Archivi per la categoria ‘Dinamo’

Anche l’Unics Kazan tra le avversarie della Dinamo in Eurolega

Sarà l’Unics Kazan, che ha vinto il girone di qualificazione, a completare il quadro del girone A dell’Eurolega, quello in cui è stata inserita la Dinamo, alla prima esperienza nella massima competizione continentale per club.

Quella russa è una squadra di altissimo livello, visto che può schierare campioni del calibro di White, Sanikidze, Zisis, Jerrels e Langford, tutti protagonisti in tempi recenti nel Campionato Italiano.

Ultime amichevoli per la Dinamo, i biancoblù impegnati in Polonia

Tra i tanti tifosi della Dinamo è iniziato il conto alla rovescia in vista del primo impegno ufficiale dei bianoblù che, il 4 e il 5 ottobre prossimi, giocheranno al PalaSerradimigni per la Supercoppa, primo trofeo della stagione che dovranno contendere a Milano, Roma e Brindisi.palaserradimigni

In questo fine settimana, però, i ragazzi di coach Sacchetti si trasferiranno in Polonia per l’ultimo appuntamento di un precampionato denso di impegni.

Vanuzzo e compagni disputeranno il Torneo di Wroclaw, insieme ai polacchi del Slask Wroclaw, i quali domani affronteranno proprio la Dinamo (inizio fissato per le ore 19:30), e del Pge Turow, e ai campioni di Romania del Csu Ploiesti, freschi vincitori della Supercoppa Nazionale.

A Cagliari la Dinamo cede all’Orlandina

Così come non ci eravamo esaltati per le brillanti vittorie nelle prime amichevoli stagionali, non ci deprimiamo, anche se perdere non è mai piacevole, per le sconfitte rimediate dalla Dinamo nelle ultime due uscite, la prima qualche giorno fa contro l’Enel Brindisi; la seconda nella serata odierna contro l’Orlandina, che si è imposta con il punteggio di 71 a 75 in un PalaRockfeller gremito.logan_galatasaray

Imprecisi in attacco, soprattutto dalla lunga distanza, e distratti in difesa, i biancoblù hanno giocato a corrente alternata e hanno così ceduto la posta in palio alla compagine siciliana, ripescata nella massima serie, che si avvale di un gruppo solido ed esperto con l’intento di raggiungere l’obiettivo della permanenza nella categoria.

Nelle prime fasi di gara, Lawal ha fatto la voce grossa sotto le plance (il lungo biancoblù si è spento con il passare dei minuti) e la Dinamo si è portata sull’8 a 5. Le triple di Burgess e Freeman hanno permesso al’l'Orlandina di mettere la testa avanti. La formazione siciliana ha poichiuso il primo quarto in vantaggio di tre lunghezze (20 a 23) e ha poi allungato all’inizio del secondo periodo e si è portata sul + 10 (20 a 20 con una tripla dell’eterno Basile.

Una tripla di Logan ha spezzato il parziale dei siciliani, che si sono rimessi in moto, trascinati da un ottimo Nicevic e sono andati all’intervallo lungo sul + 12 (28 – 40).

Strigliati da coach Sacchetti, i biancoblù sono tornati in campo con un altro spirito e sono risaliti fino al – 1 (39 a 40), grazie ad alcuni spunti di Dyson. Sul più bello, la Dinamo si è nuovamente fermata e ha dato via libera ai siciliani, che hanno portato nuovamente il vantaggio sopra la doppia cifra e hanno chiuso il terzo periodo sul + 14 (47 a 61). Nell’ultimo quarto i ragazzi di coach Sacchetti non sono riusciti nel tentativo di rimonta. Ora la Dinamo si trasferirà in Polonia per l’ultimo impegno del precampionato. Poi si farà sul serio con la Supercoppa.

La Dinamo rinforza il reparto lunghi con l’innesto di Marco Cusin

A pochi giorni dall’inizio della stagione ufficiale – il 4 e il 5 ottobre al PalaSerradimigni si giocherà per il primo trofeo della stagione, la Supercoppa Italiana -. la dirigenza della Dinamo ha piazzato un altro importante colpo di mercato, aggiudicandosi le prestazioni di Marco Cusin, uno dei migliori centri italiani degli ultimi anni. Cusin

Ora, rinforzato il reparto lunghi con l’inserimento nel roster di un giocatore di grande esperienza e solidità, la Dinamo avrà molte più carte da giocare sia in Campionato, dove punterà a compiere il passo mancante verso la finale scudetto, sia in Eurolega.

Cresciuto nelle giovanile della Pallacanestro Trieste, Marco Cusin ha esordito nella masssima serie proprio con la società nella stagione 2002 – 2003.

La sua carriera è poi proseguita tra la serie A e la Legadue con le maglie di Biella, Ferrara e Fabriano. Nel 2007  è passato  alla Vanoli Soresina, formazione con la quale ha conquistato la promozione nella massima serie, sconfiggendo la stessa compagine sassarese nella finale play off.  Dopo aver vissuto la stagione da matricola con la formazione lombarda, che nel frattempo si era trasferita a Cremona, Cusin ha dapprima vestito la canotta della VL Pesaro ed è poi approdato a Cantù.

In Brianza ha toccato l’apice della sua carriera con l’esordio in Eurocup ed Eurolega e la conquista della Supercoppa Italiana. Le ottime prestazioni con la formazione canturina gli sono valse la chiamata in azzurro con i coach Recalcati e Pianigiani.

Sconfitta per la Dinamo nella finale del Memorial Pentassuglia

Per il quarto anno consecutivo l’Enel Brindisi si aggiudica il Memorial Pentassuglia. Nell’atto conclusivo e decisivo della competizione, i ragazzi di coach Bucchi hanno sconfitto per 60 a 72 una Dinamo apparsa stanca per i tanti impegni ravvicinati e per le rotazioni limitate alle quali è stato costretto coach Sacchetti a causa delle assenze di Dyson, Chessa, Tessitori e Brian Sacchetti. palaserradimigni

Il dominio a rimbalzo offensivo è stata la chiave del successo dei brindisini, agevolati nel loro compito dalla giornata di scarsa vena al tiro dei sassaresi, in particolare di alcuni uomini chiave, come David Logan.

Nel primo quarto è stata partita vera: i padroni di casa, trascinati da Mays, sono partiti col piede sull’acceleratore, portandosi sul 6 a 14 e costringendo il coach sassarese a chiedere un minuto di sospensione per riordinare le idee ai suoi uomini.

Immediata è arrivata la risposta dei sassaresi: due palle recuperate e mini break di 0 a 4 per il 10 a 14. Nonostante sia rimasta sempre a contatto la Dinamo non ha trovato il guizzo per mettere la testa avanti e ha chiuso il primo quarto in ritardo di una lunghezza (20 a 21).

Nel secondo periodo, i biancoblù hanno faticato a trovare la via del canestro, ma sono riusciti, in un certo qual modo, a limitare i danni, tenendo il distacco sotto la doppia cifra fino alla fine del periodo (27 a 36).

Dopo l’intervallo lungo, Brooks ha provato a dare una scossa in attacco alla sua formazione, ma sono stati i pugliesi ad allungare, toccando i 15 punti di vantaggio (32 a 47). Fiammata di Vanuzzo e compagni, che sono risaliti fino al – 6 (45 a 51 con una tripla di Todic), ma i brindisini hanno ristabilito le distanze, chiudendo il terzo quarto sul 45 a 56 e gestendo il vantaggio negli ultimi dieci minuti di gioco.

“Memorial Pentassuglia”, la Dinamo supera la Juve Caserta e vola in finale

Le assenze di Dyson, Chessa, Tessitori e Brian Saccchetti non hanno influito sulla prestazione della Dinamo che, nella semifinale del Memorial Pentassuglia, ha sconfitto la Juve Caserta con il punteggio di 78 a 59.Todic

Appurato il diverso grado di preparazione fra le due formazioni, fattore che può anche risultare determininte in questa fase della stagione, il divario, maturato al termine dei 40 minuti di gioco, è dovuto soprattutto al maggiore tasso tecnico del gruppo allenato da coach Sacchetti, nel quale sono emerse le individualità di David Ligan, sempre più leader della sqiuadra, e Miroslav Todic, il quale ha sfoderato una prestazione di alto livello davanti al suo vecchio pubblico.

Le due squadre si sono affrontate fin da subito su buoni ritmi. Dopo lo 0 a 3 iniziale dei casertani, i biancoblù hanno preso in mano le redini del gioco e hanno risposto con un contro break di 7 a 0. Aggressivi in difesa e implacabili dalla lunga distanza, i sassaresi hanno allungato, chiudendo il primo quarto in vantaggio di sette lunghezze (23 a 16).

All’inizio del secondo periodo è calato il buio sull’impianto brindisino, a causa di un black out, ma non si è spenta la luce in casa biancoblù.

Meo Sacchetti ha gestito al meglio le rotazioni e i suoi uomini hanno preso il largo e sono andati all’intervallo lungo con il rassicurante vantaggio di 22 punti (47 a 25).

Negli ultimi due quarti, la partita non ha avuto storia. Per i ragazzi di coach Sacchetti, quello odierno, è stato un buon test, che ha confermato i progressi costanti di un gruppo fortemente rinnovato. E ora i bioancoblù attendono di conoscere il nome dell’avversaria che dovranno affrontare nella finale di domani pomeriggio, Nell’altra semifinale si affronteranno i padroni di casa dell’Enel Brindisi e gli israeliani del Bnei Herzeyia.

 

La Dinamo a Brindisi per il Memorial “Elio Pentassuglia”

Prima trasferta oltre Tirreno per la Dinamo che, nei prossimi due giorni, sarà impegnata, insieme all’Enel Brindisi, alla Juve Caserta e agli israeliani del Bney Herzlyia, nella quarta edizione del “Memorial Elio Pentassuglia”, un appuntamento ormai tradizionale del precampionato che andrà in scena nel capoluogo pugliese.Pentassuglia

Le amichevoli giocate in terra sarda hanno lasciato non pochi strascichi a livello di onfortuni. Per tale motivo, coach Sacchetti dovrà rinunciare all’apporto dei vari Dyson, Chessa, Tessitori e Brian Sacchetti. Per tale motivo sfrutterà l’occasione per testare nuovi quintetti e nuove soluzioni. Ci sarà curiosita per la prima uscita del play Edgar Sosa, reduce dall’esperienza ai Campionati Mondiali di Spagna 2014 con la Repubblica Dominicana.

In semifinale, Vanuzzo e compagni affronteranno la Juve Caserta, squadra costruita assemblando un gruppo italiano solido e alcuni americani di ottime qualità tecniche e fisiche.

Programma completo:

Venerdì 19

ore 19:15 – Dinamo Sassari – Juve Caserta

ore 21:15 – Enel Brindisi – Bnei Herzlyia

Sabato 20

ore 19:15 – Finale 3° – 4° posto

ore 21:15 – Finale 1° – 2° posto

 

 

Esben Reinholt ceduto in prestito allo Spirou Charleroi

Il giovane e promettente esterno danese, Esben Reinholt, è stato ceduto in prestito allo Spirou Charleroi, formazione belga che, per il terzoReinholt anno consecutivo, parteciperà all’Eurocup, seconda competizione continentale per club.

Dopo l’esperienza maturata nella scorsa stagione nelle fila della formazione spagnola del Forca Lleida, il giocatore, legato alla Dinamo da un contratto triennale, avrà òìopportunità di fare un altro passo importante nel suo percorso di crescita.

Sfida emozionante tra Dinamo e Galatasaray, al Geovillage di Olbia i turchi vincono 75 a 78

Un primo quarto stratosferico, un lungo black out nelle due frazioni centrali e la riscossa nell’ultimo quarto, che però non è servita ai biancoblù ad  evitare la prima sconfitta della pre season.logan_galatasaray

A due giorni di distanza dalla finale del “Città di Sassari”, il Galatasaray si prende la rivincita, aggiudicandosi con il punteggio di 75 a 78 la sfida valida per la seconda edizione del “Trofeo Confalonieri”.

Non potendo contare sull’apporto di Brian Sacchetti e Sanders, all’assenza dei due in corso d’opera si è poi aggiunta quella di Dysonil coach biancoblù ha riproposto il quintetto con il play ex Brindisi, Logan, Devecchi, Brooks, Lawal.

L’inizio della gara gallurese ha seguito la stessa falsariga di qualla giocata domenica scorsa al PalaSerradimigni, quando i sassaresi dominarono la scena.

Logan in gran spolvero per il primo break della Dinamo (12 a 3). Reazione dei turchi con Aldemir e Smith (12 a 7), poi Lawal ha aperto un parziale mortifero dei biancoblù, che hanno chiuso il primo quarto sul 22 a 7.

Nel secondo e nel terzo periodo si è spenta la luce nel quintetto biancoblù: timorosi e impacciati in attacco, a causa soprattutto dell’uscita per infortunio di Dyson, e molli in difesa, vecchio difetto del gruppo di Sacchetti, Vanuzzo e compagni hanno permesso al Galatasaray di ribaltare la situazione.

I turchi si sono così presentati al via dell’ultimo quarto con un vantaggio di 18 lunghezze (47 a 65). Partita finita? No! Cambiano i musicisti, ma non cambia lo spartito. La Dinamo ha confermato di essere squadra imprevedibile e ha pian piaco eroso lo svantaggio, arrivando a riequilibrare il punteggio con una canestro di Lawal.

Il finale punto a punto ha poi condannato i sassaresi, i quali, più che per la sconfitta, devono preoccuparsi per i tanti infortuni che stanno funestando il precampionato.

 

Tempo di rivincita tra Dinamo e Galatasaray, le due squadre si affronteranno per il “Trofeo Confalonieri”

Il precampionato della Dinamo prosegue a ritmo forsennato. Domani sera, i biancoblù si troveranno nuovamente di fronte, al Geovillage di Olbia, il Galatasaray per la seconda edizione del “Trofeo Confalonieri”. Per le due formazioni si tratta di una sorta di rivincita, a due giorni di distanza dalla finale del “Città di Sassari”, vinta dai biancoblù per 101 a 88.David Logan

Ringrazio la Dinamo e tutto lo staff per l’organizzazione di una manifestazione che quest’anno assume una connotazione internazionale – ha dichiarato Confalonieri nel corso della conferenza stampa di presentazione della partita con i turchi -.  Tale evento ci riempie d’orgoglio e rappresenta un’occasione importante per farci conoscere al di fuori dei confini locali“.

Il coach biancoblù ha posto l’accento sugli aspetti tecnici: “Finora si sono visti alcuni sprazzi di quella che dovrebbe essere la nostra pallacanestro. Abbiamo aggiunto un po’ di fisicità e lavoreremo ancora per migliorare quest’aspetto del nostro gioco. Arriveremo pronti al primo impegno ufficiale della stagione, le Final Four di Supercoppa“.

“L’unione del gruppo è sempre stata la nostra forza e lo sarà anche quest’anno” ha dichiarato il capitano Manuel Vanuzzo. “In questa fase di presason abbiamo giocato bene – ha aggiunto Devecchi- . I risultati ottenuti ci incoraggiano a fare sempre meglio”.

I trofei per il primo post e per l’MVP sono stati realizzati da Elio Pulli, artista di fama internazionale, che ha realizzato due manufatti di ceramica in chiaro stile futurista. La gara avrà inizio alle ore 20:30. Il costo del biglietto è stato fissato sulle 10 euro, ingresso gratuito per i bambini fino ai 12 anni.