° – 2° posto.

Prende il via il Trofeo della Aree di pallamano, la Sardegna parteciperà con la selezione femminile guidata da Zucchi Pastor

Dal 27 al 30 giugno andrà in scena, in quel di Misano Adriatico, la quarta edizione del Trofeo delle Aree, manifestazione organizzata dallaTrofeo delle aree Figh e riservata ai migliori talenti nazionali nati nel biennio 1998/99 per i settori maschile e femminile e in quello 2000/01 per il solo settore maschile.

L’appuntamento in terra romagnola, che giunge al termine della stagione agonistica,  rappresenta il punto di arrivo dell’attività svolta, nelle diverse aree territoriali, dai vari tecnici federali.

La Sardegna sarà rappresentata al Trofeo delle Aree dalla selezione femminile, guidata dal neo tecnico federale, Zucchi Pastor, la quale si avvarrà della collaborazione di Andrea Takacs.

La rosa della selezione isolana è formata dalle segunti atlete: Corda Sara (Selargius), Correddu Serena (Di Nardo), Florenzi Grazia (Nuoro), Madau Giulia (Sinergia), Marras Marta (Di Nardo), Mossa Angela (Sassari 1976), Nuvoli Noemi (Lions Handball Sassari), Orsi Silvia (Nuoro), Pulicani Alessia (Selargius),  Santu Ilaria (Lions HHandball Sassari), Sechi Silvia Serra Alessia (Selargius), Solinas Emma (Sinergia), Soro Alessia (Nuoro), Tilocca Francesca (Sinergia), Usai Claudia (Lions Handball Sassari).

La Pdo Salerno supera un ottimo Conversano e vince il tricolore della pallamano femminile

Dopo aver dato vita a tre sfide entusiasmanti e spettacolari, le prime due chiuse con la spartizione della posta in palio, avrebbero meritato entrambe, sia Salerno sia Conversano, di vincere loPdo Salerno scudetto.

Alla fine, però, ad aggiudicarsi il tricolore della pallamano femminile italiana, per la stagione 2013 – 2014, sono state Antonella Coppola e compagne, le quali hanno vinto, per 22 a 20, la partita decisiva, andata in scena sabato scorso presso la Palestra Palumbo del capoluogo campano.

Fin dai primi minuti di gioco, le due squadre si sono affrontate con la giusta determinazione: a partire meglio sono state, però, le pugliesi che, facendo leva su un’ottima Giona, si sono portate subito in vantaggio, sul 4 a 6.

Con il passare dei minuti, la partita, che si è giocata davanti a una straordinaria cornice di pubblico, è diventata ancorapiù vibrante. A un minuto circa dal termine della prima frazione, le giocatrici locali si sono portate, per la prima volta, in vantaggio con un rigore dell’ottima Ettaqi (9 a 8). Le pugliesi hanno riequilibrato le sorti dell’incontro (9 a 9) in chiusura di tempo, grazie a una realizzazione di Laura Rotondo.

Alla ripresa della contesa, sono salite in cattedra Monika Prunster, abile a  neuralizzare tre tiri dai sette metri, e Rafka Ettaqi,  che, con le loro giocate, hanno permesso alla squadra campana di andare sul + 4 (13 a 9).

La Rotondo ha mosso il punteggio per il Conversano, che è stato capace di risalire fino al – 1 (15 a 14). In quel frangente, le giocatrici locali hanno piazzato l’allungo decisivo, portandosi sul 19 a 14, e hanno difeso il vantaggio, nonostante il tentativo di rimonta delle pugliesi, fino al termine della contesa. La compagine salernitana ha così potuto festeggiare la conquista del quarto scudetto della sua storia.

foto, Massimo Pica

 

La Verdeazzurro parteciperà alle finali nazionali under 16 di pallamano maschile

Dal 29 maggio al 1° giugno si svolgeranno, a Noci e  Fasano,  le finali nazionali del campionato under 16 di pallamano maschile. All’importante competizione prenderanno parte 22 formazioni, suddivise in quattro gironi. Le prime classificate di ogni raggruppamento accederanno alle semifinali.Verdeazzurro

Tra le squadre partecipanti figura la Verdeazuuro, guidata in panchina da Patrizia Canu e Patrizia Cossu, che è stata inserita nel gruppo D, insieme a Pressano, Olimpic Massa Marittima, Città Sant’Angelo e Putignano.

La partecipazione alle finali nazionali rappresenta, per questi ragazzi, il giusto premio dopo tanti anni di lavoro durante i quali sono stati sottoposti alle prove più difficili, in particolar modo fuori dal campo  – ha dichiarato Patrizia Canu – .  Il loro grande merito è stato quello di non mollare mai.  Le difficoltà, anzi, ci hanno fortificato e hanno fatto sì che diventassimo un gruppo straordinario.

La finale arriva dopo un percorso regionale abbastanza tranquillo, grazie anche alla scelta di partecipare a una serie B di ottimo livello, vista la presenza di atleti che, solo nella stagione precedente, avevano giocato i play off scudetto.  – ha continuato Patrizia Canu – . Dal confronto con giocatori di tale caratura, i miei ragazzi hanno imparato grandi  cose.  Ci apprestiamo ad affrontare questa esperienza nazionale, consapevoli del fatto che la generazione  ’98 – ’99  è una delle più interessanti a livello maschile. Non sarà facile, ma i ragazzi hanno fame di vittorie. Poi posso dire che siamo una bella squadra, coperta in ogni ruolo.

Per tutti, me e Patrizia Cossu compresa, questo rappresenta uno dei traguardi più importanti  – ha concluso Patrizia Canu – . La recente esperienza al Torneo giovanile di Praga, uno dei più quotati a livello internazionale, è stata molto utile per i ragazzi, i quali non hanno sfugurato al cospetto di squadre di altissimo livello

La rosa della Verdeazzurro sarà formata dai seguenti atleti: Luigi Bianco, Francesco Campus, Francesco Cherosu, Alessio Delogu, Nicola Idili, Nicola Sagoni, Andrea Spanu, Marco Spanu, Riccardo Venerdini, Domenico Vigliani.

Di seguito la composizione completa dei quattro raggruppamenti:

Girone A: Cassano Magnago, Benevento, Merano, Team San Vito, Serra, Secchia  Rubiera.

Girone B: Cingoli, Calabria Crotone, Kelona, 1985 Bologna, Ventimiglia, Altamura.

Girone C: Camisano, Noci, Atellana, Leoni Tortona, Crenna.

Girone D: Verdeazzurro, Pressano, Olimpic Massa Marittima, Città Sant’Angelo, Putignano.

 

 

Conversano e Salerno si dividono la posta in palio anche in gara 2, per l’assegnazione del tricolore sarà necessaria la bella

Sarà necessaria gara 3, che si disputerà sabato prossimo presso la Palestra Palumbo di Salerno, per l’assegnazione del tricolore della pallamano femminile italiana per la stagione 2013 – 2014.

La seconda sfida tra la compagine campana e il Conversano, andata in scena ieri pomeriggio nella cittadina pugliese, si è chiusa sul risultato di parità (20 a 20), al pari di quanto era accaduto una settimana fa, quando la contesa terminò sul 25 a 25.Salerno - Conversano

In gara 2, giocata davanti a una bella cornice di pubblico, le due squadra hanno dato vita a una partiita vibrante e combattuta. A partire meglio sono state le salernitane che, grazie a un’ottima difesa e alle parate di Monika Prunster, hanno piazzato un break iniiziale di  0 a 4.

Un intervento prodigioso di Martina Giona sulla Diome, lanciata in contropiede, ha dato nuova linfa alle pugliesi, le quali hanno sbloccato il risultato, dopo circa 10 minuti di gioco, con un rigore della Duran, che si è ripetuta pochi minuti più tardi, sempre dai sette metri, portando la sua squadra sul 2 a 4.

Salerno ha nuovamente allungato, grazie a due reti di Ettaqi (2 a 6), e dopo aver resistito a un tentativo di rimonta delle padrone di casa, ha nuovamente ristabilito le distanze, chiudendo il primo tempo in vantaggio di quattro lunghezze (8 a 12).

In avvio di ripresa, la Giona ha letteralmente chiuso la sua porta e le sue compagne si sono scatenate in attacco, mettendo a segno un parziale di 7 a 0, grazie al quale la compagine pugliese si è portata sul 15 a 12.

Il black out di Salerno è durato circa 15 minuti: a muovere il punteggio è stata Amelia Belotti con un tiro dai sette metri (15 a 13). Il Conversano ha poi toccato il vantaggio massimo di 4 punti (17 a 13) con le segnature di Rotondo e Duran, ma Salerno ha prontamente accorciato le distanze, portandosi sul 17 a 15 con le reti di Ettaqi e Napoletano.

Nelle fasi finali, la sfida è diventata ancor più emozionante: quando Ganga ha realizzato la rete del 20 a 17 e, nell’azione successiva, le campane hanno perso la palla, in modo banale, in attacco, la partita sembrava essersi incanalata, in maniera definitiva, dalla parte delle pugliesi.

Una rete della Vinjukova ha riacceso le speranze delle campane, le quali hanno dapprima accorciato le distanze con un gol di Ettaqi e poi hanno ristabilito la parità con un tiro dai sette metri di Amelia Belotti. A quel punto mancavano 38 secondi alla fine della partita, ma il Conversano non è riuscito a concretizzare l’ultima azione offensiva.