Archivi per la categoria ‘Torres’

Vittoria col Venezia, la Torres è salva

Prima la paura, per il momentaneo vantaggio del Venezia, poi la rimonta, firmata Baraye e Scotto, e la festa finale per la matematica salvezza, conquistata con due giornate d’anticipo e dedicata a mister Vincenzo Cosco, che sta giocando una partita ben più importante di quelle che si disputano in un campo di calcio.Torres Venezia

Nell’arco della stagione non sono mancate le difficoltà, come dimostrano le tante partite senza vittoria, ma nel momento topico della stagione, i rossoblù si sono ritrovati e si sono garantiti la certezza di giocare un altro anno tra i professionisti.

Le cose, come detto, si erano messe subito male per i rossoblù, i quali, al 12′, hanno subito la rete del lagunare Guerra, abile a eludere il fuorigioco e a beffare l’incolpevole Testa. Per alcuni minuti, i padroni di casa sono sembrati incapaci di reagire, al punto che lo stesso Varano ha sfiorato la seconda segnatura con un colpo al volo dopo un rinvio maldestro della retroguardia sassarese.

Scampato il pericolo, i padroni di casa hanno alzato il baricentro del loro gioco e, intorno alla mezzora, hanno riequilibrato le sorti dell’incontro con Baraye, il migliore dei suoi, che si è fatto trovare pronto sulla ribattutta dell’estremo difensore ospite e ha depositato la palla in fondo al sacco con un destro imprendibile.

Occasionissima per il vantaggio rossoblù al 42′: il direttore di gara ha assegnato un rigore ai rossoblù per un fallo su Giuffrida, sul dischetto si è portato Maiorino, la cui conclusione centrale è stata respinta con i piedi da Fortunato.

Appuntamento col gol rimandato al 67′, quando Scotto, subentrato a Colombi, ha sfruttato nel migliore dei modi un tiro dalla bandierina di Maiorino e ha centrato il bersaglio con una straordinaria giocata aerea.

Galvanizzati dal vantaggio, i rossoblù, in particolare Baraye e Maiorino, hanno iniziato un vero e proprio show personale, fatto di dribbling e ottime giocate, ma hanno trovato sulla loro strada un Fortunato in gran spolvero. Poi è arrivata la notizia della sconfitta del Monza contro l’Arezzo, che ha dato il via ai festeggiamenti della squadra e dei suoi fedelissimi tifosi, quelli veri, quelli che non hanno mai abbandonato gli spalti dell’Acquedotto.

Tabellino

Torres – Venezia 2 – 1

Torres: Testa, Cafiero, Imparato, Giuffrida, Marchetti, Aya, Buonaiuto (dal 74′ Marinaro), Foglia, Colombi (dal 61′ Scotto), Maiorino, Baraye. All. Bucchi. A disp: Costantino, Funari, Schiavino, Petermann, Cerone.

Venezia: Fortunato, Caporosso, Sales, Giorico, Cernuto (dal 63′ Peccarisi), Legati, Varano, Taccagni, Greco (dall’83′ Magnaghi), Bellazzini (dal 20′ Raimondi), Guerra. All. Zanon. A disp.: D’Arsiè, Boaretto, Dell’Andrea, Hottor.

Arbitro: signor Daniele Viotti della sezione di Tivoli, coadiuvato dagli assistenti di linea Samuele Garavaglia della sezione di Novara e Ylenia D’Alia della sezione di Trapani

Reti: 12′ Varano (V), 33′ Baraye (T), dal 67′  Scotto

Un finale a…tutta birra per la Torres

Domenica scorsa, dopo quasi tre mesi, la Torres ha riassaporato il gusto dolce della vittoria, imponendosi per 0 a 1 sul campo dell’Albinoleffe. Il sucesso contro i seriani ha dato ossigeno all’asfittica classifica dei rossoblù, attesi ora dalle ultime battaglie sportive da vivere con la necessaria determinazione per centrare l’obiettivo della permanenza nel calcio professionistico.IMG_0641

E i ragazzi di mister Bucchi affronteranno gli ultimi impegni stagionali, a partire da quello di sabato prossimo contro il Venezia, a…tutta birra.  Nella giornata di ieri, infatti, è stato presentato il nuovo sponsor della Torres, la Birra Grazia D., il cui logo sarà presente sulle maglie già dalla sfida contro i lagunari.

Siamo qui per un evento molto importante, quello di promuovere i marchi dei prodotti che vengono realizzati e distribuiti in Sardegna- ha dichiarato il dirigente rossoblù, Luca Dessena, presentando la partnership -. La Torres inizia questo percorso andando a inserire il logo della Grazia D. sulla propria maglia di gara. Si tratta di un marchio nuovissimo, ma la birra è prodotta da un’azienda, la Forst, che i tifosi ricorderanno come sponsor già negli anni ’80.

Abbiamo un progetto di co – marketing e aiutiamo chiunque abbia bisogno di visibilità, soprattutto se si tratta di realtà sarde. In questo caso, trattandosi di una sponsorizzazione a breve termine, non lo abbiamo fatto per una questione meramente economica, ma perché si tratta di un prodotto realizzato e distibuito nella nostra Isola. e promosso da una cooperativa. la Gusto, nata da poco con l’obiettivo di promuovere il meglio della produzione isolana. Ci è sembrato un ottimo connubio e speriamo che possa proseguire in futuro

 

Tre punti d’oro per la Torres con l’Albinoleffe, decisivo un rigore di Maiorino

All’83′, quando sembrava materializzarsi lo spettro della dodicesima partita consecutiva senza vittoria, Maioriono ha trasformato un rigore, concesso per un fallo su Cortinovis su Buonaiuto, e ha regalato alla sua formazione tre punti fondamentali per mantenere a debita distanza la zona play out.Torres Pavia

Le due squadre, alla disperata ricerca di punti, hanno dato vita a una partita dai due volti con un primo tempo soporifero e una ripresa decisamente più avvincente e ricca di emozioni.

Gli unici lampi del primo tempo sono stati di marca sassarese: dopo ventuno secondi, Baraye, uno dei più intraprendenti della compagine rossoblù,, ha costretto Offredi alla deviazione in angolo; al 43′, lo stesso giocatore senegalese ha offerto un pallone d’oro a Petermann, che non ha sfruttato l’occasione per sbloccare il punteggio.

Andato in archivio un primo tempo, certamente non indimenticabile, le due squadre hanno giocato con maggior piglio nella ripresa, che si è aperta con una giocata sull’asse Mayorino – Aya. L’Albinoleffe ha risposto con un colpo di testa del neo entrato Pesenti. Poi, Imparato e Baraye hanno costruito un’azione pericolosa sulla fascia destra, senza riuscire a trovare il guizzo vincente.

Mister Bucchi ha provato ad aumentare il potenziale offensivo della sua formazione, inserendo Colombi al posto di Petermann, ma i suoi uomini non sono riusciti a imporre il loro gioco, ma, al contrario, hanno subito l’iniziativa dei padroni di casa, che sono andati vicini alla segnatura con Ondei e Momentè.

Quando Offredi ha sventato due occasioni di Maiorino e Buonaiuto, tutto faceva presagire l’ennesima giornata storta per Maiorino e compagni, poi è arrivato l’episodio del rigore, che ha cambiato la storia dell’incontro. Nonostante la doppia superiorità numerica, gli ultimi minuti di gioco sono stati di totale sofferenza per Migliaccio e compagni, letteralmente graziati da Silvia Reis nel corso del recupero. Il fischio del direttore di gara è stata accolto come una liberazione dai giocatori sassaresi e dai loro sotenitori, che vedono avvicinarsi sempre di più il traguardo della salvezza.

Tabellino

Albinoleffe – Torres

Albinoleffe: Offredi, Salvi, Anghileri (dal 74′ Cortinovis), Spinelli (dal 62′ Girasole), Ondei, Allievi, Corradi, Gazo, Momentè, Silva Reis, Bradaschia (dal 46′ Pesenti). All. Mangine.

Torres: Testa, Aya, Imparato, Giuffrida, Marchetti, Migliaccio, Foglia, Petermann (dal 55′ Colombi), Baraye (dall’80 Scotto), Maiorino, Buonaiuto. Al, Bucchi.

Arbitro: signor Paolo Formato della sezione di Benevento, coadiuvato dagli assistenti di linea Mattia Scarpa della sezione di Reggio Emilia e Fabio Tribelli della sezione di Castelfranco Veneto.

Rete: 83′ rig. Maiorino

Entusiasmo per la Torres nelle scuole di Monte Rosello

La Torres  continua il suo tour nelle scuole di Sassari. Nella mattinata odierna,  la squadra rossoblu al gran completo, scuolaaccompagnata dallo staff tecnico, dal tecnico Bucchi, dal preparatore dei portieri Quarta, dal team assistant Mazzini, dall’addetto all’arbitro Massimo Deriu e dal direttore sportivo Di Puccio, ha fatto visita ai ragazzi dell’Istituto comprensivo di Monte Rosello basso.
Gli studenti e i professori hanno rivolto tante domande ai giocatori, i quali hanno voluto lanciare un messaggio ai giocatori, rimarcando l’importanza dello studio anche mentre si coltiva il sogno di diventare un giocatore professionista.

Poi gli studenti, ai quali sono stati consegnati i portachiavi targati Torres, si sono trattenuti per gli autografi, le consuete foto di rito e il slauto al grido di “Forza Torres”

La Torres pareggia col Real Vicenza

La Torres ha rischiato di toccare il fondo, poi, alla fine, ha strappato un pareggio, che dà un po’ di ossigeno a una classifica ancora deficitaria , ma non cambia la sostanza delle cose, in quanto i rossoblù, privi di idee e di mordente, hanno offerto l’ennesima prestazione deficitaria tra problemi strutturali ed errori individuali, soprattutto in difesa e in fase di finalizzazione. Baraye Dal grigiore generale si sono salvati i soli Colombi e Baraye, il cui innesto, nella ripresa, ha dato vivacità alla manovra.

La vittoria del Monza sul campo dell’Alessandria obbligava la Torres a dare il 100% per centrare una vittoria, che manca ormai dal 31 gennaio. A partire meglio, invece, sono stati proprio i veneti che, pur non avendo più nulla da chiedere al campionato, hanno approcciato la gara nel migliore dei modi e al 7′ hanno sbloccato il risultato con Bardelloni, abile a depositare la palla in porta da pochi passi.

La reazione della Torres si è estrinsecata in un’occasionissima di Aya che, al 25′, non ha centrato il bersaglio da distanza ravvicinata. Per il resto, tanta confusione, tanta imprecisione e tanta approssimazione, soprattutto a centrocampo e nel reparto offensivo.

L’intervallo è stato dedicato alla sfilata dei bambini delle Scuole Calcio, accorsi ad assistere alla delicata partita della compagine sassarese. Al rientro in campo, prima novità nello schieramento sassarese con l’innesto di Colombi al posto di Cerone. Il giocatore scuola Inter ha dimostrato, fin da subito, di voler contribuire alla causa e ha subito chiamato in causa Tomei.

Altra mossa di mister Bucchi con l’inserimento di Baraye per un abulico e inconcludente Scotto. Da quel momento in poi, i rossoblù hanno mostrato maggiore intraprendenza e, al 66′, hanno momentaneamente riequilibrato le sorti dell’incontro con Colombi che, al 61′, ha depositato la palla in porta con un tocco di piatto, finalizzando un’azione promossa da un rinvio del portiere Testa.

A quel punto, chi si aspettava una Torres proiettata in avanti alla ricerca della vittoria è rimasto deluso: i sassaresi, invece,  hanno lasciato il pallino del gioco in mano agli avversari che, al 67′, si sono riportati in vantaggio con Malagò, pronto ad approfittare di una grave indecisione della retroguardia rossoblù.

Sul Vanni Sanna, già freddo, è calato il gelo, mentre la squadra non riusciva a dare risposte significative in termini di gioco e di impegno. Poi il rigore, concesso per un fallo su Baraye, ha riacceso un po’ la luce su una squadra, che non sa più vincere, che non diverte e che dovrà sudare fino alla fine per centrare il traguardo della salvezza.

Tabellino

Torres – Real Vicenza 2 – 2

Torres: Testa, Imparato (dall’81′ Petermann), Aya, Giuffrida, Marchetti, Migliaccio, Buonaiuto, Cerone (dal 46′ Colombi), Scotto (dal 55′  Baraye), Maiorino, Foglia. All. Bucchi. A disp. Costantino, Funari, Schiavino, Bottone.

Real Vicenza: Tomei, Beccaro, Vannucci, Pavan, Quintavalla, Polverini, Chiarello (dal 90′ Calcagnotto), Ungaro (dal 30′ Malagò), Bardelloni, Dalla Bona, Margiotta (dal 17’st Gomes de Pina). All. Marcolini. A disp. Bonato, Carlini, Lavagnoli, Bruno.

Arbitro: signor Federico Fanton della sezione di Lodi, coadiuvato dagli assistenti di linea Francesco Semperboni della sezione di Bergamo e Carmine Graziano della sezione di Mantova.

Reti: 7′ Bardelloni (R), 61′  Colombi (T), 67′ Malagò (R) , 88′ rig Maiorino (T)

I bambini delle Scuole Calcio all’Acquedotto per sostenere la Torres

In occasione della sfida con il Real Vicenza, che riveste un’importanza fondamentale per la stagione dellabambiniscuolacalciotorres Torres, obbligata a vincere per allontanarsi dalla zona calda della classifica, la Società rossoblù, in collaborazione con la Scuola calcio Sef Torres 1903, ha voluto dare vita ad un’iniziativa che mira a coinvolgere tutte le scuole calcio del territorio, invitate ad assistere gratuitamente alla partita.

Hanno aderito all’invito la Asd San Paolo, l’ Associazione sportiva Cristo Redentore, la Asd Buon Pastore e la Asd Ottava. I giovani atleti, in tuta di rappresentanza e accompagnati da allenatori e dirigenti, potranno entrare gratuitamente allo stadio e assistere alla gara dalla tribuna.

Nell’intervallo tra il primo e secondo tempo dell’incontro le delegazioni delle società, con in testa quella rossoblù, potranno sfilare intorno al campo per raccogliere gli applausi del pubblico e posare per le foto di rito.

La volontà è quella di avviare un rapporto di collaborazione con tutte le realtà sportive, da quelle più piccole a quelle più strutturate, che operano con i bambini sul piano prettamente sportivo ma anche su quello educativo e sociale.

Torres in visita all’Istituto Figlie di Maria

Proseguono le iniziative della Torres tra scuola e sociale: oggi una delegazione di giocatori rossoblu ha visitato l’Istituto Figlie di Maria di via Muroni, una delle istituzioni più antiche e importanti della città, fondata nel lontano 1832. figliedimaria

Bagno di folla ed entusiasmo alle stelle per Davide Bottone, Claudio Cafiero, Daniele Scarsella, Stefano Cerniglia, Marco Schiavino, Carmine Marinaro, Matteo Colombi e Filippo Minarini, i quali hanno risposto alle tantissime domande dei bambini della scuola, incuriositi dagli aspetti tecnici della vita del calciatore ma anche dalle loro vite fuori dal campo

Nel cortile dell’Istituto, i bambini, accompagnati dalle insegnanti, hanno potuto conoscere i giocatori  e hanno trascorso con loro il pomeriggio, giocando e scattando foto ricordo..

Ad accogliere il gruppo è stata la direttrice suor Stefania che ha ricevuto dalle mani del dirigente Luca Dessena la sciarpa della squadra per sigillare un’amicizia che vuole durare nel tempo. Ai bambini dell’istituto sono stati donati zainetti e portachiavi logati Torres.

Nato come “Regio Orfanotrofio”, l’istituto è divenuto in seguito anche asilo infantile, istituto per sordomuti, scuola materna, elementare, media e rifugio per giovani studentesse universitarie. Negli anni scorsi la struttura ha fatto parte anche del circuito di Monumenti Aperti come splendido e ben conservato esempio di edificio di stile tardo ottocentesco.

Tra Sudtirol e Torres vince la noia

La sfida tra Sudtirol e Torres, due compagini in crisi di gioco e di risultati, ha regalato ben poche emozioni ed è terminata con un nulla di fatto:  nessuna sopresa, quindi, per i tifosi rossoblù al termine dell’ultimo appuntamento pre pasquale dei loro beniamini, che sembrano aver perso la via del gol e che non riescono a uscire dal tunnel. I problemi sono sempre i soliti: incapacità a costruire gioco e pericolosità delle punte prossima allo zero. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti: nove partite consecutive senza segnare uno straccio di gol su azione.IMG_0641

Per la sfida odierna, non potendo contare sull’apporto dello squalificato Imparato, mister Bucchi ha riproposto il 4 – 3 – con Aya, Marchetti, Migliaccio e Ligorio davanti all’estremo difensore Testa; Peterman, Cerone e Foglia sulla mediana; Baraye, Maiorino e Scotto in attacco.

Nei primi venticinque minuti di gioco, i rossoblù, troppo molli e remissivi, hanno lasciato l’iniziativo in mano ai padroni di casa che, intorno al 15′, hanno fallito due occasioni da gol con Mazzitelli e Fischnaller.

Primi segnali di vitalità della Torres intorno al 25′ con un contropiede promosso sull’asse Scotto – Baraye, entrambi abulici ed evanescenti, poi le solite iniziative di Maiorino non hanno cambiato la storia di un primo tempo che, siamo sicuri, non rimarrà indelebile nella memoria dei tifosi sassaresi.

Torres più intraprendente in avvio di ripresa, ma incapace di approfittare di alcuni svarioni dei difensori locali. Poi, dopo un intervento di Melgrati su una conclusione di Foglia, la partita è scivolata via sui binari della noia fino al triplice fischio del direttore di gara. Alla fine resta Tabellino

Sudtirol – Torres

Sudtirol: Melgrati, Tait, Peverelli, Mladen, Bertoni, Kiem, Marras, Furlan (dal 60′ Cia), Novothny, Mazzitelli, Fischnaller (dal 60′ Shekiladze). All. Sormani,

Torres: Testa, Aya, Ligorio (dal 47′ pt Minarini), Petermann (dal 68′ Marinaro), Marchetti, Migliaccio, Foglia, Cerone, Scotto, Maiorino, Baraye. All. Bucchi.

Arbitro: signor Salvatore Guarino della sezione di Caltanissetta, coadiuvato dagli assistenti di linea Marco Novellino della sezione di Brescia e Marcello Rossi della sezione di Novara.

Uno sguardo al passato per costruire un futuro solido: appuntamento col cortometraggio “Brevi Storie sulla Torres” per i baby rossoblù

Un altro appuntamento con “Brevi Storie sulla Torres”, cortometraggio realizzato dal regista sassarese Giuseppe Garau con l’intento di tramandare tra le nuove generazioni la storia del sodalizio sportivo rossoblù e di rinsaldare il legame tra la squadra e la città di Sassari.Brevi

Il corto si basa sulle testimonianze dirette degli amici e dei parenti di tre autentiche icone della storia rossoblù,  il pugile Gavino Matta, il calciatore Marzio Lepri e il velocista Tonino Siddi, secondo il filo conduttore  dato dal racconto di Andrea Sini, giornalista de La Nuova Sardegna, e dalle immagini girate a Sassari tra i vicoli del centro storico, lo stadio Acquedotto, le vecchie palestre e il litorale di Platamona.

La prima tappa del tour tra gli studenti, presso il Liceo Canpoleno, ha riscosso un successo straordinario e, per il secondo appuntamento con la storia rossoblù, la Fondazione Torres, con la preziosa e fattiva collaborazione della società e dell’autore dell’opera, hanno deciso di coinvolgere il settore giovanile rossoblù.

L’appuntamento è fissato per oggi, gioved’ 2 aprile alle ore 18 presso la Sala Congressi della Camera di Commercio di Sassari. I ragazzi del vivaio della Sef Torres – dalla scuola calcio alle squadre nazionali Berretti, Allievi e Giovanissimi, passando per quelle regionali Allievi, Giovanissimi Elite e under 16 femminile – partiranno alle 17 da Piazza d’Italia per arrivare in via Roma, dove assisteranno alla proiezione del film, già vincitore della “Guirlande d’Honore nella sezione Sport & Society dell’edizione 2014 di “Sport, Movies e Tv”, organizzato dalla Federation Internatinale cinema televisione Sportlifs”

Torres in visita all’Istituto delle Suore delle Poverelle

Nel pomeriggio odierno una delegazione della Torres ha fatto visita all’Istituto delle Suore delle Poverelle  sito in  viale Dante 8 a Sassari. Ist_suoredellepoverelle

Il mister Cristian Bucchi, i giocatori Funari, Scarsella e Cerniglia, e i dirigenti Di Puccio e Mazzini sono stati accolti dalla coordinatrice del centro di pronto intervento, Silvia Salis, e dalla responsabile della casa e del servizio, Suor Ida Costantino.

Ai bambini e alle loro mamme, ospitate nel centro, i giocatori rossoblù hanno fatto dono di un uovo di Pasqua gigante, acquistato grazie alla collaborazione della pasticceria Lella Proto di Sassari, di un calendario della Fondazione Torres e di decine di calendari con le effigie di Papa Francesco, dono di un tifoso rossoblu che ha voluto partecipare all’iniziativa.

Nella casa di accoglienza operano 5 educatori per accogliere mamme in difficoltà e realizzare progetti e laboratori che possano aiutare ad acquisire competenze utili per il reinserimento sociale di nuclei familiari in condizioni di disagio.

Mamme e bambini sono stati invitati ad assistere alle gare casalinghe della Torres e a partecipare alle sessioni di allenamento dei rossoblu: “Siamo ben felici di rispondere all”invito- ha commentato la dottoressa Silvia Salis – per offrire a queste famiglie e, soprattutto, ai bambini ospiti della nostra comunità, l’occasione di conoscere da vicino i calciatori e di vivere l’emozione di una partita di calcio. Per noi rappresenta una bella opportunità di scambio”.

Da parte della Torres, il rapporto con il centro proseguirà con la massima disponibilità per offrire supporto alle iniziative della casa di accoglienza che, da tanti anni, si prende cura di tante famiglie in difficoltà.