Tiro con l’arco: buoni risultati tecnici al 19° Torneo Lago di Baratz

Buona partecipazione ed ottimi risultati tecnici al 19esimo Torneo Lago di Baratz di tiro con l’arco, gara 12+12 di tiro di campagna organizzata dalla Torres Sassari e svoltasi lungo le rive del lago di Baratz, nel Comune di Sassari, unico lago naturale della Sardegna, lungo un percorso che prevedeva 12 piazzuole a distanze sconosciute ed altrettante a distanze conosciute.marco-fozzi

Nell’arco olimpico senior vittoria di Andrea Del Castello (Uras,), che con 320 punti ha superato Carlo Bertoni (4 Mori, 315) e Pietro Chia (Uras, 310), fra i master Paolo Frau (Arcoristano, 285) ha preceduto Gavino Soggia (Torres, 269) e Massimo Lotta (Uras, 249). Nella categoria allievi netta affermazione di Marco Fozzi (Torres, 301) nei confronti di Samuele Montis, 263) e Federico Piano (Sardara, 247), nei ragazzi Giovanni Lotta (Uras, 271) ha avuto ragione senza difficoltà della coppia degli Arcieri Galluresi formata da Pietro Fois (167) e Federico Pinducciu (117).

  Nell’arco compound senior prima piazza per Fabio Ibba (Uras, 409) davanti al compagno di squadra Daniele Raffolini (398) e Roberto Arru (Terranoa, 359), nei master Graziano Carta (Terranoa, 375) ha prevalso su Roberto Donini (Landa, 370) e Paolo Poddighe (Torres, 368). Fra gli junior gradino più alto del podio per Luca Pinna (Portoscuso, 390) con largo margine su Riccardo Aresti (Sardara, 333) e Lorenzo Cocco (Sarcopos, 309). Negli allievi Filippo Carrus (Uras, 359) ha festeggiato davanti a Daniel Caddeo (Sardara, 342) e Salvatore Milia (Torres, 297).

Michela Demontis, regina al “The night of the rookies”

È una grande muay thai anche quella dei più giovani: e la conferma è arrivata dagli incontri del “The night of the rookies”, andato in scena al Tarantini Figth Training Center di Sassari. C’era grande attesa per la beniamina di casa, Michela Demontis, che non ha tradito le aspettative: per la sassarese è arrivata una vittoria che conferma la splendida forma e una crescita di tecnica e di esperienza.angelo_tarantini-_-michela_demontis

La manifestazione dilettantistica, organizzata nel centro sportivo di via Venezia, è stata un vero successo. Il team Tarantini ha fatto registrare tre vittorie su tre match. Sul ring si sono incontrati i migliori atleti under 13 della regione: 5 i match dilettantistici seniores che hanno fatto da contorno al main event professionistico che ha visto Michela Demontis opposta alla veneta Angelica Siracusa (Team Cassola).

Il fenomeno sassarese, salito di categoria per per affrontare l’avversaria, è partita subito decisa e ha fatto suoi tutti i round. Con l’atleta veneta, mai doma, è stata una vera e propria battaglia. «E’ stato un match molto intenso ha detto Michela Demontis a fine incontro che mi ha messo a dura prova. Ho “regalato” diversi kg alla mia avversaria, ma che volevo assolutamente disputare e vincere». E adesso la giovane atleta allenata da Angelo Tarantini punta al titolo italiano Kombat league anche in questa divisione ed è già pronta per sfidare l’atleta uscente dalla title shot del 27 maggio, prima di puntare al titolo europeo WBC.

Per il team Tarantini risultato positivo anche per Alessandro Cuccuru che ai punti ha battuto Fabio Allegri (Team Masala) e per Gabriele Pagano che si è imposto per ko al secondo round su Stefano Virgilio (Team Shardana).


Ottime le performance del settore giovanile  della scuola sassarese,  guidata da Vincenzo Casu e Paride Scanu, che è salita sul ring con
Davide Manca, Lara Petretto, Roberta Sanna, Matteo Dore, Matteo Chessa e Carolina Cuccuru.


Il prossimo appuntamento, questa volta con la muay thai professionistica, è per il 17 giugno quando andrà in scena l’edizione numero 22 del Muay thai Explosion, con il trofeo internazionale “Nello Tarantini 2017”. 

Omar Magliona si schiera al Reventino per la prima prova del Tricolore della montagna

Omar Magliona è pronto a schierarsi al via della prima prova del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 in Calabria. Alla 19^ Cronoscalata del Reventino, dal 28 al 30 aprile, il campione sardo della scuderia siciliana CST Sport tornerà protagonista del Tricolore al volante della Norma M20 Fc Zytek gommata Pirelli emagliona-livery2017-norma-zytek preparata dal Team Faggioli sulla quale a metà aprile ha svolto un veloce collaudo in pista. La salita di Lamezia Terme è appuntamento atteso dal circus degli scalatori e per Magliona, sei volte consecutive campione italiano prototipi CN e vincitore del Trofeo Italiano E2SC nel CIVM 2016 alla prima stagione sulla sportscar francese, sarà importante riprendere il lavoro di messa a puntoche aveva iniziato a dare positivi riscontri nella parte finale della scorsa stagione. Dopo le verifiche del venerdì, lungo i sei chilometri del tracciato fino a Platania determinanti saranno dunque le due salite di provain programma sabato con start alle 9.30. Stesso orario domenica 30 aprile per il via di gara-1, con gara-2 a seguire.

Magliona commenta così in vista della prova calabrese:L’obiettivo della gara d’esordio stagionale non può che essere quello di riprendere confidenza con la vettura e il clima del CIVM nel miglior modo possibile. Siamo certamente felici di ripresentarci con i colori CST Sport e su un prototipo che abbiamo voluto confermare dopo il 2016 di debutto e sul quale il team ha apportato alcune modifiche che speriamo possano dare dei risultati al più presto e che comunque andranno verificate e migliorate. Vedremo già in prova al Reventino a quale livello di sviluppo ci troveremo. Di sicuro il tracciato di Lamezia Terme è uno dei più impegnativi ma anche uno dei miei preferiti. La motivazione non manca e quindi non vedo l’ora che si accendano i motori.

Tore Pinna, grazie di tutto!

Oggi non scriviamo della partita, di una sconfitta che, seppur immeritata, rende ancora più ardua la già difficile rincorsa della Torres verso la tore_pinnasalvezza, ma preferiamo spendere due parole per omaggiare due giocatori, ma sarebbe meglio scrivere due uomini, Tore Pinna e Alex Frau, che stanno dando cuore e anima per la maglia e per i colori in uno dei momenti più difficili dell’ultracentenaria storia del sodalizio sassarese. Le lacrime a fine gara, del portierone rossoblù, salutato dai cori della sua curva, rappresentano l’unico momento da ricordare,  dell’intera stagione, un insegnamento per le nuove generazioni.

Un unico obiettivo per la Verdeazzurro: la vittoria. Sfida salvezza contro la Ginnastica Spezia

Non sono più ammessi errori o distrazioni, la Verdeazzurro dovrà scendere in campo, avendo in mente un solo obiettivo: la vittoria, unico risultato che consentirebbe ai16602715_1864710507077031_8145113250358515212_n ragazzi di Patrizia Canu di poter ancora sperare nella permanenza nella seconda serie dell’handball nazionale. I sassaresi, che occupano l’ultima posizione della classifica del girone A con nove punti all’attivo, si troveranno di fronte la Ginnastica Spezia, formazione che li precede in classifica di soli due punti in vantaggio. La vittoria consentirebbe quindi a Cherosu e compagni di lasciare agli spezzini la scomoda ultima posizione della classifica, in vista dell’ultima giornata, quando la Verdeazzurro dovrò affrontare un’altra diretta concorrente nella lotta per la salvexza, il Città Giardino. Ma prima, come scritto precedentemente, bisognerà superare l’ostacolo Ginnastica Spezia e per farlo sarà necessario il sostegno del pubblico, che domani, alle 17, dovrà far diventare il Palasantoru una vera e propria polveriera.

La Torres femminile vince la Coppa Italia di serie C

Nella serata di mercoledì la Torres femminile ha messo in bacheca il primo trofeo del nuovo corso, la Coppa Italia di serie C, grazie alla vittoria con il roboante risultato di 9 a 0 contro il Villacidro. La vera mattatrice della gara è stata la talentuosa Maria Grazia Ladu, che ha realizzato cinque reti, mentre le altre segnature hanno portato la firma di Floriana Monti, Roberta Razzoli, Francesca Piras e Marina Senes.

 

Latte Dolce a un passo dalla salvezza: il presidente Roberto Fresu carica i biancocelesti in vista della sfida col Monterosi

Il Latte Dolce torna a giocare: dopo il turno di riposo nell’infrasettimanale e la sosta pasquale i biancocelesti di mister Massimiliano Paba si preparano alla trasferta di Monterosi, terzultimo appuntamento della stagione per Garau e compagni, ai quali manca un  solo punto per conquistare la salvezza matematica, ma per festeggiare potrebbero bastare anche solo gli incastri di risultati .delle altre sfide in programma per il terzultimo turno del girone G della serie D.latte-dolce-sassari

«Chiaro che i ragazzi andranno a Monterosi determinati ad affrontare la gara come già fatto in occasione della gara giocata e vinta contro il Trestina – ha dichiarato il presidente del sodalizio biancoceleste, Roberto Fresu -. Scenderemo in campo per fare la nostra partita, per provare a fare bene e prendere almeno un punto. Vero è che loro sono lanciatissimi nella corsa alla vittoria del campionato o di un posto al sole nella griglia playoff, ed è anche vero che la settimana prossima resteranno seduti sul divano a guardare con in tasca i tre punti del match con Foligno. Quel che è certo è che non troveremo un Monterosi tranquillo e sereno disposto a scansarsi, tutt’altro. Noi abbiamo qualche problema di assenze fra infortuni e squalifiche, però si va lì a fare la nostra partita, frase fatta ma sempre valida, e poi si vedrà. Più che altro orecchio alle radioline e occhio agli sms per capire cosa faranno quelle alle spalle: la salvezza vogliamo centrarla e cementarla noi con le nostre prestazioni, ma potrebbe dipendere anche dai risultati sugli altri campi: anche perdendo potremmo essere salvi matematicamente, ma non dobbiamo affidarci a questo calcolo, dobbiamo giocare. Dovremo fare i conti solo con noi stessi, la conferma della serie D è a un passo, ma è giusto che la mentalità messa in campo sia la stessa  portata avanti sino adesso. Veniamo dalla storica vittoria del campionato di Eccellenza, meritata e sofferta. Quest’anno ci siamo confrontati con un mondo diverso, complicato, abbiamo avuto dei problemi di infortuni, trovato avversari spigolosi: nessuno mai ci ha regalato un punto, qualcuno lo abbiamo lasciato noi per strada. Sudando e soffrendo per ogni risultato regalato alla nostra classifica. Rimaniamo fiduciosi , per il futuro e per la difficile sfida al Monterosi. Non ci sono gare e risultati scontate scontati, l’insidia è dietro l’angolo ed è meglio non fidarsi. Se strapperemo un pareggio sarà tanto di guadagnato, di più ancora qualora dovesse arrivare una vittoria. A Rieti abbiamo vinto d’altra parte, non è impossibile ripetere l’impresa: nulla è scontato in questa stagione. Il 30 aprile poi giocheremo l’ultima partita in casa di questa stagione, contro il Rieti, e chiederò ai ragazzi di disputare una grande partita davanti al loro pubblico lasciando un buon ricordo di questa che ci auguriamo tutti possa essere una storica annata da incorniciare. Giochiamo a Monterosi, al 90′ guardiamo la classifica sperando di aver aggiunto almeno un punto che possa permetterci di scatenare la gioia per l’impresa compiuta».

 

A San Giovanni è tempo di Olimpiase

Tempo di Primavera, tempo di Olimpiase 2017. San Giovanni, sede del Cus Sassari, è la casa naturale degli studenti universitari sassaresi. Ma San Giovanni, sede del Cus Sassari, è anche uno spazio attrezzato e funzionale alla pratica dello sport in tutte le sue forme, che, da domani, ospiterà il torneo multidisciplinare organizzato dall’ Associazione Studenti di Economia in collaborazione con il Centro Sportivo Universitario sassarese del presidente Nicola Giordanelli, L’evento, giunto alla sua quinta edizione, capace di catalizzare l’attenzione della popolazione studentesca che, variegata e compatta, ha ancora una volta accettato la sfida e risposto presente alla chiamata. untitled

Il programma prevede quattro differenti giornate di gare: si parte domani, venerdì 21 aprile con le sfide sul campo del calcio a cinque, si prosegue il 28 aprile con la pallacanestro, il 5 maggio con la pallavolo e il 12 maggio, chiusura del torneo, con gli attesi Giochi Senza Frontiere. Sono 10 le squadre partecipanti all’Olimpiase – fra Facoltà e Associazioni studentesche – composte da 20 giocatori ciascuna: ASE Economia, ASP Scienze Politiche, ELSA Giurisprudenza, Arkimastria Architettura, AGT Goliardia, SISM Medicina, AISO Professioni Agrarie, ASA Agraria, ESN Erasmus e SNS Scienze Naturali.

«Favoriamo l’aggregazione e la socializzazione degli studenti del nostro Ateneo, questa è una mission che perseguiamo e continueremo a perseguire, sempre  – afferma il presidente del Cus Sassari Nicola Giordanelli -. L’Olimpiase è un importante momento di sport per l’Università e per il Cus, siamo onorati di ospitare ancora una volta questo torneo e felici di vedere gli impianti di San Giovanni vivi e animati di sana passione sportiva».

In palio la Coppa Italia tra Torres femminile e Villacidro

Lo scorso 12 febbraio la vittoria per 8 a o contro il Villacidro valse alla Torres femminile la promozione matematica nella serie B del calcio in rosa. torres-femminileDomani alle ore 20:30, presso il campo del Centro di Formazione Federale “Tino Carta”di Oristano, le due compagini si troveranno nuovamente di fronte per la finale della Fase Regionale della Coppa Italia di serie C. La squadra che si aggiudicherà la sfida otterrà il diritto a partecipare alla Fase Nazionale della competizione. In caso di parità al termine dei novanta minuti di gioco verranno disputati due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno poi, nel caso in cui dovesse persistere la parità, verranno battuti i calci di rigore

Vittoria della Dinamo contro Capo d’Orlando

Cremona, Brindisi, Trento e…Capo d’Orlando: nella vigilia di Pasqua la Dinamo si regala il poker di vittorie, sconfiggendo per 74 a 64 i rabberciati ma combattivi dinamo-capo-dorlandosiciliani, che hanno fatto soffrire i ragazzi di coach Pasquini molto più di quanto non dica il passivo maturato al termine dei quaranta minuti di gioco, apertisi con un parziale iniziale di 7 a 2 dei biancoblù, firmato Lighty, Sacchetti e Lydeka. Ma gli ospiti, pur privi di uno degli elementi di maggior spessore, Archie, non sono rimasti a guardare e hanno risposto con un contro parziale di 0 a 11, grazie al quale si sono portati sul 7 a 13, per poi chiudere il primo quarto sul + 4 (16 a 20). Siciliani in gran spolvero anche in avvio del secondo periodo, quando hanno toccato il vantaggio massimo di 11 punti (20 a 31). Nel momento più difficile della serata, il capitano Jack Devecchi ha dato la scossa alla sua squadra che, a cavallo tra il secondo e il terzo periodo, ha trovato lo sprint necessario per operare il controsorpasso (41 a 38 con due triple di Bell) e presentarsi con sette punti di vantaggio (57 a 50) al via dell’ultimo quarto, quando i siciliani sono riusciti a risalire fino al – 1, prima di essere definitivamente ricacciati indietro dalle giocate di Savanovic e Stipcevic.