Archivi per la categoria ‘Torres’

Il “Torresino dell’anno” è Tore Pinna

Il “Torresino dell’anno” è Tore Pinna. Ad assegnare il riconoscimento sono stati i soci dell’Associazione Memoria Storica Torresina. I quali hanno voluto premiare colui il quale è riconosciuto dal popolo rossoblù, come un simbolo, una bandiera. “Sono orgogliosissimo – ha dichiarato il portierone rossoblù - Per me la Torres è una malattia, una questione di vita. Questa maglia la sento mia. E sono pronto, insieme alla società,  a dare tutto per riportarla nei palcoscenici in cui merita di stare, per far sì che tutti insieme si possa rivivere emozioni indimenticabili, come quelle di Mestre“.tore_pinna

Il direttivo dell’Associazione ha poi conferito un premio speciale all’attuale presidente Tore Sechi, per l’impegno profuso, dallo scorso mese di dicembre, per tenere viva e ridare dignità al sodalizio rossoblù, la cui ultracenteraria storia, negli ultimi anni, è stata troppo infangata. Questo giova ricordarlo sempre per non ricadere, in futuro, negli stessi errori. In segno di buon auspicio è stato assegnato un riconoscimento ai dirigente Satta e Carboni, e a mister Ivan Cirinà, un sassarese doc che, il prossimo anno, siederà sulla panchina della Torres.

Premiati anche il giornalista Daniele Doro, che oltre da mezzo secolo segue con passione e professionalità, le vicende della compagine rossoblù, e due giocatori, Zamboni e Monterisi, che hanno indossato la casacca della Torres negli anni settanta.

“Il torresino dell’anno”, domani la premiazione in via Coradduzza

Terminato il sondaggio tra i soci, l’Associazione Memoria Storica Torresina è pronta ad assegnare il premio “Il torresino dell’anno”, relativo alla stagione appena IMG_0641conclusa. Nell’occasione, proprio come lo scorso anno, il direttivo consegnerà anche il Premio Speciale Amst, oltre a una serie di riconoscimenti collaterali. La cerimonia si terrà, domani alle ore 20 nei locali del Tennis Club Torres “A. Bozzo”, in via Coradduzza.

Finale campionato juniores tra Torres e Latte Dolce

Il futuro del calcio sassarese si troverà di fronte domani alle ore 17 al Vanni Sanna, dove andrà in scena la finale regionale del campionato juniores tra Torres e Latte Dolce.

 

All’inferno e ritorno: Florencianez e Mucili tengono vive le speranze della Torres

All’inferno e ritorno in novanta minuti: si può riassumere così il pomeriggio della Torres. Che, al termine del primo tempo della sfida contro l’Albalonga, era virtualmente condannata alla retrocessione in Eccellenza: i laziali, infatti, erano avanti di una rete, mentre il Muravera prevaleva, sempre per 1 a 0, contro il Lanusei. 15338671_10210231580801312_4808392449279199792_n

Nella ripresa, però, i rossoblù, spinti da un grande cuore e un grande carattere, hanno trovato la forza necessaria per ribaltare la situazione e tenere ancora viva la fiammella della speranza in vista dell’ultima giornata. A riequilibrare le sorti dell’incontro è stato il paraguiano Florencianez, abile a trasformare un rigore concesso per un fallo su Sene Pape. Poi, dopo il palo di Succi e l’espulsione di Sene Pape, è arrivato il gol di Mucili: episodi che sembrano voler dire che gli “dei del pallone” abbiano voluto dare un’ultima chance a Tore Pinna e compagni, attesi dalla sfida casalinga contro l’Avezzano, in programma al Vanni Sanna fra una settimana, quando i sassaresi dovranno conquistare i tre punti e sperare nel contemporaneo capitombolo del Muravera, che ha conservato i due punti di vantaggio.

Tore Pinna, grazie di tutto!

Oggi non scriviamo della partita, di una sconfitta che, seppur immeritata, rende ancora più ardua la già difficile rincorsa della Torres verso la tore_pinnasalvezza, ma preferiamo spendere due parole per omaggiare due giocatori, ma sarebbe meglio scrivere due uomini, Tore Pinna e Alex Frau, che stanno dando cuore e anima per la maglia e per i colori in uno dei momenti più difficili dell’ultracentenaria storia del sodalizio sassarese. Le lacrime a fine gara, del portierone rossoblù, salutato dai cori della sua curva, rappresentano l’unico momento da ricordare,  dell’intera stagione, un insegnamento per le nuove generazioni.

Due giocatori della Torres al Torneo delle Regioni

I rossoblù, classe 2000, Giacomo Fantasia e Alessio Casula, sono stati selezionati dal tecnico Mino Sotgiu per la Rappresentativa regionale Allievi Sardegna che parteciperà al prossimo Torneo delle Regioni, l’evento agonistico di punta della Lega Nazionale Dilettanti, in programma in provincia di Trento dall’8 al 14 aprileLa Rappresentativa sarda se la dovrà vedere contro Trento, Bolzano e Liguria.

Buon punto per la Torres contro l’Arzachena

Alla vigilia la bilancia del pronostico pendeva nettamente dalla parte dell’Arzachena, che si presentava al Vanni Sanna da capolista del girone G della serie D, ma il calcio non è una scienza esatta. Ed è così che la Torres è riuscita a strappare un punto che, al di là del mero dato numerico, rappresenta un’importante iniezione di fiducia in vista del rush finale per la salvezza.16711527_10210965640032334_947946718660991958_n

Forti del primato in classifica, gli smeraldini hanno subito provato a fare la partita e hanno visto coronati i loro sforzi, al 17′, quando il polacco Branichi, fischiatissimo dal pubblico sassarese, ha trasformato un rigore concesso per un fallo di Faye su Andrea Sanna. Sbloccato il risultato, l’Arzhachena, seguita a Sassari da un buon numero di tifosi, sembrava poter gestire agevolmente la situazione, viste anche le difficoltà nell’impostazione del gioco dei ragazzi di coach Misiti. I quali però, al 27′, inaspettatamente hanno ristabilito la parità con una giocata aerea di Faye, sulla cui regolarità gli ospiti hanno protestato, così come su un episodio in area di rigore torresina nei convulsi minuti finali della ripresa, nel corso della quale Tore Pinna si è erto a protagonista assoluto, salvando la sua porta in almeno un paio di occasioni. E dove non ì arrivato il portierone sassarese ci hanno pensato i suoi compagni di squadra, come nel caso dell’occasionissima fallita da Nuvoli. A prescindere, però, dai singoli episodi, i rossoblù hanno dimostrato di avere le qualità caratteriali per raggiungere un obiettivo che avrebbe del miracoloso e dello straordinario.

 

Misiti torna sulla panchina della Torres: esonerato Pasculli

Ieri la Torres è uscita dal campo, al termine della sfida con l’Ostiamare, con quattro reti sul groppone: nonostante l’incoraggiamento dei fedelissimi della curva nord, gli ultimi a mollare in una città che sembra sempre più allontanarsi dal suo simbolo sportivo più importante, la sconfitta rimediata, che segue quella contro il Lanusei, ha lasciato il segno sul morale della truppa. Per tale motivo, oggi, la dirigenza, per dare una scossa, ha deciso di interrompere l’avventura di Pedro Pasculli sulla panchina della compagine sassarese. Il posto dell’argentino, sulle cui scelte tecnico tattiche molti hanno nutrito non pochi dubbi, verrà ripreso da Misiti, tecnico calabrese che conosce la squadra e i molti giovani che fanno parte della rosa. Quella odierna sembra proprio l’ultima mossa, l’ultima carta da giocare per tenere vivo il sogno salvezza.

La Torres ingaggia il difensore Michele Canale

La Torres ha ufficializzato, dopo l’ok di mister Pasculli, l’ingaggio del terzino sinistro, Michele Canale, già in prova da alcune settimane con il gruppo rossoblù.michelecanale

Il giocatore siciliano, a  soli 15 anni, è stato selezionato per essere inserito nelle giovanili del Torino. Nella stagione successiva il prestito alla Pro Vercelli, squadra in cui ha militato fino all’under 19.

Hanno fatto poi seguito i campionati, sempre in serie D, con Cuneo e Asti. Il giocatore ha avuto già esperienza in Sardegna disputando il campionato 2015/2016 con l’Arzachena.

Quest’anno ha iniziato la stagione nel Città di Foligno prima di approdare alla Torres.  Il giocatore sarà da subito a disposizione del tecnico e convocabile in vista del prossimo impegno, la gara di domenica 5 marzo contro il Lanusei.

“Premio Letterario Memoria Storica Torresina”, domani la presentazione presso la Sala Milella in Piazza Università

Un’altra iniziativa in sinergia per il Cus Sassari, che sposa e sostiene un progetto ideato e sviluppato dall’Associazione Memoria Storica Torresina,untitled in collaborazione con l’Università degli studi di Sassari e la libreria internazionale Koinè: il “Premio letterario Memoria Storica Torresina”.

Domani, mercoledì 01 marzo 2017, alle ore 10,30 negli spazi della sala Milella in piazza Università, il “Premio letterario Memoria Storica Torresina” sarà presentato alla stampa nel corso di una apposita conferenza cui interverranno il delegato del rettore allo Sport, Salvo Mura, i componenti del direttivo dell’Associazione Memoria Storica Torresina, guidati dal presidente Andrea Sini, Aldo Addis della libreria internazionale Koinè, il presidente del Cus Sassari Nicola Giordanelli