Archivio Autore

E la festa continua, Dinamo travolgente contro Cantù

E la festa continua! Spinta dall’entusiasmo per il trionfo in Coppa Italia, il secondo in due anni, la Dinamo ha letteralmente annichilito Cantù, sconfitta per 86 a 68 e mai capace di impensierire i ragazzi di coach Sacchetti, i quali, cattivi e determinati fin dalla palla a due, hanno ringhiato in difesa e hanno sciorinato giocate d’alta scuola in attacco, su tutte una schiacciata stratosferica di Dyson.Dinamo Cantù

La sfida è iniziata con il bombardamento dalla lunga distanza di Sanders e Logan che, con il contributo di Dyson e di una difesa asfissiante, hanno consentito di mettere a segno un parziale iniziale di 11 a 0, grazie al quale i biancoblù hanno dato un segnale inequivocabile agli avversari.

Nemmeno il time out chiamato da coach Sacripanti è riuscito a dare la scossa ai brianzoli, che hanno continuato a subire il gioco aggressivo dei padroni di casa, che hanno uno straordinario primo quarto con un vantaggio di 17 punti (25 a 8).

Partita costantemente in mano ai sassaresi anche nel secondo quarto, nel corso del quale hanno doppiato i brianzoli (34 a 17) per poi andare al riposo sul + 19 (40 a 21).

Durante l’intervallo, l’inno della Brigata Sassari ha dato ulteriore carica ai sassaresi che, dopo aver subito un mini break, frutto di una fiammata di Jones, hanno continuato a marciare a ritmi elevati, chiudendo i giochi già alla fine del terzo quarto. Gli ultimi dieci minuti si sono trasformati in una carrellata trionfale tra applausi e cori di un PalaSerradimigni carico di entusiasmo.

Dinamo Sassari: Logan 19,  Formenti 2, Sanders 11, Devecchi 7, Lawal 4, Chessa, Dyson 15, Sacchetti 4, Mbodj 2, Vanuzzo, Brooks 11, Kadji 11. All. Meo Sacchetti.

Pallacanestro Cantù: Johnson-Odom 13, Feldeine 12, Awudu Abass 10, Bloise, Laganà, Maspero, Jones 14, Shermandini 2, Hollis 6, Buva 2, Gentile 2, Williams 8. All. Stefano Sacripanti.

 

Missione compiuta per la Torres femminile, vittoria per 7 a 0 contro l’Orobica

Continua la marcia della Torres femminile che, come era facilmente pronosticabile alla vigilia, ha letteralmente travolto sotto una valanga di reti l’Orobica, cenerentola della massima serie del calcio in rosa italiano.Torres femminile

Il 7 a o, maturato al termine dei novanta minuti di gioco, certifica la netta superiorità delle ragazze guidate in panchina da Mario Pompili, che hanno dominato la scena dal primo all’ultimo minuto di gara.

Ad aprire le danze, al 22′, è stata Sabrina Marchese, abile a ribadire la palla in porta dopo una corta respinta dell’estremo difensore orobico su conclusione di Elisa Bartoli.

La stessa giocatrice romana ha realizzata la rete del raddoppio, al 35′, con un preciso tiro all’incrocio dei pali. Poi, al 41′, Romina Pinna ha insaccato la palla dopo un tiro cross della Marchese, che si era stampato sulla traversa.

La festa rossoblù è proseguita nella ripresa: al 58′, Elisabetta Tona ha approfittato dell’ennesima respinta goffa del portiere avversario per mettere a segno il gol del 4 a 0. Tre minuti più tardi, la Marchese ha realizzato la seconda rete personale con un preciso colpo di testa sugli sviluppi di un cross della Domenichetti.

La stessa centrocampista, al 79′, ha voluto mettere la sua firma sulla partita, recuperando una palla vagante al limite dell’area di rigora e colpendo con un tiro di prima intenzione.

Poi Charette ha messo la classica ciliegina sulla torta, centrando il bersaglio con un tiro teso e potente, imprendibile per il portiere bergamasco.

Tabellino

Torres femminile – Orobica 7 – 0

Torres femminile: Fazio, Bartoli, Motta, Flaviano, Tona, Piacezzi, Domenichetti, Marchese, Giugliano, Serrano, Pinna (dal 73′ Charette). A disp. Esposito, Maglia, Marchio.

Orobica: Salvi, Corfetti, Zangari, Riva, Asperti, Picchi, Brasi, Barcella, Fodri, Massussi, Mervi. A disp. Lacchini, Bianchi, Merli, Vavassori.

Reti: 21′ Marchese, 35′ Bartoli, 41′ Pinna, 58′ Tona, 61′ Marchese, 79′ Domenichetti, 91′ Charette.

Pareggio senza reti tra Torres e Giana Erminio

Poche emozioni e nessuna rete per un  nulla di fatto tra Torres e Giana Erminio, che ha lasciato l’amaro in bocca ai fedelissimi del Vanni Sanna, costretti ad assidetere ad una prova poco convincente dei loro beniamini, apparsi intimoriti e poco convinti dei propri mezzi, soprattutto nella prima fase di gara.Fabio Foglia

Reduci da due sconfitte esterne consecutive, i rossoblù hanno approcciato nel modo sbagliato la sfida con la Giana, fondamentale in ottica salvezza, e fin dai primi minuti di gioco hanno lasciato l’iniziativa agli avversari, che hanno preso il sopravvento nella zona nevralgica del campo e hanno creato qualche grattacapo alla retroguardia sassarese, che ha ballato soprattutto sul lato destro.

Con i rossoblù che si sono affidati a sterili e inconcludenti lanci lunghi, il primo tempo è scivolato via senza particolari emozioni, eccezion fatta per una pericolosa sortita offensiva di Augello.

Dopo l’intervallo, l’ingresso di Baraye al posto di Buonaiuto ha dato un po’ di vitalita alla manovra dei padroni di casa, che, pur non mostrando un gioco brillante, hanno alzato il baricentro del propio gioco e, nel finale di gara, hanno fallito due nitide occasioni da gol. Al 78′, protagonista in negativo è stato lo stesso Baraye, che ha confermato ancora una volta di non avere l’istinto dell’attaccante di razza, colpendo il palo a pochi metri dalla linea di porta. Poi, all’83′, lo stesso giocatore rossoblù ha superato Polenghi, ma la sua conclusione a incrociare ha fatto la barba al palo tra la disperazione di compagni e tifosi. Poi non è acccaduto più nulla fino al triplice fischio del direttore di gara, che ha sancito un pareggio sostanzialmente giusto.

Tabellino

Torres – Giana Erminio 0 – 0

Torres: Testa, Imparato, Minarini, Petermann (58′ Marinaro), Migliaccio, Aya, Foglia, Bottone, Barbuti, Maiorino, Buonaiuto (dal 46′ Baraye).

Giana Erminio: Paleari, Perico, Solerio, Marotte, Polenghi, Montesano, Rossini (dal 62′ Spiranelli), Biraghi, Sinigallia, Gasbarroni, Augello (dal 72′ Pinto).

Arbitro: signor Aristide Capraro della sezione di Cassino

Gli Arcieri Uras fanno la voce grossa ai Campionati Regionali indoor di tiro con l’arco, domani si svolgerà il Trofeo Pinocchio a Muravera

Gli Arcieri Uras fanno la parte del leone ai campionati regionali indoor di tiro con l’arco, che si sonofabio ibba disputati ad Uras. Giorgio Tomasi e compagni hanno portato a casa ben 33 medaglie fra oro, argento e bronzo, seguiti da Torres Sassari (25), Arco Club Portoscuso (19), Arcieri Mejlogu (10), Nuragici e 4 Mori (8), Arcieri Galluresi (6), Arcieri della Quercia Oristano, Arcos Nuoro ed Ichnos (5) e Arcieri Oristano (3). Fra le prestazioni individuali da sottolineare la performance di Fabio Ibba (Uras) che, nell’arco compound, ha portato a casa 4 ori vincendo i titoli assoluti e di classe sia individuali sia a squadre. Ma vanno citate anche le “doppiette” messe a segno da Viviana Spano (protagonista assoluta anche nei campionati europei) nel compound, da Giorgio Capra (4 Mori) e Valeria Congiunti (Mejlogu) nell’arco nudo, e da Debora Pinna (Portoscuso) nell’arco olimpico. Unica eccezione quella di Emilio Rivano (Nuragici), capace di vincere il titolo assoluto olimpico dopo essere arrivato secondo nella classe senior.

Domenica 1 marzo si svolgerà a Muravera il Trofeo Pinocchio per arcieri sotto i 13 anni, mentre la settimana dopo inizieranno le gare all’aperto con tiro di campagna e 3D su sagome animali.

Questi i neocampioni regionali di classe. Arco olimpico senior Simone Pisola (Torres). Femminile Stefania Brundu (4 Mori). Master Giorgio Tomasi (Uras). Femminile Fiorella Corsini (Portoscuso). Junior Stefano Decandia (Galluresi). Femminile Debora Pinna (Portoscuso). Allievi Francesco Carlino (Portoscuso). Allieve Cristiana Meloni (Uras). Ragazzi Marco Fozzi (Torres). Ragazze Anna Podda (Nuragici).

Arco compound senior Fabio Ibba (Uras). Femminile Viviana Spano (Torres). Master Salvator Carta (Torres). Junior Alessandro Corda (Arcos). Allievi Luca Pinna (Portoscuso). Ragazzi Filippo Carrus (Uras).

Arco nudo senior Giacomo Bandini (Uras). Femminile Valeria Congiunti (Mejlogu). Master Giorgio Capra (4 Mori). Femminile Antonella Marongiu (Arcoristano). Junior femminile Giulia Aru (Torres). Allievi Eric Esposito (Torres). Allieve Cristiana Meloni (Uras). Ragazzi Nicola Dessì (Portoscuso). Ragazze Eleonora Meloni (Uras).

 

La Quadrifoglio Porto Torres e la Pallavolo Olbia tentano la fuga in testa alla classifica, vittorie per Orion e Solo Pellico

La Quadrifoglio Porto Torres e la Pallavolo Olbia tentano la fuga in testa alla classifica del girone C della serie D di pallavolo femninile, in virtù anche della sconfitta patita, sabato scorso, dalla terza forza del campionato, la Gymland, superata con il netto punteggio di 3 a 0 (25 – 18/25 – 20 – 25 – 15) dal Garibaldi La Maddalena.Quadrifoglio

Le oristanesi hanno ora un distacco di cinque punti dalle turritane e dalle galluresi che, al contrario, hanno portato a casa il bottino pieno, imponendosi, rispettivamente, in tre set contro le cugine della Stella Maris (17 – 25/23 – 25/30 – 32) e le ultime della classe dell’Airone Oschiri (25 – 4/25 – 14/25 – 11).

Note liete anche per Orion e Silvio Pellico: Laura Ganzedda e compagne hanno rafforzato la quarta posizione, imponendosi per 1 a 3 sul campo della Vbc Macomer (25 – 20/22 – 25/19 – 25/15 – 25), mentre le pellicane hanno confermato l’ottimo strato di forma, superando con il punteggio di 3 a 1 (25 – 18/32 – 34/25 – 15/25 – 11) la Sunvolley 2pinfissi.

La serie di risultati utili ottenuti nelle ultime giornate ha pemesso alle pellicane di allontanarsi dalla zona calda della classifica.  Non si può dire lo stesso per la Punto, che ha inanellato l’ennesima sconfitta sul campo del Ghilarza, vittorioso per 3 a 1 (21 – 25/26 – 24/25 – 18/25 – 14).

Domani, sabato 28 febbraio, prenderà il via il quattordicesimo turno che, per quel che riguarda gli appassionati sassaresi, vivrà il suo momento culminante nella serata di mercoledì 4 marzo, quando andrà in scena il derby tra l’Orion e la Solo Pellico, due formazioni che hanno deciso di puntare sulla valorizzazione delle giovani e che arrivano all’appuntamento cariche di entusuiasmo per gli ultimi risultati positivi. L’appuntamento è fissato per le ore 20, si giocherà presso la Palestra delle Nuove Commerciali di via Luna e Sole.

Promette spettacolo anche la sfida tra una delle prime della classe, la Quadrifoglio Porto Torres, e il Garibaldi La Maddalena, in programma per domenica 1 marzo alle ore 16:30 presso le Scuole Medie Monte Angellu di via Palestrina.

L’altra capolista, la Pallavolo Olbia, sarà impegnata in trasferta contro la Vbc Macomer (domenica 1 marzo, ore 18, Liceo Scientifico Cocco Ortu).

Per quel che riguarda la lotta per evitare la retrocessione, la Punto avrà l’occasione di dare ossigeno alla propria classifica , visto che ospiterà il fanalino di coda Airone Oschiri (sabato 28 febbraio, ore 18, Palestra Scuola Media n°11, via Onida).

Il programma del quattordicesimo turno prevede anche le sfide: Gymland – Ghilarza (sabato 28 febbraio, ore 17, Palestra Comunale via Tharros, Cabras) e Sunvolley 2pinfissi – Stella Maris  (ore 18:30, Palestra via Arruga Su Binzali, Bauladu)

Campionati Europei indoor di tiro con l’arco: Viviana Spano vince l’argento nella prova a squadre

Viviana Spano non avrebbe potuto sperare in un esordio migliore con la maglia azzurra! Dopo aver chiuso la provaSpano individuale con l’accesso ai quarti di finale, risultato di per sè già prestigioco, la porrtacolori della Torres ha conquistato uno straordinaria medaglia d’argento nella prova a squadra della divisione compound, insieme ad Anastasia Anastasio e Marcella Tonioli, due tiratrici di valore assoluto.

Dopo aver superato in semifinale l’Olanda, le azzurre si sono arrese al cospetto del team russo al termine di una sfida ricca di emozioni. Le prime sei frecce sono terminate con le due squadre in parità (58 a 58). Le russe sono passate in vantaggio  al termine della seconda serie (118 a 117), hanno allungato nella terza voléé e hanno poi  chiuso i conti sul 233 a 228.

Torres femminile alla caccia dei tre punti contro l’Orobica

Sabato scorso, la Torres femminile ha riassaporato il gusto della vittoria, imponendosi con un rotondo 0 a 3 sul campo del Riviera di Romagna: un successo prezioso che ha permesso alle rossoblù di conservare l’imbattibilità che perdura dall’inizio del 2015.  Torres femminile

E ora le sassaresi, risalite in quarta posizione, proveranno a continuare la loro marcia contro l’Orobica, fanalino di coda della massima serie del calcio in rosa italiano, con soli 6 punti all’attivo, frutto di una sola vittoria e di tre pareggi.

In virtù della differenza di valori in campo, il pronostico pende in maniera netta dalla parte di Tona e compagne, le quali dovranno affrontare l’impegno senza distrazioni e con la necessaria concentrazione.

Dopo una  settimana di allenamenti, affrontati dalle ragazze con impegno ed entusiasmo,  mister Pompili  dovrà valutare le condizioni di Marujo, Maglia e Marchese, tutte alle prese con qualche problema di natura fisica. Detto ciò, lo formazione iniziale non dovrebbe discostarsi da quella scesa in campo nelle ultime uscite stagionali. L’appuntamento è fissato per domani, sabato 28 febbraio,  alle ore 14:30, si giocherà presso il “Peppino Sau” di Usini.

 

Serie C pallavolo femminile: squadre in campo per la diciassettesima giornata

Domani, sabato 28 febbraio, il campionato di serie C di pallavolo femminile vivrà il suo diciassettesimo atto stagionale: la capolista incontrastata Castellanese, dopo aver osservato il turno di riposo, tornerà in campo a Sant’Antioco per affrontare la Teusolki (ore 16, Palestra Lungomare) con l’intento di continuare la sua marcia vincente in testa alla classifica.Alessandra Sanna

Impegno esterno anche per la diretta inseguitrice di Melissa Speziga e compagne, la Janas, che dovrà vedersela con la Risacca Sorso. La gara avrà inizio alle ore 18:30, si giocherà presso il Centro Polivalente di via Dessì.

La Tespiense Quartu, terza forza del campionato, riceverà la visita della Gymnos Pirri, cenerentola del campionato (ore 17:30, Pal. v. Malipero, trav. via Turati).

Ferma la San Giuseppe, l’Alfieri Cagliari cercherà sul campo della Smeralda Ossi (ore 18, Tensostruttura, via San Leonardo) di conquistare i punti necessari per difendere la quinta posizione, l’ultima utile per ottenere il pass per la seconda fase, ma dovrò fare i conti con la voglia di riscatto delle ossesi, che non stanno attraversando un buon momento dal punto di vista dei risultati.

In palio punti importanti anche a Gonnesa, dove la matricola terribile Sant’Andrea Volley riceverà la visita dell’Antes Ogliastra Volley (ore17, Palestra Comunale, via Asproni), e a Oristano, dove l’Ariete ospiterà il Selargius’ 85 (ore 18, Pal. Tharros, via Pira).

 

 

Campionati Europei indoor di tiro con l’arco: la corsa di Viviana Spano si ferma solo ai quarti di finale

Ottimo risultato nella prova individuale per la sassarese Viviana Spano ai Campionati Europei indoor di tiro con l’arco, in corso di svolgimento a Koper, in Slovenia.viviana spano 2

Dopo aver chiuso la qualifica al ventunesimo posto con un bottino di 566 punti che è comunque ben al di sotto dei suoi standard, la portacolori della Torres si è prontamente ripresa negli scontri diretti.

Nei sedicesimi di finale superato la lettone Julia Oleksejenko dopo un serrato testa a testa fino all’ultima freccia. Dopo aver concluso i tiri regolari con il punteggio di 145-145, le due contendenti hanno piazzato la freccia sul 9 al tiro di spareggio, ma Viviana Spano ha piazzato la sua freccia più vicina al centro del bersaglio. P

oi si è imposta sulla francese Sandrine Vandionant per 146-145, ma è stata fermata nei quarti dalla padrona di casa Toja Cerne per 145-144 Un risultato, comunque, straordinario per un’alteta all’esordio con la maglia azzurra, che ora sogna una medaglia nella prova a squadre.

Entusiasmo nella scuola elementare di Porcellana per le giocatrici e i giocatori della Torres

Nella mattinata odierna una delegazione della SEF Torres. formata dalle giocatrici Mimma Fazio, Sabrina Marchese, Giulia Domenichetti e dai tecnici Mario Pompili e Luisa Marchio per la femminile, e da Claudio Cafiero e Giovanni Giuffida per la maschile, ha fatto visita alla scuola elementare Porcellana di Sassari.scuolaporcellana

I bambini.hanno accolto con entusiasmo straripante i campioni e le campionesse rossoblù, hanno posato con loro per le foto di rito e hanno potuto fare le domande più disparate.

Ad accogliere la delegazione sono stati il dirigente scolastico Angelo Fara, che ha raccolto subito l’idea di portare la Torres a scuola per poter vedere da vicino i campioni dello sport sassarese, e l’insegnante Letizia Fiori che ha coordinato la visita con giocatori, tecnici e dirigenti rossoblù. A tutti i bambini sono state regalate le sacche griffate Torres.

Le visite proseguiranno per le prossime settimane e fino alla fine dei campionati di serie A femminile e Lega Pro maschile della Sef Torres 1903.